Iran, copie del Corano “made in China” piene di errori grammaticali

Forse alcuni editori iraniani speravano di risparmiare: ma le copie del Corano fatte stampare in Cina riportano numerosi errori, e sono invendibili. I funzionari che controllano la validità delle copie del libro sacro dell’islam, prima che sia messo in circolazione, stanno discutendo vietare la stampa del Corano in Cina. Ahmad Haji-Sharif, capo dell’ufficio iraniano di controllo sul Corano, ha avvertito i consumatori che i Corani venduti a un prezzo basso spesso riportano errori di battitura, se non più grossolani errori grammaticali. Invece, altre copie del libro sacro dell’islam, più costose rispetto a quelle cinesi, hanno superato gli accurati controlli. In Iran il Corano ha spesso il testo in farsi e in arabo. Haji-Sharif non ha detto quale delle due traduzioni ha riportato gli errori.

Fonte: Asia News, 5 settembre 2011

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.