In Cina ogni anno 28mila decessi per AIDS

Secondo una pubblicazione ufficiale di ieri, nel 2011 sono morte in Cina per HIV/AIDS un totale di 28.000 persone, mentre sono stati 48.000 i nuovi infettati dal virus. Lo studio sulla situazione dell’HIV/AIDS in Cina, pubblicato dal Ministero della Sanità cinese insieme a un programma congiunto sull’ HIV/AIDS delle Nazioni Unite e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), ha rivelato che in due anni dal 2009 il numero di persone affette da HIV/AIDS è aumentato di 40.000 unità. Ha aggiunto che i casi di nuove infezioni sono rimasti a un livello basso. Il documento afferma che con circa 780.000 persone affette da HIV/AIDS in tutto il paese, compresi i 154.000 malati di AIDS, la percentuale complessiva delle infezioni è dello 0,058 %. Si dice anche che l’aumento del numero di pazienti malati di AIDS è dovuto in larga parte al crescente impegno del governo nella prevenzione e nell’intervento, che ha favorito la riduzione del numero di morti tra questi. Lo studio aggiunge che dal settembre 2011 più di 136.000 malati di AIDS hanno ricevuto terapie anti-virus, portando così la copertura delle cure al 73,5 %, ossia un incremento di 11,5 punti percentuali rispetto al 2009. Secondo il documento si stanno manifestando alcune nuove tendenze, come l’importazione del virus e il costante aumento dei casi dovuti a trasmissione sessuale. C’è l’esigenza di un aumento della serie di controlli tra le categorie più a rischio di contrarre il virus, e di un ulteriore potenziamento delle cure tra coloro che ne sono già infetti. Si consiglia anche di incrementare l’educazione sanitaria e di ridurre la discriminazione sociale verso le persone con l’HIV o l’AIDS.

Edoardo Capuano

Fonte: Shangai Daily, 23 gennaio 2012

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.