Industria dei prodotti per capelli legata al boom del lavoro forzato uiguro nella contea di Lop nello Xinjiang

Gli Stati Uniti hanno recentemente sanzionato una società di prodotti per capelli con sede nella regione autonoma uigura dello Xinjiang (XUAR) per i suoi legami con il lavoro forzato, ma un’indagine più approfondita da parte del servizio Uyghur di RFA mostra che diverse aziende della zona gestiscono modelli di business simili e sono probabilmente legate ai campi di internamento.

 

La polizia passa accanto a un barbiere vicino alla Moschea di Id Kah nella città vecchia di Kashgar nella regione autonoma uigura dello Xinjiang in Cina, dopo la preghiera del mattino su Eid al-Fitr, il 26 giugno 2017.

Il 1 ° maggio, la protezione doganale e di frontiera (CBP) degli Stati Uniti ha emesso un ordine di rilascio dei prodotti per capelli prodotti da Hetian Haolin Hair Accessories al fine di garantire che i prodotti realizzati con il lavoro forzato non raggiungano i negozi statunitensi. La società era registrata in una area industriale nella contea di Lop (Luopu) nella prefettura di Hotan (in cinese, Hetian), nella stessa sede di un campo di internamento.

Nel suo annuncio, CBP ha dichiarato che “conserverà i beni importati fabbricati in tutto o in parte con prodotti per capelli” prodotti da Hetian, citando “informazioni che indicano ragionevolmente l’uso del lavoro forzato”. Gli importatori statunitensi saranno tenuti a dimostrare che la merce non è stata prodotta con il lavoro forzato se vogliono venderlo all’interno del paese.

Haolin è la seconda compagnia i cui prodotti sono stati banditi dal CBP perché utilizzano il lavoro forzato uiguro nelle loro catene di approvvigionamento e produzione. In precedenza, CBP ha anche vietato la merce di una società di nome Hetian Taida.

I gruppi di esiliati uiguri hanno accolto con favore la decisione e hanno incoraggiato altre nazioni a prendere misure simili per affrontare l’importazione di merci fatte con lavoro forzato in fabbriche che sono sempre più legate alla vasta rete di campi di internamento dello XUAR, dove si ritiene che le autorità abbiano rinchiuso fino a 1,8 milioni Uiguri e altre minoranze musulmane dall’aprile 2017.

La Cina è il più grande esportatore di capelli al mondo, fornendo oltre l’80% dei prodotti a base di capelli, tra cui parrucche di capelli umani e ciglia finte realizzate con ciglia umane.

Mentre un chilo (2,2 libbre) di capelli umani non lavorati di solito  vengono venduti tra 80 yuan (US $ 11) e diverse centinaia di yuan (100 yuan = US $ 14), a seconda della qualità, i prodotti fabbricati con quei capelli possono arrivare a prezzi di decine di migliaia di yuan (10.000 yuan = US $ 1.400). La Cina esporta circa 6 miliardi di dollari di prodotti per capelli ogni anno.

Secondo il sito Web Statista , gli Stati Uniti sono il più grande importatore di prodotti per capelli umani dalla Cina e nel solo 2018 hanno importato oltre 3,15 miliardi di dollari di tali prodotti, ovvero il 42% delle esportazioni totali della Cina.

Industria in forte espansione

Haolin, che è stata fondata nel gennaio 2018 con un investimento iniziale di 8 milioni di yuan (1,1 milioni di dollari USA) da parte di un investitore privato, descrive la sua attività principalmente impegnata nella “raccolta e trattamento dei capelli”, nonché nell’esportazione di prodotti.

Un dipendente uiguro dell’ufficio di gestione della contea di Lop ha confermato che Haolin è situato in una zona industriale che, secondo un recente rapporto dell’Asia Central Times, è un complesso di 400 mu (65 acri) appositamente costruito per le aziende che fanno prodotti utilizzando  il capello umano. Il complesso è stato costruito vicino al distretto industriale di Pechino a Lop nel 2018 e ora ospita 24 diverse società che impiegano 4.000 uiguri locali.

Il dipendente uiguro dice : “Ho rilasciato una licenza per quella fabbrica, ma non so molto in che cosa consiste esattamente questa produzione”..

A dicembre, il Xinjiang Daily ha pubblicato un articolo intitolato “Ascolta i laureati dei centri di istruzione”, che mostra, attraverso le foto, i “laureati” dei campi che erano stati assegnati a lavorare nelle fabbriche vicino alle loro case, comprese le fabbriche nel parco industriale di Lop.

L’articolo citava Uiguri che erano stati mandati a lavorare nelle fabbriche, tra cui Memetjan Mettohti, che dichiara “se non fosse stato mandato in un campo, è possibile che mi sarebbe trovato sulla strada sbagliata. Mi ha salvato e mi ha dato una nuova vita. ” Secondo quanto riferito, Mettohti è stato rilasciato e mandato a lavorare in una fabbrica nel dicembre 2018 dopo essere andato in un campo di lavoro forzato l’anno precedente.

L’aumento della produzione di capelli a Lop, che è stato pubblicamente incoraggiato da funzionari locali, corrisponde a una crescita esplosiva nel settore dei prodotti per capelli in Cina.

Tra il 2009 e il 2018, il mercato dei prodotti per capelli è passato da 719 milioni di yuan (US $ 100 milioni) a 5,4 miliardi di yuan (US $ 755,5 milioni); nel 2019 era di 6,7 miliardi di yuan (937,5 milioni di dollari). Le statistiche mostrano che da gennaio a novembre del 2019, le esportazioni di capelli dalla Cina al Nord America sono ammontate a 22.200 tonnellate per un valore di 1,8 miliardi di dollari.

RFA è stata in grado di determinare che molti prodotti Haolin sono parzialmente trasformati nelle fabbriche di Lop, dopo di che vengono inviati alle fabbriche nella città di Qingdao nella provincia di Shandong per ulteriori elaborazioni prima di essere inviati negli Stati Uniti e in altri paesi.

Un rappresentante di Emeda Wigs, una società di esportazione di Qingdao, ha confermato a RFA che i capelli che la società utilizza in molti dei suoi prodotti provengono da XUAR, ma si sono rifiutati di fornire ulteriori dettagli, dicendo che si tratta di “segreti dell’azienda”.

Quando le è stato chiesto del prodotto dell’azienda denominato “capelli umani vergini marrone scuro dello Xinjiang”, ha risposto “Abbiamo il nostro produttore, andiamo nello XUAR] per approvvigionamento  materiali di origine”, ha detto, quando le è stato chiesto del prodotto dell’azienda denominato “capelli umani vergini Xinjiang marrone scuro”.

Reperimento oscuro

La provenienza  dei capelli utilizzati nei prodotti fabbricati in XUAR rimane poco chiara e RFA non è stata in grado di reperire ulteriori informazioni riguardante l’intera fase di produzione.

Ma nelle tradizioni culturali uiguri  le donne portano i capelli lunghi e non c’è storia di persone che vendono i loro capelli nella regione, sollevando sospetti sul fatto che oltre a utilizzare il lavoro forzato per fabbricare prodotti per capelli, i capelli  possano provenire da detenuti nelle rete di campi di XUAR.

Nelle testimonianze raccolte da RFA , almeno 10 ex detenute del campo hanno descritto di essere state rasate appena entrate nelle strutture di detenzione, anche se non erano sicure di quale fine avessero  fatto ai loro capelli dopo il taglio.

RFA ha recentemente parlato con un commerciante pakistano e ha affermato di aver visitato una fabbrica di Haolin nella contea di Lop quattro mesi fa, dove dice di aver visto Uiguri appena rilasciati dai campi che erano stati inviati lì per lavoro.

Amir, questo è il nome che ha fornito, da allora ha chiuso il suo negozio a Lop ed è tornato in Pakistan, ha riferito di aver smesso di commerciare in prodotti per capelli dopo aver appreso da un amico che lavora nei campi che la materia prima erano capelli di detenuti.

“Ho visitato diverse aziende a Lop”, ha detto, aggiungendo che “gli uiguri lavorano in questo luogo  inviati per l’addestramento”, usando un eufemismo indicare la detenzione nei campi di lavoro forzato.

“Qui lavorano circa 5.000 persone. Lavorano dalle 20 alle 22 ore al giorno. Alcuni ricevono 500 yuan (US $ 70) al mese per il loro lavoro, e altri non vengono nemmeno pagati “.

Amir aggiunge che ai detenuti vengono tagliati quando vengono inviati ai campi. “Ho un amico che lavora in un campo.

RFA non è stata in grado di verificare in modo indipendente  le affermazioni del commerciante pakistano.

La crescita dei capelli viene sfruttata come fonte di rifornimento continuo

Teng Biao, un avvocato e attivista cinese per i diritti umani che ora vive in esilio negli Stati Uniti, ha detto a RFA che la rasatura delle teste è una regola nelle carceri e nei centri di detenzione cinesi e ha suggerito che le autorità locali probabilmente tentano di trarre profitto da questa pratica.

“Non ci sono regole su come utilizzare i capelli delle persone nelle carceri: è molto difficile supervisionare o imporre delle restrizioni dall’alto su come utilizzare i capelli che sono stati rimossi con la forza”.

“Di conseguenza, questo ha anche creato un ambiente in cui i funzionari possono conseguire  benefici economici dai capelli che sono stati rasati dai detenuiti nei campi governativi”.

Ethan Gutmann, un ricercatore per i diritti umani e della China Research Research Fellow presso la Victims of Communism Memorial Foundation, con sede a Washington, ha denunciato la pratica di raccogliere organi da prigionieri giustiziati in Cina come prova che le autorità locali potrebbero usare altre parti del corpo dai prigionieri in detenzione per fare soldi.

Testimonianze di donne uiguri hanno fatto emergere che i capelli dei detenuti potrebbero essere raccolti e venduti alle aziende locali per essere lavorati.

“Il taglio dei capelli delle donne si  distingue da quello dell’uomo: il capo della donna viene fatto passare attraverso un foro ricavato in una sorta di finestra . Sono molte le donne detenute  in questi  campi: circa 300.000 o 350.000. Sono 350.000  e tutte quante sono state rasate. Un aumento del 78 percento della produzione dal 2017, e deve provenire da quelle donne. ”

Inoltre, ha affermato Gutmann, molti detenuti sono  trattenuti nei campi per anni, fornendo alle autorità un continuo  rifornimento.

“Non penso  che i cinesi non li utilizzino… Stanno fondamentalmente facendo un business che non è un business di trapianti, è un business separato, ma sta usando un sottoprodotto del corpo”.

Traduzione di Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: RFA,28/05/2020

Noi di Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu siamo diversi dagli altri media perché abbiamo scelto di non farci influenzare da nessun governo, società o partito politico. Il nostro unico obiettivo è di fornire ai nostri lettori informazioni accurate e reali in un clima responsabile. Non seguiamo la tendenza asservita dell’odierno ambiente mediatico del giornalismo, che insegue scopi politici di pura propaganda e non di una corretta e trasparente informazione

Versione inglese:

Hair Product Industry Linked to Uyghur Forced Labor Booming in Xinjiang’s Lop County 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.