La causa dell’incidente ferroviario in Cina

L’incidente ferroviario in Cina della scorsa settimana è stato causato da “un grave difetto di progettazione”. La conferma è arrivata direttamente dalle autorità cinesi, sotto accusa per la gestione dei soccorsi e per le scarse informazioni fornite nelle ore successive allo scontro tra i due treni. Trentanove persone sono morte nel tamponamento tra due treni lungo il viadotto vicino a Wenzhou. Il semaforo che doveva scattare sul rosso è rimasto verde per errore: il treno che viaggiava dietro non si è fermato ed è andato a sbattere contro quello davanti. Il premier Wen Jiabao, che ha chiesto un’indagine trasparente e rapida, ha visitato il luogo dell’incidente e incontrato i parenti delle vittime promettendo di migliorare la sicurezza del sistema ferroviario cinese. Sei vagoni sono deragliati e caduti dal viadotto nell’incidente di sabato 23 luglio. Tre alti funzionari delle ferrovie sono stati allontanati il giorno dopo l’incidente. Ma i licenziamenti, anche se tempestivi, non sono stati sufficienti ad attutire l’impatto che l’incidente ha avuto sull’opinione pubblica. I numerosi malfunzionamenti sulla nuova linea ad alta velocità che collega Beijing a Shanghai, inaugurata  il 30 giugno scorso in occasione del 90esimo anniversario della nascita del partito, avevano già dato spazio a diverse perplessità sull’ambizioso programma di sviluppo della rete ferroviaria nazionale. Adesso diversi osservatori internazionali stanno sostenendo che le ambizioni politiche e di autocelebrazione del Partito abbiano prevalso su più accurate e attente valutazioni e sperimentazioni tecniche.

Fonte: Il Post, 28 luglio 2011

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.