In Cina, i bambini di madri non sposate possono essere esclusi dalla sanità pubblica e dall’istruzione.

Quando Liu, una manager cinese di 31 anni, ha scoperto di essere incinta nel 2017, ha deciso di tenere il bambino.Ha cercato di nascondere ai suoi colleghi, della compagnia di assicurazioni privata dove lavora a Shanghai, il fatto che fosse incinta ma non sposata. Ha pagato le sue spese ospedaliere piuttosto che fare affidamento sull’assicurazione pubblica e rischiare di esporre il suo segreto all’ospedale e al suo datore di lavoro.

Ora la madre di una ragazza di 22 mesi, Liu, che ha rifiutato di dichiarare il suo nome completo per paura di una punizione sociale, sta affrontando una nuova sfida: accedere all’assistenza sanitaria pubblica e all’istruzione per suo figlio a Shanghai, dove ha vissuto per nove anni.

“Ho solo sentito che questo era un “piccolo essere vivente”, che dovevo tenerlo e che dovevo lavorare sodo per creare le condizioni in cui poterlo allevare”, dice Liu, originaria della provincia di Henan nella Cina centrale, che si è trasferita nella megalopoli della costa orientale di Shanghai per il suo lavoro.

Anche se i genitori e gli amici intimi di Liu supportano la sua scelta di diventare madre, afferma che la maggior parte dei colleghi sul posto di lavoro non ammette di avere un figlio. Liu ci racconta che:”I datori di lavoro si chiedono: ‘Sei solo tu a prendersi cura del bambino? In tal caso, come ti concentrerai sul lavoro?’ “.

Il cambiamento dei costumi sociali e dell’economia sta influenzando la genitorialità in Cina. Le donne cinesi sono sempre più indipendenti dal punto di vista finanziario. Il tasso di matrimoni è diminuito negli ultimi anni e le coppie stanno divorziando più spesso che in passato. Secondo i dati del censimento, le donne rimandano il matrimonio e la maternità. E alcune stanno mantenendo figli da sole.

Ma il codice familiare dettagliatamente esauriente del paese non menziona i genitori single. È un argomento così trascurato che non sono disponibili statistiche ufficiali su quanti figli sono cresciuti da genitori single. Questo lascia molte donne cinesi bloccate in una zona grigia legale dove non sono in grado di accedere ai servizi pubblici di base per se stessi e i loro figli.

“C’è uno spazio vuoto quando si tratta di genitori single. C’è una clausola catchall [per punire] ‘qualsiasi altra situazione che viola la pianificazione familiare'”, afferma Li Jun, un avvocato dello studio legale Dehehantong di Shanghai, che sta combattendo un caso in un tribunale di Shanghai per ottenere la copertura assicurativa di maternità per le donne non sposate.

Leggi familiari della terra

la legge sulla pianificazione della popolazione e della famiglia né la legge sul matrimonio contengono un larticolo che consenta o proibisca espressamente la genitorialità single. La legge sul matrimonio, tuttavia, garantisce uguali diritti ai bambini nati fuori dal matrimonio. Ma le leggi presumono che chiunque abbia figli sia sposato. Escludono anche i cittadini LGBT. Le coppie dello stesso sesso non possono sposarsi o registrarsi come unione civile nella Cina continentale.

Il trattamento delle madri single è lasciato alla discrezione dei governi locali, che hanno adottato un’ampia varietà di posizioni. Molte autorità provinciali hanno precedentemente negato ai figli di madri single hukou, o la registrazione della famiglia, simile a un numero di previdenza sociale che consente loro di andare a scuola e accedere a servizi come l’assistenza sanitaria. Altre province hanno richiesto alle madri single di pagare una tassa di “sostegno sociale”, di solito diverse centinaia di dollari, come sanzione per la violazione delle regole di pianificazione familiare.

Il tasso di matrimonio cinese precipita mentre le donne scelgono di rimanere single più a lungo

“I governi locali applicano questo provvedimento in modo diverso ai singoli casi … Le città di primo e secondo livello non applicano più tali politiche punitive. Ma in più luoghi provinciali o luoghi in cui le leggi sulla pianificazione familiare non sono modificate o eseguite correttamente, questi casi esistono ancora “, afferma Li, l’avvocato di Shanghai.

Liu, la madre single, è stata in grado di ottenere l’ Hukou -[ dal 1958 è una sorta di passaporto interno che funge da controllo sociale e geografico]- per sua figlia nella provincia di Henan, da dove viene. Ma le autorità di Shanghai, consapevoli di avere un figlio senza marito, hanno negato diversi punti dalla sua domanda di permesso di soggiorno in città perché aveva violato le linee guida per la pianificazione familiare.

Questo permesso è fondamentale: consentirebbe a Liu e al suo bambino di accedere ai servizi pubblici a Shanghai, piuttosto che dover tornare in Henan. Senza il permesso, il figlio di Liu non potrà frequentare le scuole pubbliche di Shanghai o accedere all’assicurazione sanitaria pubblica della città.

Liu aveva atteso anni per accumulare i punti necessari per candidarsi, ma ora si trova ostacolata dalle qualifiche: “ritengono che io abbia violato i regolamenti di pianificazione familiare”, dice. “Questa è la cosa di cui mi vergogno di più.”

Nonostante questi limiti, gli esperti hanno avvertito che la Cina deve avere più figli per evitare un declino della popolazione in futuro. Il paese affronta una carenza di manodopera a causa della sua politica del figlio unico, che le autorità usavano per giustificare il controllo spesso brutale della popolazione, tra cui sterilizzazione forzata e aborti. Il governo ha posto fine alla regola del figlio unico nel 2016 e ora consente ai genitori di avere due figli.

La Cina è stata lenta ad abbracciare #MeToo. I seminari sul consenso sessuale a comparsa potrebbero essere di aiuto.

Tuttavia, il Partito comunista al potere in Cina non ha rinunciato al controllo sulla pianificazione familiare.

“Il Partito Comunista in un modo o nell’altro è sempre stato attivo nel dare forma alle famiglie e nell’incoraggiare un particolare tipo di famiglia”, in particolare la “famiglia nucleare”, afferma Stuart Gietel-Basten, professore ed esperto di demografia all’Università di Scienza e Tecnologia di Hong Kong . “Sotto Mao, era, ‘Dovresti avere più figli, -giusto – la Cina dovrebbe crescere.’ E poi negli anni ’70 è :’OK, dovresti avere molti meno figli’. “

Più recentemente, la letteratura di partito ha affermato che “avere figli è una questione di famiglia ma anche una questione nazionale”.

Sfide della maternità surrogata

Un altro gruppo di genitori single non soddisfa la definizione cinese di famiglia: donne che hanno figli attraverso la maternità surrogata, anche se è costoso – e illegale in Cina.

Alcune donne cinesi con mezzi finanziari hanno cercato di aggirare il divieto utilizzando i servizi all’estero.

Questo è qualcosa che Lee Qianmo, un dirigente dell’azienda 41enne per la cura della pelle, sta prendendo in considerazione.

‘Mi hanno ordinato di praticare un aborto’: un calvario di una donna cinese nello Xinjiang.

È rimasta incinta nel 2018. Ma dopo un grave episodio di depressione, ha preso una dolorosa decisione di interrompere la gravidanza, qualcosa che le ha lasciato un profondo senso di colpa.

Eppure non esclude di avere un figlio in futuro.

“Non ho mai pensato di avere un figlio. È solo dopo aver visto crescere mia nipote, ho iniziato a pensare che avrei dovuto lasciare quell’opzione aperta per me nel caso in cui trovassi bello avere un figlio”, dice.

Come donna non sposata, Lee avrebbe difficoltà a proporsi per l’adozione.

Le alternative pongono anche sfide. Sebbene in Cina siano consentite procedure come l’inseminazione artificiale e la fecondazione in vitro, la maggior parte degli ospedali cinesi non fornisce servizi di congelamento degli ovuli. La legge del 2001 che vieta la maternità surrogata stabilisce anche che la tecnologia riproduttiva assistita può essere utilizzata solo da coloro che sono legalmente autorizzati ad avere figli – coppie sposate eterosessuali.

Andare all’estero per maternità surrogata è una soluzione. Dopo aver trovato una madre surrogata in un paese in cui la procedura è legale, con l’aiuto di un’agenzia, una donna cinese può tenere d’occhio il processo durante la gravidanza e assistere al parto. Quindi può registrarsi come tutore legale in Cina.

Finora, Lee ha speso decine di migliaia di dollari in trattamenti per la fertilità e si dà una dose di ormoni come parte del suo processo di recupero degli ovuli dopo ogni giorno lavorativo di 10 ore. Dice che non ha preso una decisione su dove conservare le sue uova congelate, dato che i tempi della procedura di raccolta degli ovuli dipendono dal successo delle sue iniezioni di ormoni. Ma spera di congelarli prima della fine dell’anno. Potrebbe considerare la maternità surrogata tra quattro anni, quando compie 45 anni, dice. Paesi come la Thailandia e la Russia sono in cima alla lista di Lee perché la maternità surrogata è legale lì e quei paesi sono vicini alla Cina.

Ora spaventata dai rischi associati al parto, Lee afferma che senza maternità surrogata potrebbe non voler mai un figlio.

“Scelgo la maternità surrogata”, dice, “ma sostengo le donne che desiderano dare alla luce i propri figli. Trovo queste donne molto ammirevoli”.

Yuhan Xu ha contribuito a riferire da Shanghai.

Fonte: NPR, 06/11/2019

Traduzione a cura di Giuseppe Manes, Arcipelago Laogai: in memoria di Harry Wu

English article:

In China, Kids Of Unwed Mothers May Be Barred From Public Health Care, Education

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.