Incontro dei vertici della Laogai Foundation con l’assessore all’Istruzione della Provincia di Trento, la D.ssa Marta Dalmaso

In seguito alla Mozione approvata, nel mese di Novembre,  dal Consiglio Regionale della Regione Autonoma Trentino-Alto Adige ed al fruttuoso incontro di lunedì 22 febbraio con il Presidente Marco Depaoli, Toni Brandi, presidente della Fondazione, e Pino Morandini, primo firmatario della mozione, hanno incontrato la Dott.ssa Dalmaso, assessore all’istruzione per discutere l’attuazione di una campagna di sensibilizzazione nelle scuole medie superiori.

Lo scopo della campagna è di informare le scolaresche sui Laogai e sulle altre violazioni dei diritti umani in Cina affinchè i giovani possano apprezzare i principi basilari di pace, di solidarietà sociale e dell’autodeterminazione dei popoli. “I giovani devono sapere” ha dichiarato Pino Morandini durante l’incontro ed ha affermato che “abbiamo tutti la responsabilità di sostenere quei settori della società civile cinese che si battono per la libertà e la democrazia”.  La Dott.ssa Dalmaso ha offerto la sua disponibilità a dare vita a tale campagna nell’anno 2010-11.

Nel frattempo è apparsa sulla stampa la notizia che giovani trentini saranno inviati ad un campo estivo fra il 16 ed il 30 agosto nella città di Hangzhou nella provincia dello Zhejiang in Cina. Nella stessa zona vi sono numerosi campi Laogai e ci chiediamo se le autorità informeranno i giovani di quell’altra faccia della Cina di cui si parla poco per non disturbare gli interessi del grande capitale e dei traffici internazionali. Ci riferiamo alle esecuzioni capitali, la vendita degli organi dei condannati a morte, gli aborti forzati, la repressione dell’informazione, di tutte le chiese, di ogni dissenso ed all’esistenza di piu’ di mille campi di concentramento dove milioni e milioni di persono sono costrette al lavoro forzato a vantaggio economico del regime e di quelle imprese che producono o investono in Cina. Il dialogo è cosa giusta ma i giovani devono sapere ed essere informati. “Tutti noi abbiamo il dovere di sostenere quella crescente parte della società civile cinese che si batte per la libertà” ha detto Toni Brandi.

Erika Eramo, 26 febbraio 2010

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.