La Cina detiene 41 uiguri per non aver presenziato al funerale di un funzionario locale

Più di 40 uiguri sono stati arrestati la scorsa settimana perché non si sono presentati al funerale di un prominente membro del Partito Comunista nella regione dello Xinjiang, nella parte nord-occidentale della Cina.

Inclusi tra le 41 persone detenute dalle autorità ci sono i capi religiosi locali del villaggio di Oymanbaytoqay in Ghulja (in cinese, Yining) tra cui l’Imam Enver Hesen e il Muezzin Ekber Nesirdin.

Tursun Bilal, un ufficiale di polizia di Araosteng Township, che sovrintende villaggio Oymanbaytoqay, ha detto a RFA che il mancato presentarsi al funerale di un membro cinese del PCC è un segno sicuro che i 41 uomini sono dei radicali.

“Si sono rifiutati di partecipare alla cerimonia funebre del Sig. Harun nonostante siano stati chiamati e invitati più volte dalla famiglia del signor Harun”, ha detto Dursun Bilal a RFA. “Questo fatto, ovviamente, indica la loro rabbia verso il signor Harun e la mancanza di fedeltà al governo. Ancora più importante, è un chiaro segno di estremismo religioso”.

Fonte: Radio Free Asia, 29 mar 16

English article: China Detains 41 Uyghurs Who Skipped a Funeral of a Local Communist Functionary

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.