La Cina condanna a morte un monaco tibetano: “istigava” le autoimmolazioni

Un monaco tibetano è stato condannato a morte oggi da una corte cinese della provincia del Sichuan per aver istigato otto persone ad autoimmolarsi.Oltre a lui, il tribunale ha condannato un altro tibetano – nipote del primo – a 10 anni di prigione. Sui due pesa l’accusa di omicidio volontario. Come riporta l’agenzia ufficiale Xinhua, 130 persone hanno assistito al verdetto.
Per il momento, la corte ha sospeso per due anni la pena di morte comminata a Lorang Konchok, 40 anni, che potrebbe così commutarsi in carcere a vita. Tuttavia, le autorità cinesi hanno revocato a vita i diritti politici del monaco. Il nipote Lorang Tsering, 30 anni, sconterà “solo” 10 anni di prigione, perché avrebbe agito su ordine di Konchok. I suoi diritti politici sono stati sospesi per tre anni.
Secondo i giudici, membri del governo tibetano in esilio a Dharamsala e media stranieri avrebbero collaborato con Lorang Konchok per diffondere la notizia delle autoimmolazioni, che il regime cinese ha sempre cercato di mettere a tacere. L’uomo è un lama Geshe del monastero di Kirti, a cui appartenevano molti monaci che hanno scelto di autoimmolarsi.
Dal 2009 a oggi almeno 100 tibetani si sono dati fuoco per protestare contro il regime cinese e per chiedere il ritorno del Dalai Lama in Tibet.

Fonte: Asia News, 31 gennaio 2013

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.