La Cina ha avvertito gli altri paesi di non partecipare alla riunione delle Nazioni Unite sulle violazioni dei diritti umani dello Xinjiang – ONG.[Video]

La Cina ha avvertito i delegati delle Nazioni Unite di non partecipare ad un evento del panel sulle violazioni dei diritti umani nello Xinjiang il mese scorso, dove Pechino ha affrontato critiche per aver arrestato un milione di persone appartenenti a minoranze etniche nei centri di “rieducazione” extragiudiziale.

Una lettera ottenuta dall’ONG Human Rights Watch dall’ambasciatore cinese Yu Jianhua ha ammonito i delegati contro l’adesione alla riunione di Ginevra, in Svizzera. Nell’appello datato 7 marzo, Yu ha detto: “nell’interesse delle nostre relazioni bilaterali e della cooperazione multilaterale continua, con la presente chiedo cortesemente alla vostra delegazione, tenendo presente le motivazioni politiche dietro il suddetto evento parallelo, di non per co-sponsorizzare, partecipare o essere presenti a questo evento collaterale.” L’evento del panel è stato ospitato congiuntamente da Stati Uniti, Canada, Germania, Paesi Bassi e Regno Unito il 13 marzo, durante l’ultima sessione del Consiglio dei diritti umani dell’ONU svoltasi tra il 25 febbraio e il 22 marzo.

È arrivata una settimana dopo l’Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet ha fatto una seconda richiesta per ottenere l’accesso alla regione. Yu ha respinto le accuse di violazioni dei diritti umani come “infondate” e ha criticato l’evento come un’interferenza negli affari interni di Pechino. L’ambasciatore ha aggiunto che l’evento ha contraddetto i principi di cooperazione e dialogo delle Nazioni Unite tra le nazioni. Secondo Human Rights Watch, anche i diplomatici cinesi si sono rivolti personalmente ad alcuni delegati del sud globale per avvertirli di non partecipare all’evento.

“Per anni la Cina ha lavorato dietro le quinte per indebolire i meccanismi dei diritti umani delle Nazioni Unite”, ha dichiarato John Fisher, direttore di Ginevra presso Human Rights Watch. “Ma la crescente protesta globale per i suoi maltrattamenti ai musulmani dello Xinjiang ha mandato la Cina in panico, usando pressioni sia pubbliche che private per bloccare l’azione internazionale concertata”.

La Cina non ha accolto 62 delle 346 raccomandazioni formulate nel Revisione periodica universale delle Nazioni Unite lo scorso novembre, affermando che sono incoerenti con le condizioni e le leggi nazionali e “politicamente di parte o non veritiere”. Di quelle non accettate, la maggioranza ha affrontato il continuo uso della Cina del pena di morte, restrizioni alle libertà individuali o la sottomissione delle minoranze etniche nello Xinjiang e nel Tibet.

Il gruppo etnico prevalentemente uiguro musulmano è tra le minoranze targhettate in quella che Pechino sostiene essere una campagna per affrontare disordini e separatismo. L’ONU afferma che un milione di uiguri sono stati arbitrariamente detenuti in extralegali “campi di rieducazione politica”, mentre Human Rights Watch riferisce che la sorveglianza e la repressione nello Xinjiang sono aumentate drammaticamente dal 2016. L’ONG afferma che i dati biometrici vengono raccolti dai residenti, i passaporti sono confiscati, attività religiosa limitata, barbe “anormalmente lunghe”, preghiere pubbliche e veli musulmani sono vietati, mentre ai proprietari di veicoli e telefoni cellulari sono fatti installare tracker.

Traduzione:  Avv. Davide Pivi, LRF Italia Onlus


Fonte: Hong Kong Free Press,01/04/2019

English article, HKFP:

China warned other countries not to attend UN meeting on Xinjiang human rights violations – NGO

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.