- Laogai Research Foundation Italia ONLUS - https://www.laogai.it -

In Cina a dicembre arrestati 45 giornalisti accusati di aver diffuso notizie su liberta’ religiosa. [Video]

Pechino – Quarantacinque giornalisti sono stati arrestati in Cina in questo mese con l’accusa di trasmettere notizie, video e fotografie al magazine quotidiano sulla libertà religiosa e i diritti umani in Cina “Bitter Winter [1]”, pubblicato dal maggio 2018 a Torino, in otto lingue, dal Cesnur, il Centro Studi sulle Nuove Religioni, e diretto dal sociologo torinese Massimo Introvigne, direttore anche del Cesnur. Degli arresti danno notizia il Cesnur e lo stesso Bitter Winter.

Il magazine, che ha anche un’edizione in lingua italiana, pubblica ogni giorno notizie inedite dalla Cina che provengono da un nutrito gruppo di giornalisti cinesi e sono commentate dagli specialisti del Cesnur. Bitter Winter ha raggiunto notorietà internazionale quando il mese scorso ha pubblicato tre video girati all’interno dei blindatissimi campi di rieducazione per i musulmani uiguri dello Xinjiang, che sono stati ripresi da numerose testate e catene televisive internazionali.

Insieme alla pubblicazione di documenti riservati del Partito Comunista Cinese in materia di religione e fotografie di chiese, moschee e statue di Buddha distrutte, nonchè notizie sui maltrattamenti di sacerdoti cattolici dissidenti che continuano nonostante l’accordo fra Cina e Santa Sede, questi video hanno determinato una dura reazione del regime. «Abbiamo notizie certe – afferma Introvigne – sul fatto che alcuni dei giornalisti arrestati sono stati torturati per ottenere informazioni su chi altro ci trasmette informazioni e documenti dalla Cina. E purtroppo il reporter che ha girato i video all’interno dei campi di rieducazione dello Xinjiang è scomparso senza lasciare tracce: com’è avvenuto per altri giornalisti in Cina, temiamo che sia destinato a non ricomparire mai più. Confidiamo che chiunque abbia a cuore la libertà di stampa alzi la voce per protestare contro questi episodi gravissimi.

Quanto alla Cina,credo che sottovaluti il numero di giornalisti disposti a rischiare la loro libertà pur di far conoscere al mondo le violazioni dei diritti umani in Cina. Quelli della rete di Bitter Winter non sono qualche decina, ma centinaia».

Fonte: The Medi Telegraph, 28/12/2018; http://www.themeditelegraph.com/it/markets/finance-and-politics/2018/12/28/altra-faccia-della-via-della-seta-giornalisti-arrestati-mese-fIt1Bw4Xq68GyUTYdwFz7N/index.html

English article, Bitter Winter: Dozens of Bitter Winter Reporters Arrested [2]