Insegnante rinchiusa in ospedale psichiatrico nell’Hunan cinese dopo aver appoggiato docente di giornalismo su commenti del massacro di Nanchino

Li Tiantian (nella foto) è stata rinchiusa in un centro per “cure psichiatriche” dopo aver appoggiato Song Gengyi, docente di giornalismo licenziato a Shanghai.

 

Le autorità della provincia cinese centrale di Hunan hanno rinchiuso un’insegnante in un ospedale psichiatrico dopo che ha parlato dell’espulsione di una docente di giornalismo di Shanghai che ha incoraggiato i suoi studenti a verificare i resoconti ufficiali del massacro di Nanchino.

L’insegnante Li Tiantian, che è attualmente incinta, ha lanciato un grido di aiuto sulla piattaforma di social media Weibo Moments domenica dopo che i funzionari della sua città natale di Shaba nella contea di Yongshun nell’Hunan hanno cercato di farla ricoverare per cure psichiatriche. Ha riferito che i funzionari volevano che fosse ricoverata in ospedale psichiatrico per iniezioni per “problemi mentali. Se muoio, saranno due vite eliminate“, in riferimento allla creatura che porta in grembo.

Il commentatore di attualità di Hunan, Li Ang, ha riferito a RFA che Li è ora incarcerata in un ospedale psichiatrico.

“È stata licenziata perché stava dicendo la verità su Internet”, ha detto Li Ang. “Ha parlato a sostegno di Song Gengyi, il conferenziere a Shanghai, e le autorità hanno adottato immediatamente l’abuso della  psichiatria a scopo di repressione”.

“Ho sentito che è stata mandata all’ospedale psichiatrico per ‘trattamenti’ in data odierna, ma non sono stato in grado di verificarlo”, ha detto. “È stata minacciata da funzionari dell’ufficio educativo locale e dalla polizia”. Fonti hanno detto che è probabile che sia detenuta nell’ospedale psichiatrico della contea di Yongshun. I commenti di Li sono stati pubblicati su Weibo venerdì scorso.

Dopo che lo Shanghai Aurora College ha dichiarato di aver licenziato il docente Song Gengyi per aver messo in discussione il bilancio ufficiale delle vittime del governo cinese (300.000 vittime) per il massacro del 1937.

La lezione di Song è stata registrata e pubblicata online da Dong Xun, uno dei suoi studenti.

Nella clip, Song definisce il numero di 300.000 morti utilizzato dal Partito Comunista Cinese (PCC) al potere una “stima approssimativa che manca di supporto statistico”, aggiungendo che esiste una stima molto maggiore delle vittime “.

Li in un suo intervento di venerdì , ha dichiarato che non c’è nessuna prova che dimostra cosa è avvenuto durante la lezione di Song, ma piuttosto è lo studente che ha informato  la scuola che l’ha licenziata, e gli intellettuali cinesi che hanno taciuto sulla questione. Lunedì le chiamate ripetute al cellulare di Li Tiantian sono rimaste senza risposta.

Alcuni commenti online hanno interessato Dong Xun, facendogli un’azione nociva con lo scopo di danneggiare una persona non gradita all’hacker., spingendolo a rispondere con un breve video sulla piattaforma di condivisione Douyin.

“Non era una questione banale, ma piuttosto una questione di importanza storica nazionale”, ha detto Dong. “È stata lei a renderlo un grosso problema, quindi vedremo come lo affronterà ora”.

Alcuni commenti sono stati indirizzati a Dong per mancanza di coscienza, mentre un altro ha osservato acidamente: “Quindi l’insegnante che dice la verità sarà sostituito con uno che ti farà il lavaggio del cervello”.

Una foto che circola sui social media mostra uno striscione che invita Dong Xun a “uscire da Shanghai Aurora”.

L’attivista per i diritti dell’Hubei Wu Lijuan ha affermato di essere irritato con Dong per aver informato Song, aggiungendo che il video della conferenza era stato modificato in modo disonesto.

“Questo è stato riportato fuori contesto,  il docente ha dichiarato che le stime vanno da 500.000 a 300.000  e non da 30.000 a 3.000”, ha detto Wu a RFA. “Hanno cancellato la parte in cui dice 500.000 dal video clip”.

Lo stesso giorno in cui Song è stata congedata, la docente dello staff di Tsingtao, Gao Weijia, ha ricevuto la revoca della sua licenza di insegnante ed è stata trasferita a un ruolo non docente dopo aver affermato in un post su Weibo che i giovani dovrebbero “sentirsi liberi” di visitare il controverso Santuario Yasukuni, che include memoriali per criminali di guerra giapponesi condannati.

Traduzione di Arcipelago laogai, in memoria di Harry Wu

Fonte: RFA, 20/12/2021

Articolo in inglese:

Teacher sent to psychiatric hospital in China’s Hunan after backing massacre comments 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.