La Cina ingiusta è una minaccia alla giustizia ovunque: i tibetani condividono esperienze di ingiustizia in Tibet

Yangchen Dolma, DHARMASHALA, INDIA, (TPI): – Per portare l’attenzione e il sostegno a livello mondiale per l’attuale situazione critica in Tibet sotto il regime oppressivo comunista totalitario cinese, cinque importanti organizzazioni non governative tibetane (ONG) con sede in India fanno appello alle comunità internazionali, governi, organizzazioni e leader del mondo per sostenere la lotta dei tibetani per la libertà.

Nella foto(TPI): attivisti tibetani delle cinque importanti ONG tibetane. sui striscioni c’è riportato “La Cina ingiusta è una minaccia alla giustizia ovunque”, a Dharamshala, in India, il 17 luglio 2020. 

Durante un evento a Dharamshala, in India, venerdì 17 luglio 2020, i manifestanti con manifesti, striscioni e bandiere invocano l’indipendenza della legittima sovranità storica del Tibet e rimproverano “One China Policy”, contro la storia del mondo. “Con questo abbiamo anche evidenziato la recente gestione malevola del Tibet da parte del governo cinese riguardo al Coronavirus originato da Wuhan”, hanno detto i rappresentanti in una dichiarazione congiunta.

Le cinque importanti ONG tibetane tra cui Tibetan Youth Congress (TYC), Tibetan Women Association (TWA), Students for a Free Tibet (SFT), Gu Chu Sum Movement for Tibet e National Democratic Party of Tibet (NDPT) hanno emesso una petizione congiunta che è stata presentata agli Inviati / Ambasciate straniere in India per attirare l’attenzione e il sostegno a livello mondiale per l’attuale situazione critica in Tibet sotto il dominio cinese oppressivo.

“Dallo scoppio dell’epidemia, il governo cinese non è stato trasparente né ha adottato misure per chiarire queste accuse. La Cina ha maliziosamente adottato misure per nascondere tutte le informazioni sulla pandemia dal resto del mondo, compresa l’accusa del dottor Li Wen Liang e molti altri che hanno cercato di informare il mondo dell’emergenza “, ha detto il presidente di Gonpo Dhondup TYC.

“Hanno negato l’ingresso ai gruppi di ricerca delle organizzazioni nazionali internazionali e limitato l’ingresso dei giornalisti stranieri. Qualsiasi possibile problema relativo alla copertura digitale della malattia è stato condannato dalla Cina. Questa diplomazia è stata utilizzata anche per mantenere la comunità globale nell’oscurità. Una nuova voce collettiva di critiche contro la Cina è in corso da vari parlamentari, organizzazioni non governative (ONG) e livelli di governo di tutto il mondo “, ha aggiunto il presidente di TYC.

“Noi tibetani e sostenitori di tutto il mondo dobbiamo unirci insieme per rendere la Cina responsabile della pandemia che ha causato seicentomila vite. I tibetani sono stati testimoni del regime cinese di ingiustizia e repressione in Tibet da più di 60 anni. Su sei milioni di tibetani, oltre 1 milione di tibetani sono stati perseguitati e uccisi. Il patrimonio culturale tibetano è stato decimato con più di 6000 monasteri demoliti “, ha detto il segretario della TWA Tenzin Khando.

“Migliaia di tibetani sono stati detenuti come prigionieri politici, tra cui Gedhun Choekyi Nyima, l’undicesimo Panchen Lama, rapito all’età di 6 anni e la cui ubicazione è ancora sconosciuta. Dal 2009 in poi, 155 monaci e laici hanno fatto ricorso all’autoimmolazione per esprimere il bisogno di libertà sotto il regime cinese. I loro appelli hanno sempre incluso richieste di indipendenza e ritorno di Sua Santità il Dalai Lama in Tibet ”, ha aggiunto il segretario Khando.

“In particolare quest’anno in Tibet, con il pretesto dell’epidemia di Coronavirus, i cinesi hanno imposto severe restrizioni a monaci e laici tibetani che si recano nei monasteri per il culto e le benedizioni. Le riunioni e le assemblee religiose sono vietate. In nome delle questioni di sicurezza nazionale, le autorità cinesi hanno bloccato tutti i canali di rete esterni e i social media ”, ha affermato il direttore della SFT Rinzin Choedon.

“Inoltre, sondano tutti i contatti del cellulare e il contenuto dei familiari, in particolare di quelli che hanno parenti all’estero. Non si sa dove si trovino le vittime di ricorrenti arresti indiscriminati e rapimenti “, ha aggiunto il direttore Choedon.

“Oltre a passare commenti sprezzanti su Sua Santità il Dalai Lama attraverso tutti i media cinesi, i laici ei monaci sono anche costretti a denunciare Sua Santità in tutti i raduni e nei monasteri per opporsi al separatismo in nome del patriottismo, dell’educazione progressista e degli affari religiosi “, Ha detto il presidente del NDPT Tsetan Norbu.

“Questi problemi estremamente gravi di atrocità sui diritti umani censurati dall’ingannevole regime cinese per 60 anni sono emersi sotto la copertura malefica cinese del Coronavirus di Wuhan. Ecco una forte causa e prove perché il mondo agisca contro la Cina per le loro azioni sbagliate in 17 pagine della situazione critica del Tibet “. Ha detto il Segretario del Movimento Gu Chu Sum.

“Pertanto, chiediamo ai governi internazionali, alle organizzazioni e ai leader mondiali di dare testimonianza dell’urgenza della situazione critica del Tibet; dare il loro sostegno più che mai ai tibetani nella nostra lotta per la libertà e l’indipendenza della legittima sovranità storica e rimproverare “Una politica per la Cina”, hanno inoltre affermato nella dichiarazione congiunta.

Traduzione di Roy Merlo,per Arcipelago laogai: in Memoria di Harry Wu

Fonte: Nepal 24hours,17/09/2020


Noi di Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu siamo diversi dagli altri media perché abbiamo scelto di non farci influenzare da nessun governo, società o partito politico. Il nostro unico obiettivo è di fornire ai nostri lettori informazioni accurate e reali in un clima responsabile. Non seguiamo la tendenza asservita dell’odierno ambiente mediatico del giornalismo, che insegue scopi politici di pura propaganda e non di una corretta e trasparente informazione.


Articolo in inglese:

Unjust China Is A Threat To Justice Everywhere: Tibetans Share Experiences Of Injustice In Tibet 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.