- Arcipelago Laogai - https://www.laogai.it -

La Cina ha una prigione segreta a Dubai, dove detiene gli uiguri. [Video]

Una giovane donna cinese afferma di essere stata trattenuta per otto giorni in una struttura di detenzione segreta gestita dai cinesi a Dubai insieme ad almeno due uiguri, in quella che potrebbe essere la prima prova che la Cina sta gestendo un cosiddetto “sito nero” oltre i suoi confini .

La donna, la 26enne Wu Huan, era in fuga per evitare l’estradizione in Cina perché il suo fidanzato era considerato un dissidente cinese. Wu ha detto all’Associated Press di essere stata rapita da un hotel a Dubai e detenuta da funzionari cinesi in una villa trasformata in una prigione, dove ha visto o sentito altri due prigionieri, entrambi uiguri.

È stata interrogata e minacciata in cinese e costretta a firmare documenti legali che incriminavano il suo fidanzato per averla molestata, ha detto. È stata finalmente rilasciata l’8 giugno e ora sta cercando asilo nei Paesi Bassi.

Mentre i “siti neri o black jails” sono comuni in Cina, il resoconto di Wu è l’unica testimonianza nota agli esperti che Pechino ne abbia creato uno in un altro paese. Un sito del genere rifletterebbe come la Cina stia sempre più usando la sua influenza internazionale per detenere o riportare indietro i cittadini che vuole dall’estero, siano essi dissidenti, sospettati di corruzione o minoranze etniche come gli uiguri.

L’AP non è stata in grado di confermare o smentire il resoconto di Wu in modo indipendente e non è stata in grado di individuare l’esatta posizione del sito nero. Tuttavia, i giornalisti hanno visto e sentito prove a sostegno, tra cui timbri sul passaporto, una registrazione telefonica di un funzionario cinese che le poneva domande e messaggi di testo che aveva inviato dal carcere a un pastore che aiutava la coppia.

Il ministero degli Esteri cinese ha negato la sua storia. “Quello che posso dirvi è che la situazione di cui ha parlato la persona non è vera”, ha detto lunedì il portavoce del ministero Hua Chunying.

La polizia di Dubai ha dichiarato lunedì che qualsiasi affermazione di una donna cinese detenuta dalle autorità locali per conto di un paese straniero è falsa e che Wu è uscita liberamente dal paese con la sua amica tre mesi fa.

“Dubai non trattiene alcun cittadino straniero senza seguire le procedure accettate a livello internazionale e le procedure di applicazione della legge locale, né consente ai governi stranieri di gestire centri di detenzione all’interno dei suoi confini”, ha affermato una dichiarazione dell’ufficio stampa del governo di Dubai.  [1]“Dubai segue anche tutte le norme e le procedure globali riconosciute stabilite da organizzazioni internazionali come l’Interpol nella detenzione, nell’interrogatorio e nel trasferimento dei fuggitivi ricercati dai governi stranieri”.

I siti neri sono carceri clandestine in cui i prigionieri generalmente non sono accusati di un crimine e non hanno ricorso legale, senza cauzione o ordine del tribunale. Molti in Cina sono usati per fermare i firmatari con rimostranze contro i governi locali e spesso prendono la forma di stanze in hotel o pensioni.

Yu-Jie Chen, assistente professore presso l’Academia Sinica di Taiwan, ha affermato di non aver sentito parlare di una prigione segreta cinese a Dubai e che una struttura del genere in un altro paese sarebbe insolita. Tuttavia, ha anche notato che sarebbe in linea con i tentativi della Cina di fare tutto il possibile per riportare indietro cittadini selezionati, sia attraverso mezzi ufficiali come la firma di trattati di estradizione che mezzi non ufficiali come la revoca dei visti o facendo pressione sulla famiglia a casa.

“La Cina non era davvero interessata a raggiungere gli ultimi anni”, ha detto Chen, che ha seguito le azioni legali internazionali della Cina. “Questa tendenza è sempre più feroce”.

Chen ha affermato che gli uiguri in particolare sono stati estradati o restituiti in Cina, che ha detenuto la minoranza prevalentemente musulmana con l’accusa di terrorismo anche per atti relativamente innocui come la preghiera. L’Uyghur Human Rights Project ha monitorato 89 uiguri detenuti o deportati da nove paesi dal 1997 al 2007 attraverso rapporti pubblici. Quel numero è aumentato costantemente fino a raggiungere 1.327 da 20 paesi dal 2014 ad oggi, ha scoperto il gruppo.

Wu e il suo fidanzato, la diciannovenne Wang Jingyu, non sono uiguri ma cinesi han, l’etnia maggioritaria in Cina. Wang è ricercato dalla Cina perché ha postato messaggi che mettevano in dubbio la copertura mediatica cinese delle proteste di Hong Kong nel 2019 e le azioni della Cina in uno scontro di confine con l’India.

Insieme agli uiguri, la Cina ha represso i presunti dissidenti e gli attivisti per i diritti umani e ha lanciato un enorme sforzo per riconquistare i funzionari sospetti come parte di una campagna nazionale anti-corruzione. Sotto il presidente Xi Jinping, il leader più autoritario della Cina da decenni, Pechino ha riportato indietro 1.421 persone solo nel 2020 per presunta corruzione e crimine finanziario nell’ambito dell’operazione Skynet. Tuttavia, l’AP non è riuscita a trovare numeri completi per quanti cittadini cinesi in generale sono stati detenuti o espulsi dall’estero negli ultimi anni.

Dubai ha anche una storia come luogo in cui gli uiguri vengono interrogati e deportati in Cina. E gli attivisti affermano che la stessa Dubai è stata collegata a interrogatori segreti che coinvolgono altri paesi. Radha Stirling, un avvocato legale che ha fondato il gruppo di advocacy Detained a Dubai, ha affermato di aver lavorato con circa una dozzina di persone che hanno riferito di essere state detenute in ville negli Emirati Arabi Uniti, compresi cittadini di Canada, India e Giordania ma non in Cina.

“Non c’è dubbio che gli Emirati Arabi Uniti abbiano detenuto persone per conto di governi stranieri con cui sono alleati”, ha detto Stirling. “Non credo che scrolleranno le spalle a una richiesta di un alleato così potente.”

Tuttavia, Patrick Theros, un ex ambasciatore degli Stati Uniti in Qatar che ora è consigliere strategico del Forum internazionale del Golfo, ha definito le accuse “totalmente fuori luogo” per gli Emirati.

“Non consentono agli alleati libertà di movimento”, ha detto. “L’idea che i cinesi abbiano un centro clandestino, non ha senso”.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti non ha rilasciato commenti sul caso specifico di Wu o sull’esistenza di un sito nero gestito dalla Cina a Dubai.

“Continueremo a coordinarci con alleati e partner per opporci alla repressione transnazionale ovunque”, ha affermato in una dichiarazione all’AP.

RINCHIUSA IN UN IMMOBILE

Wu, una cinese con i capelli corti tinti di biondo, non si è mai interessata alla politica prima. Ma dopo che il suo fidanzato è stato arrestato a Dubai il 5 aprile con accuse poco chiare, ha iniziato a rilasciare interviste ai media e a contattare i dissidenti cinesi residenti all’estero per chiedere aiuto.

[2]

Il 27 maggio, ha detto Wu, è stata interrogata da funzionari cinesi nel suo hotel, l’Element al-Jaddaf, e poi portata dalla polizia di Dubai alla stazione di polizia di Bur Dubai. Il personale dell’hotel ha rifiutato in un’intervista telefonica per confermare il suo soggiorno o la sua partenza, dicendo che era contro la politica aziendale divulgare informazioni sugli ospiti.

È stata trattenuta per tre giorni alla stazione di polizia, ha detto, con il telefono e gli effetti personali confiscati. Il terzo giorno, ha detto, un uomo cinese che si è presentato come Li Xuhang è venuto a trovarla. Le disse che stava lavorando per il consolato cinese a Dubai e le chiese se avesse preso soldi da gruppi stranieri per agire contro la Cina.

“Ho detto di no, amo così tanto la Cina. Il mio passaporto è cinese. Sono una persona cinese. Parlo cinese”, ha detto. “Ho detto, come potrei farlo?”

Li Xuhang è elencato come console generale sul sito web del consolato cinese a Dubai. Il consolato non ha risposto a più chiamate per chiedere commenti e parlare direttamente con Li.

Wu ha detto che Li l’ha portata fuori dalla stazione di polizia insieme a un altro cinese che l’ha ammanettata e l’hanno messa su una Toyota nera. C’erano più cinesi nell’auto, ma Wu era troppo spaventato per vedere chiaramente i loro volti.

Il suo cuore batteva forte, oltrepassarono un’area dove molti cinesi vivevano e possedevano attività commerciali a Dubai chiamata International City, che Wu riconobbe da un precedente viaggio a Dubai.

Dopo aver guidato per mezz’ora, si fermarono in una strada deserta con file di composti identici. È stata portata all’interno di una villa bianca a tre piani, dove una serie di stanze erano state convertite in celle individuali, ha detto.

La casa era silenziosa e fredda in contrasto con il caldo del deserto. Wu è stata portata nella sua cella, una stanza che era stata rinnovata per avere una porta di metallo pesante.

C’era un letto nella sua stanza, una sedia e una luce fluorescente bianca accesa giorno e notte. La porta di metallo rimase chiusa tranne quando le diedero da mangiare.

“In primo luogo, non c’è il senso del tempo”, ha detto Wu. “E secondo, non c’è finestra, e non riuscivo a vedere se fosse giorno o notte.”

Wu ha detto che una guardia l’ha portata diverse volte in una stanza dove l’hanno interrogata in cinese e l’hanno minacciata che non le sarebbe mai stato permesso di andarsene. Le guardie indossavano sempre maschere per il viso.

Ha visto un’altra prigioniera, una donna uigura, mentre aspettava di usare il bagno una volta, ha detto. Una seconda volta, ha sentito una donna uigura gridare in cinese: “Non voglio tornare in Cina, voglio tornare in Turchia”. Wu ha identificato le donne come uigure in base a ciò che ha detto essere il loro aspetto e accento distintivi.

Wu ha detto che veniva nutrita due volte al giorno, con il secondo pasto una pila di focacce semplici. Ha dovuto chiedere alle guardie il permesso di bere acqua o di andare in bagno. Avrebbe dovuto essere autorizzata ad andare in bagno un massimo di cinque volte al giorno, ha detto Wu, ma questo dipendeva dall’umore delle guardie.

Le guardie le hanno anche dato un telefono e una scheda SIM e le hanno detto di chiamare il suo fidanzato e pastore Bob Fu, il capo di ChinaAid, un’organizzazione no-profit cristiana, che stava aiutando la coppia.

Wang ha confermato all’AP che Wu ha chiamato e gli ha chiesto la sua posizione. Fu ha detto di aver ricevuto almeno quattro o cinque chiamate da lei durante questo periodo, alcune su un numero di telefono sconosciuto di Dubai, inclusa una in cui piangeva e quasi incoerente. Ha di nuovo incolpato Wang e ha detto che Fu non doveva aiutarlo.

L’AP ha anche esaminato i messaggi di testo che Wu ha inviato a Fu in quel momento, che sono sconnessi e irregolari.

“Potrei dire che si stava nascondendo dal dirmi dove si trovava”, ha detto Fu. “A quel punto abbiamo concluso che le è successo qualcosa che le ha impedito persino di parlare”.

Wu ha detto che verso la fine del suo soggiorno ha rifiutato i pasti, ha urlato e pianto nel tentativo di essere rilasciata. L’ultima cosa che i suoi rapitori le hanno chiesto, ha detto, era di firmare documenti in arabo e inglese che attestassero che Wang la stava molestando.

“Ero davvero spaventata e sono stata costretta a firmare i documenti”, ha detto all’AP. “Non volevo firmarli.”

RETE DI INFORMATICA PER L’INTELLIGENZA CINESE

Negli ultimi anni sono emerse segnalazioni di emirati e stranieri portati in ville, a volte a tempo indeterminato.

Forse il caso più noto riguarda la sceicca Latifa bint Mohammed bin Rashid Al Maktoum, la figlia del sovrano di Dubai. Sheikha Latifa ha cercato di fuggire nel 2018 con un natante, ma è stata intercettata dalla guardia costiera indiana nel Mar Arabico e riconsegnata agli Emirati Arabi Uniti.

Nei video pubblicati dalla BBC a febbraio, afferma di essere stata trattenuta contro la sua volontà in una villa a Dubai.

“Sono un ostaggio”, dice in uno dei video. “Questa villa è stata trasformata in prigione.” Una dichiarazione rilasciata da allora a nome di Sheikha Latifa ha affermato che ora è libera di viaggiare.

La Cina e gli Emirati Arabi Uniti, una federazione di sette sceiccati nella penisola arabica, hanno profondi legami economici e politici e lavorano insieme anche sul controspionaggio. La Cina ha ratificato un trattato di estradizione con gli Emirati Arabi Uniti nel 2002 e un trattato di cooperazione giudiziaria nel 2008. Gli Emirati Arabi Uniti erano un sito sperimentale per i vaccini COVID cinesi e hanno collaborato con la Cina per effettuare test.

Lo sceicco Mohammed bin Zayed Al Nahyan, il principe ereditario di Abu Dhabi e di fatto sovrano degli Emirati Arabi Uniti, ha affermato di essere disposto a lavorare con la Cina per “colpire congiuntamente le forze terroristiche estremiste” [3] , incluso il Movimento islamico del Turkestan orientale, un gruppo militante Pechino è accusata di favorire il separatismo uiguro. Alla fine del 2017 e all’inizio del 2018, le autorità locali hanno arrestato e deportato in Cina almeno cinque uiguri, secondo quattro amici e parenti che hanno parlato al telefono con l’AP.

In un caso, un residente di lunga data degli Emirati Arabi Uniti, Ahmad Talip, è stato interrogato in una stazione di polizia locale e detenuto, secondo sua moglie, Amannisa Abdullah, che ora si trova in Turchia. In un altro caso, otto agenti in borghese hanno fatto irruzione in una stanza d’albergo e hanno arrestato un ragazzo di 17 anni che era appena fuggito da un raid della polizia in Egitto.

Le detenzioni sono state eseguite da arabi che sembravano essere poliziotti degli Emirati Arabi Uniti, non agenti cinesi, hanno detto gli uiguri. Tuttavia, uno dei detenuti, Huseyin Imintohti, è stato prelevato da tre agenti cinesi in un ristorante uiguro a Dubai prima della sua espulsione, secondo sua moglie, Nigare Yusup.

Un altro detenuto uiguro, Yasinjan Memtimin, è stato interrogato due volte da persone negli Emirati Arabi Uniti che sembravano essere poliziotti cinesi, ha detto sua moglie, che ha rifiutato di essere nominata per paura di ritorsioni. Riferisce di aver sentito da un uiguro fuggito all’estero da una struttura di detenzione negli Emirati Arabi Uniti dove gli uiguri sono stati incarcerati e interrogati, ma non ha potuto fornire ulteriori dettagli.

Gli Emirati Arabi Uniti sembrano essere un hub per l’intelligence cinese sugli uiguri in Medio Oriente, hanno detto all’AP gli ex residenti uiguri. Un linguista uiguro, Abduweli Ayup, ha detto di aver parlato con tre uiguri costretti a lavorare come spie in Turchia che sono passati da Dubai per ritirare carte SIM e contanti e incontrare agenti cinesi.

Jasur Abibula, un ex impiegato del governo dello Xinjiang, ha anche detto all’AP che la sicurezza dello stato cinese lo ha attirato dai Paesi Bassi negli Emirati Arabi Uniti nel 2019 dopo che la sua ex moglie, Asiye Abdulaheb, ha ottenuto documenti riservati sui campi di internamento nello Xinjiang [4] . È stato accolto da una dozzina di persone che lavorano per il governo cinese a Dubai,  almeno due di loro  si sono presentati come dipendenti del Ministero della Sicurezza di Stato cinese.

Uno, un uomo uiguro sulla cinquantina che ha fornito il suo nome come Dolet, ha detto che era di stanza a Dubai. L’altro, un cinese Han che parlava fluentemente uiguro, ha detto che era in missione per scoprire la fonte delle fughe di notizie, secondo Abibula.

Gli agenti hanno presentato ad Abibula una USB e gli hanno chiesto di inserirla nel computer della sua ex moglie. Gli hanno offerto dei soldi, lo hanno sistemato in un resort dell’Hilton e hanno comprato giocattoli per i suoi figli. Lo hanno anche minacciato, mostrandogli un video di sua madre in Cina. Durante un viaggio tra le dune di sabbia, uno ha detto che gli ricordava i deserti dello Xinjiang.

“Se ti uccidiamo e ti seppelliamo qui, nessuno sarà in grado di trovare il tuo corpo”, ha ricordato che gli avevano detto. Abibula è ora tornato nei Paesi Bassi, dove l’AP gli ha parlato per telefono e ha inviato le foto di alcuni agenti, del suo hotel e del suo biglietto aereo per sostenere le sue affermazioni.

Oltre agli Emirati Arabi Uniti, molti altri paesi hanno collaborato con la Cina per rimandare indietro gli uiguri. Nel 2015, la Thailandia ha rimpatriato oltre 100 uiguri in Cina [5] . Nel 2017, la polizia egiziana ha arrestato centinaia di studenti e residenti uiguri [6] e ha rimandato indietro anche loro.

Rodney Dixon, un avvocato per i diritti con sede a Londra che rappresenta i gruppi uiguri, ha affermato che la sua squadra ha intentato una causa contro il Tagikistan presso la Corte penale internazionale, accusando le autorità locali di aiutare la Cina a deportare gli uiguri.

La Cina non è il primo paese a dare la caccia a persone ritenute sospetti terroristi al di fuori dei suoi confini. Dopo l’11 settembre, il governo degli Stati Uniti ha anche gestito e controllato una rete di strutture di detenzione clandestina della CIA all’estero in paesi tra cui Thailandia, Lituania e Romania. Il programma di detenzione e interrogatorio della CIA è terminato nel 2009.

“HO PAURA DI CHIAMARTI”

Dopo che Wu è stata rilasciata, è stata riportata nello stesso hotel in cui era stata e le sono stati dati i suoi effetti personali. Ha immediatamente contattato Fu, si è scusata per le sue chiamate passate e ha chiesto aiuto, nei messaggi di testo visti dall’AP.

“Ho paura di chiamarti”, ha detto a Fu in un messaggio. “Temo di essere ascoltata”.

L’11 giugno è volata da Dubai in Ucraina, dove si è riunita con Wang.

Dopo le minacce della polizia cinese che Wang avrebbe potuto affrontare l’estradizione dall’Ucraina, la coppia è fuggita di nuovo nei Paesi Bassi. Wu ha detto che le manca la sua patria.

“Ho scoperto che le persone che ci ingannano sono cinesi, sono i nostri connazionali che perseguitano i nostri stessi connazionali”, ha detto. “Questa è la situazione.”

Traduzione Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: AP News, 16/08/2021

Articolo in inglese:

Detainee says China has secret jail in Dubai, holds Uyghurs  [7]