La Cina intende aumentare la presenza militare in Medio Oriente

La Cina intende aumentare la sua presenza militare in Medio Oriente e costruire una seconda base navale all’estero. Lo scrive il giornale South China Morning Post.

Il media cinese rileva che Pechino intende costruire una base navale vicino al porto strategicamente importante di Gwadar nel Pakistan.

Questa struttura è una parte basilare del corridoio economico sino-pakistano e rientra tra gli snodi principali del progetto economico cinese “Via della Seta” del presidente Xi Jinping.

Le fonti del giornale indicano che le intenzioni di Pechino sono emblematiche del piano per la “militarizzazione cinese” del Pakistan ed in particolare dell’Oceano Indiano. Inoltre, la Cina può “usare il Paese contro l’India e ignorare le preoccupazioni per il terrorismo”. Tuttavia, gli esperti intervistati dal giornale hanno osservato che l’esperienza e le capacità della flotta indiana nella regione sono più solide di quelle del Pakistan o della stessa Cina.

La scorsa estate tra l’India e la Cina è cresciuta la tensione in seguito ad un incidente sull’altopiano di Doklam, una zona montuosa a ridosso dei confini dei due Paesi e il Bhutan. Le truppe indiane hanno scacciato i cinesi fuori dall’altopiano dopo che Pechino aveva iniziato i lavori per costruire una strada. Successivamente il ministero degli Esteri cinese aveva riferito che la zona in cui si costruiva la strada era di nuovo sotto il controllo dell’esercito cinese. Alla fine di agosto le parti hanno concordato la separazione delle proprie truppe dall’altopiano.


Fonte: sputniknews.com, 9 gen 18

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.