In Cina più carte di credito che cinesi

Dati recenti della Banca centrale cinese, la People’s Bank of China, rivelano che nella Repubblica Popolare le carte di credito sono circa un miliardo 600 milioni. Considerando che la popolazione è intorno al miliardo e 300 milioni, significa – banalmente – che ci sono più carte di credito che cinesi. E’ il segno che l’attitudine della nazione più numerosa del mondo riguardo al risparmio sta cambiando, e non solo perché nell’ultimo anno le autorità di Pechino stanno incoraggiando i consumi come antidoto a una crisi che ha eroso l’export. Nuove carte vengono emesse con un incremento annuo del 30%, senza tuttavia che gli istituti di credito siano perfettamente consapevoli della solvibilità dei loro clienti. Una miccia. Due anni fa i cinesi risparmiavano il 40% del loro reddito, a spendere tutto erano gli americani. Adesso anche i cinesi stanno perdendo l’atavica prudenza, la richiesta di credito è aumentata di 200 volte nell’ultimo decennio. E’ il mondo nuovo.

Fonte: Il Corriere della Sera, 26 ottobre 2009

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.