l governo cinese prende di mira i bambini uiguri con la politica dei “fiori di melograno”.

Il governo cinese fa convivere giovani cinesi della maggioranza etnica Han con bambini uiguri nell’ultima fase di un programma di sorveglianza e assimilazione coercitiva che, secondo gli uiguri, mostra l’intenzione genocida di Pechino nei confronti della minoranza musulmana nella regione dell’estremo ovest dello Xinjiang.

La politica del “Fiore di melograno”, svelata dai media statali il mese scorso, arriva sulla scia di un programma ampiamente risentito che ha inviato 1,2 milioni di dipendenti pubblici han a vivere e monitorare le famiglie uigure nella regione autonoma uigura dello Xinjiang (XUAR).

Gli uiguri hanno condannato la politica “Diventare famiglia” di tre anni fa come distruttiva per la vita familiare, con alcuni che hanno definito l’alloggio dei quadri cinesi nelle case “stupro organizzato” e un atto di “genocidio” volto a spazzare via i 12 milioni di uiguri e i loro antica cultura centroasiatica.

Nell’ambito del programma rivolto ai bambini, il “parente” Han assegnato dallo stato da tutta la Cina contatterà i giovani uiguri per telefono e visite allo XUAR, afferma il rapporto.

Il programma “Fiore di melograno” riflette lo slogan del governo secondo cui tutti i gruppi etnici del paese devono “abbracciarsi strettamente come i semi di melograno” per realizzare una nazionalità cinese che trascende l’etnia.

Le minoranze etniche – a cominciare da uiguri e tibetani, ma anche mongoli e coreani a cui è stato ordinato di ridurre o porre fine all’istruzione nelle loro lingue – la vedono come un’assimilazione forzata.

Secondo un rapporto pubblicato l’11 settembre su Tengritagh (Tianshan), il sito web ufficiale del governo XUAR, i bambini piccoli e gli alunni delle scuole elementari in un villaggio nella prefettura di Kashgar (in cinese, Kashi) hanno votato per “realizzare l’obiettivo di diventare una famiglia” con giovani Han provenienti da tutta la Cina.

In poco più di una settimana, quasi 40 bambini in un villaggio, tra cui Mahliya Mahmut di un anno, sono stati abbinati a 36 paia di “parenti” di fiori di melograno provenienti da circa 30 città in 13 province, regioni e comuni in Cina, disse Tengritagh.

Il villaggio di Ayagh Chigetugh nella contea di Yengisar (Yingjisha) di Kashgar era un tempo uno dei villaggi più poveri di tutta la Cina, ma ha guadagnato speranza, ha detto Zhu Pingcheng, il segretario del partito del villaggio, a sostegno del programma Fiore di melograno.

“In particolare, i bambini del villaggio sperano che, crescendo, ricevano tanto calore e cure; che, se possibile, potranno andare a vedere luoghi in tutto il paese; e che capiranno più profondamente la grande famiglia della nazione cinese”.

Molti uiguri avevano già parlato al telefono con le “famiglie” loro assegnate in altre province cinesi, che a loro volta stavano progettando di andare nello Xinjiang per visitare i loro figli, afferma il rapporto.

Ma il rapporto non spiegava perché i bambini piccoli o in età prescolare dovessero essere abbinati ai membri della famiglia Han o dove fossero i loro genitori.

“Sembra che non abbiano fornito alcuna informazione al riguardo”, ha detto Ilshat Hassan, un analista uiguro con sede negli Stati Uniti ed ex presidente della Uyghur American Association. “Perché, se si trattava di bambini i cui genitori erano presenti, avrebbero avuto bisogno delle “cure” e dell'”amore” di altre persone?”.

In realtà, i loro genitori sono stati detenuti nella vasta rete cinese di campi di internamento o sono stati trasportati in altri luoghi per eseguire lavori forzati, ha detto Ilshat.

La Cina ha detenuto fino a 1,8 milioni di uiguri e altri turchi nei campi di internamento dal 2017, mentre respinge le prove ampiamente documentate di molti abusi nel sistema dei campi. La Cina afferma che i campi sono strutture di formazione professionale in cui gli uiguri e altri turchi apprendono abilità nel tentativo di prevenire l’estremismo religioso e il terrorismo nella regione, dove vivono circa 12 milioni di uiguri.

“L’unità delle etnie”

Il governo cinese ha precedentemente promosso politiche come “l’unità delle etnie” e i “tre inseparabili” dalla fine del 2016 per avvicinare più da vicino i vari gruppi etnici all’ovile dell’interesse e della sicurezza nazionale.

L’attivista uiguro canadese Memet Tohti, direttore esecutivo dell’Uyghur Rights Advocacy Project, ha affermato che l’accoppiamento forzato di neonati e bambini uiguri con persone di etnia Han nelle province cinesi è l’ultimo di molti esempi reali di politiche di genocidio della Cina.

Ha anche sottolineato che questa mossa è un’ulteriore prova delle condizioni di intento genocida contro un gruppo, come definito dal diritto e dalle convenzioni internazionali.

“Se l’intento del governo cinese è quello di prendersi cura di questi bambini, creerebbero un ambiente sano in cui i bambini possano crescere con i propri genitori”, ha detto Memet a RFA.

“Separare i bambini dai loro genitori, o anche uccidere i genitori usando tutti i metodi, e mandare questi bambini in un ambiente straniero, o via con i bambini Han, in un ambiente Han – possono chiamarlo come vogliono – ma mandare i bambini in un ambiente del genere è proprio un tipico esempio di eliminazione per genocidio”, ha affermato.

Come parte della politica Becoming Family, il governo cinese organizza attività della “settimana della famiglia” nello Xinjiang durante le quali i “parenti” dei quadri Han mangiano, vivono, lavorano e studiano insieme agli uiguri che sono stati assegnati a monitorare.

Zumrat Dawut e Qelbinur Sidiq, due ex detenute nei campi di internamento nello XUAR, hanno riferito ai media internazionali che gli uiguri sono stati costretti a mangiare cibo non halal e bere vino dai loro “parenti cinesi”, e che le ragazze e le donne uigure sono state abusate sessualmente  nelle loro case.

L’analista uiguro Ilshat Hassan ha affermato che la politica del fiore di melograno trascende l’assimilazione e intensifica il genocidio. “Questi bambini sono ancora nella loro patria, ma lo stato sta cercando di assimilarli, di eliminare la loro lingua, la loro cultura, questo è genocidio”.

Ilshat ha invitato la comunità internazionale ad agire con urgenza per porre fine al genocidio contro gli uiguri.

I parlamenti di Canada, Paesi Bassi, Regno Unito e Lituania e il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti hanno descritto le azioni della Cina nella regione come “genocidio”, mentre il gruppo Human Rights Watch di New York afferma che costituiscono crimini contro l’umanità.

“Per ora non c’è stata alcuna risposta dalle Nazioni Unite”, ha detto. “Al momento, nessuna azione è stata intrapresa per fermare questi atti criminali. Questa potrebbe essere una  politica per il resto del mondo, ma per noi è una questione di vita. Gridiamo e protestiamo in nome di questo genocidio. È una tragedia per tutta l’umanità, non solo per noi”.

Fonte: RFA, 21/10/2021


Traduzione e commento di Giuseppe Manes, Arcipelago laogai

Ancora una volta la propaganda di regime colpisce i più deboli, quella parte di popolazione che presto sarà annientata dalla politica di “cancellazione” del regime di Xi. Sono sempre loro, i più pericolosi: gli Uighuri. Secondo Pechino gli adulti vanno rieducati attraverso il lavoro forzato così allontana da loro l’estremismo religioso e i bambini è meglio toglierli dalle famiglie così apprendono meglio l’ideologia comunista di Mao.
Ma tutto questo, lo abbiamo detto più volte, non interessa a nessuno. Obama, Macron, Merkel, Biden Di Maio e Draghi sembrano più preoccupati ad ascoltare una ragazzina svedese che ad occuparsi dei drammi umanitari come il genocidio degli Uighuri.Forse perchè è più facile e conveniente parlare del nulla piuttosto che parlare di qualcosa.


Articolo in inglese,RFA:

Chinese government targets Uyghur children with ‘pomegranate flower’ policy

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.