La Cina ha criticato la polizia svedese per i maltrattamenti subiti da 3 turisti cinesi. Il Dalai Lama non c’entra nulla [video]

Tra i numerosi resoconti secondo cui tre turisti cinesi sono stati trattati brutalmente dalla polizia svedese, i media svedesi e occidentali hanno collegato il caso alla recente visita del Dalai Lama in Svezia.

L’incidente, che ha coinvolto un uomo e i suoi genitori anziani, è avvenuto il 2 settembre. L’ambasciata cinese a Stoccolma ha emesso una denuncia per i maltrattamenti dei visitatori cinesi il 15 settembre. L’intervallo di tempo ha provocato la speculazione che la Cina stava usando l’incidente per sfogare rabbia in Svezia per la visita del 12 settembre in Dalai Lama. Questa è una richiesta infondata.

Perché l’ambasciata cinese ha presentato la denuncia quasi due settimane dopo? L’ambasciatore cinese in Svezia, Gui Congyou, lo ha spiegato chiaramente in un’intervista al quotidiano svedese Aftonbladet. Secondo Gui, l’ambasciata ha immediatamente informato il governo svedese delle notizie dettagliate ricevute da diversi punti di vista e ha chiesto un incontro immediato con la polizia svedese, ma nessuna risposta è arrivata per quasi due settimane

Il Dalai Lama è impegnato in un tour di quattro nazioni in Europa fino al 23 settembre. La Svezia è la prima tappa. La sua visita è stata sfruttata dai media svedesi per calunniare sui diritti umani in Cina. La TT News Agency, agenzia giornalistica svedese, ha affermato in un rapporto prevenuto che le persone tibetane sono discriminate e non possono avere un’educazione linguistica tibetana o parlare liberamente di politica e religione.

Questo è stato confutato dall’ambasciata cinese prontamente e direttamente. Non era necessario che la Cina sollevasse una questione di polizia per esprimere insoddisfazione.

Il Dalai Lama è stato salutato come un leader spirituale dall’Occidente. Tuttavia, i fatti hanno dimostrato che si tratta di un esiliato politico che cerca di dividere il Tibet dalla Cina. Le sue attività di secessione e sabotaggio hanno violato gli interessi fondamentali dei tibetani e sono inaccettabili per l’intero popolo cinese.

La posizione della Cina è coerente e chiara: si oppone fermamente alla decisione di qualsiasi altro paese di consentire al Dalai Lama di visitare e si oppone all’interferenza di qualsiasi paese negli affari interni della Cina, sfruttando le questioni relative al Tibet. Ma alcuni paesi ancora non ascoltano, correndo il rischio di sfidare la linea di fondo della Cina. La Svezia ha ricevuto il Dalai Lama diverse volte. Anche i media svedesi puntano il dito sui diritti umani tibetani, nonostante il fatto che il popolo tibetano stia vivendo una vita migliore e con maggiore istruzione.

Gli ultimi anni hanno visto il gruppo Dalai sempre più emarginato nella società internazionale con la sua natura separatista completamente a nudo. Un numero crescente di paesi occidentali ha snobbato il Dalai Lama. Si spera che la Svezia e gli altri tre paesi visitati questa volta dal Dalai riconoscano la tendenza e seguano l’esempio.

Notizia del: 

English news,The Guardian:

China accuses Sweden of violating human rights over treatment of tourists 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.