Categoria: In evidenza

CINA: le statue buddhiste all’aperto devono sparire,non importa il costo

Considerate dal PCC come il nemico più feroce, le statue delle divinità buddhiste vengono demolite in tutto il Paese per ordine del governo centrale.

Per i media locali: “I nigeriani sono schiavi nel loro paese a causa dei ‘padroni’ cinesi”

Il“Nigeria’s This Day” domenica ha pubblicato un ampio e sconvolgente rapporto sul colonialismo cinese nell’ economia nigeriana, accusando il Partito comunista di “casualità lavorativa, evasione fiscale, mancato pagamento dei dazi doganali, falsificazione e sabotaggio definitivo” e i singoli immigrati cinesi di abbandono irresponsabile delle giovani donne nigeriane incinte.

«Disastro ecologico» in Centrafrica per colpa della Cina alla ricerca di oro.[video]

L’analisi scientifica delle acque del fiume Ouham conferma livelli altissimi di mercurio. Il missionario padre Aurelio Gazzera l’aveva denunciato ad aprile e il governo in cambio l’aveva arrestato e accusato di essere un trafficante d’oro.

Come la Cina prevarica e blocca i meccanismi delle Nazioni Unite per i diritti umani

Un rapporto dettagliato dell’UNPO documenta come Pechino (e altri regimi illiberali) impedisca ‒ legalmente e illegalmente ‒ che la voce dei perseguitati venga ascoltata a livello internazionale.

L’Italia condanna la Cina sui diritti umani, guai in vista sulla Via della Seta

Guerra di propaganda al Consiglio per i Diritti umani dell’Onu appena concluso. Una lettera dell’occidente compatto (senza l’America) contro le detenzioni di massa nello Xinjiang, Pechino replica con una missiva firmata da Russia, Corea del nord e altri paesi amici.

La Cina separa i bambini musulmani dalle loro famiglie.[video toccante]

PECHINO – La Cina separa dalle loro famiglie i bambini uighuri della minoranza musulmana di lingua turca nella regione nordoccidentale di Xinjiang: è quanto emerge da un’inchiesta della Bbc pubblicata sul sito dell’emittente. E mentre centinaia di migliaia di adulti vengono rinchiusi in enormi centri di detenzione, è in corso una maxi-campagna per costruire scuole e dormitori nella stessa regione.

Migliaia di monaci, monache “politicamente ri-educate” dopo lo sfratto forzato da Yachen Gar del Sichuan

Secondo fonti tibetane migliaia di monaci e monache, costretti a lasciare il centro buddista tibetano Yachen Gar nella provincia occidentale del Sichuan in Cina e obbligati a tornare nelle loro città d’origine sono stati “radunati” dalle autorità e saranno sottoposti a  “rieducazione politica”.