La Cina censura Twitter, Hotmail e Flickr in occasione di Tiananmen

Come alla vigilia delle Olimpiadi dell’agosto 2008 e di altre occasioni ufficiali, la Cina ricorre alla censura on line.
Questa volta l’occasione per censurare la Rete, è la rivolta di Tiananmen del giugno 1989 . In vista dell’anniversario della strage del 1989, Pechino corre ai ripari: con il solito Grande Firewall, per bloccare i siti di social network Twitter e Flickr, e Hotmail.

La Cina sta anche bloccando l’accesso a Windows Live di Microsoft.

Le autorità cinesi filtrano da sempre i contenuti, attraverso la “muraglia cinese” del Grande Firewall. A marzo era stata denunciata la censura di Youtube. Invece a dicembre toccava al New York Times. Questo è un anno critico per la censura cinese: il giro di vite contro la libertà online e i cyber-diritti in Cina, è causato dagli anniversari della rivolta di Tienanmen del 1989 e di quella Tibetana del ’59.

Asiaweek riporta che la censura è già toccata a Bbc, Voice of America, Ming Pao News di Hong Kong.

I più recenti casi di censura hanno coinvolto Skype, Youtube, iTunes, le Olimpiadi di Pechino, oltre ai noti casi di bavagli a Wikipedia e ai motori di ricerca, quest’ultimi troppo spesso conniventi con i censori. Anche l’Iran di recente ha bloccato 5 milioni di siti.

La censura è ormai un affare globale: ben due dozzine di paesi al mondo la applicano sistematicamente a un ampio spettro di informazioni.

VNUnet.it 02-06-2009

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.