In Cina lavoratori costretti a dimettersi.

Eric Chen, un lavoratore di 36 anni della IT nella provincia centrale di Hebei,  convocato dal suo datore di lavoro gli ha “suggerito” di dimettersi volontariamente . La sua storia è  simile a quella di molti altri lavoratori

 

Ero a conoscenza che l’azienda in cui prestavo la mia opera  non stava andando bene anche prima della pandemia che ha colpito la Cina a gennaio a causa di una serie di licenziamenti. Poi nel mese di aprile sono stato convocato.

Il  diretto  supervisore diretto disse: “Dovresti  presentare le tue dimissioni entro due mesi. Spero che tu possa iniziare a cercare un altro lavoro e comportati ragionevolmente”

“Mi ha ricordato che ho bisogno di un buon riferimento da parte dell’azienda per ottenere un nuovo lavoro”

Il governo cinese ha elencato la sicurezza del lavoro tra le sei principali aree di cui ha bisogno per mantenere la stabilità. Il Premier Li Keqiang lo ha ribadito nel recente incontro annuale del Congresso Nazionale del Popolo, che è generalmente considerato un timbro molto importante per le politiche del Partito Comunista Cinese. Tuttavia, tali politiche possono avere effetti indesiderati.

Chen si è sentito come un escluso.

Nella città di Wuhan, dove iniziò lo scoppio del coronavirus, il lavoratore della fabbrica Zhang Xianfeng ebbe la stessa sensazione.

Aveva lasciato il lavoro di costruzione poco prima del capodanno lunare di gennaio, nella speranza di trovare un lavoro meglio pagato dopo le vacanze, una mossa abbastanza comune in Cina.

Poi la pandemia, e dato che la provincia di Hubei è stata chiusa più a lungo del resto del paese, è stato in grado di trovare lavoro solo all’interno della provincia.

A marzo, ha ottenuto un lavoro installando fotocamere nei telefoni cellulari per Lenovo, una società cinese che ha acquistato la divisione personal computer di Motorola e IBM.

Tuttavia, una volta che l’economia cinese è tornata online, il resto del mondo ha iniziato a chiudere. I clienti esteri di Lenovo hanno annullato i loro ordini. Quindi Zhang non poteva più svolgere del lavoro straordinario.

La Lenovo gli ha comunicato che nell’arco di lavorerà un paio di giorni e potrà avere due o tre giorni liberi.

Con meno ore e nessun pagamento degli straordinari, i guadagni di Zhang sono diminuiti di oltre la metà.

Si è dimesso a fine maggio come dozzine di altri lavoratori in fabbrica.

“In apparenza  potrebbe sembrare una normale dimissione,  ma quello che la fabbrica sta facendo è un licenziamento di massa”

Lenovo non ha risposto a una richiesta di commento prima della pubblicazione di questo articolo. La società di elettronica di consumo ha registrato un calo degli utili del 64% durante il suo quarto trimestre fiscale conclusosi a marzo.

Ad aprile, il tasso di disoccupazione della Cina è stato del 6%. Tuttavia, alcuni analisti affermano che questa cifra rappresenta inadeguatamente i lavoratori migranti nelle città, come Zhang, e quindi il tasso effettivo di disoccupazione potrebbe essere molto più alto. L’Economist Intelligence Unit stima che altri 22 milioni di persone saranno senza lavoro quest’anno, portando il tasso complessivo di disoccupazione nelle aree urbane al 10%.

È difficile valutare quanti siano le persone senza lavoro che sono stati costretti a dimettersi. Il gruppo di difesa China Labour Bulletin ha documentato storie simili dai lavoratori delle fabbriche tessili più a sud nella provincia del Guangdong, un centro di produzione.

CLB ha scritto a fine maggio: “A seguito della riduzione del salario superiore al 50%, molti lavoratori sentivano di non avere altra scelta se non quella di accettare la” dimissione volontaria “offerta dal capo, anche se ciò significava rinunciare al risarcimento a cui avevano legalmente diritto se fossero stati licenziati”.

Sulla popolare app  WeChat, la frase “costretto a dimettersi” è stata utilizzata migliaia di volte al giorno a partire da aprile, ha raggiunto il picco a metà maggio a circa 63.000 volte quando l’economia cinese è iniziata a ripartire.

 Questi salariati come me dice Chen, percepiscono che potrebbero esserci altri motivi per cui sono stati costretti alla risoluzione “consensuale” del loro rapporto di lavoro.  Durante la pandemia una società  prende sussidi  dal governo come sgravi fiscali e fornisce politiche preferenziali ad una condizione, di non licenziare i lavoratori. Ecco perché nessuna azienda desidera licenziare i lavoratori.

Il Consiglio dei Ministri della Cina, il Consiglio di Stato, aveva annunciato che avrebbe rinunciato o ridotto i contributi fiscali della sicurezza sociale dei datori di lavoro per attenuare l’impatto del coronavirus.

All’inizio di maggio, secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa statale cinese Xinhua , 3,2 milioni di aziende avrebbero ricevuto quasi $ 6 miliardi di rimborsi per premi assicurativi contro la disoccupazione .

Secondo Xinhua, ” Tale politica mira a stabilizzare l’occupazione e ridurre al minimo i licenziamenti nella seconda economia più grande del mondo mentre il paese si sforza di attenuare l’impatto della nuova epidemia di coronavirus sull’economia e sulla vita sociale”.

Chen ha affermato che il suo datore di lavoro gli ha concesso un indennizzo, ma non l’importo a cui ha diritto in base al diritto del lavoro cinese. Dimettendosi, non ha il diritto di riscuotere l’assicurazione contro la disoccupazione.

Poteva portare il suo caso all’ufficio del lavoro. Chen ha detto che non lo farà perché vive nella città di Baoding, che ha una popolazione più grande della Grande Los Angeles con 11 milioni, ma è piccola per gli standard cinesi.

“In una piccola città, passare attraverso l’ufficio del lavoro potrebbe danneggiare la mia reputazione nel mercato del lavoro”.

Inoltre, lottare per i miei diritti richiederebbe tempo.

“Per me, la scelta migliore è quella di trovare un nuovo lavoro il più presto possibile”, ha concluso Chen

Traduzione di Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: Market Place,03/06/2020


Commento di Gianni Da Valle, Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

In Cina il lavoratore è senza diritti e senza difesa: il sindacato, di proporzioni minime rispetto alla popolazione cinese, è sottoposto al regime. Normalmente la sua funzione, in Cina, è quella di fungere da intermediario tra il datore di lavoro e i singoli: i salari passano per le mani dei “sindacalisti” e giungono a loro discrezione nelle tasche degli operai, realizzando in pieno quello che da noi si chiamava “il caporalato”.


Versione inglese: China’s forced-out workers 

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.