Kazakistan, tutti i ricercati del Presidente

Il ‘caso Shalabayeva’, che ha mostrato la fragilità della condizione dello straniero in Italia e la permeabilità dei vertici della Polizia di Stato alle pressioni ‘anomale’ di un governo estero, è in realtà solo un episodio di una campagna globale voluta dal presidente kazako Nazarbayev: il tentativo di far rientrare nel Paese e incarcerare ad ogni costo tutti gli esuli che continuino a svolgere un’attività politica di opposizione.

Questa ondata repressiva ha la sua origine nella tragedia avvenuta il 16 dicembre 2011 nella regione petrolifera di Zhanaozen, presso il mar Caspio, quando l’uccisione da parte delle forze dell’ordine di 14 pacifici manifestanti che chiedevano condizioni di lavoro sostenibili rovinò le celebrazioni del ventennale dell’indipendenza. Da anni intento a sacralizzare la propria personalità (anche con la proclamazione di feste nazionali come la «Giornata del Primo Presidente» e il «Compleanno del Padre della Nazione»), Nazarbayev decise prima di qualsiasi processo che i responsabili ‘dovevano’ essere gli oppositori politici…(…)

The Epoch Times, 31 Luglio 2013

Clicc sul link per leggere l’intero articolo:
http://www.epochtimes.it/news/kazakistan-tutti-i-ricercati-del-presidente—123693

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.