Immagini esclusive: i wet market non sono scomparsi in Cina, l’inferno per cani e gatti continua.[video]

In occasione della Giornata Mondiale dei Diritti Animali, celebrata il 10 dicembre, l’associazione Animal Equality ha rilasciato nuove immagini esclusive che rivelano che – nonostante le proteste internazionali e gli annunci del Governo cinese nei mesi passati – nei wet market locali continuano ad essere venduti e uccisi cani e gatti per il consumo di carne.

Foto da archivio

Non è la prima volta che Animal Equality – in collaborazione con coraggiosi attivisti locali – documenta le crudeltà perpetrate su cani e gatti in Cina, ma con le nuove immagini raccolte a maggio del 2020, dopo i numerosi proclami del Governo cinese, vogliamo gettare di nuovo luce su questa incredibile ingiustizia.

Cani e gatti tenuti in gabbia tra le bancarelle dei wet market del sud della Cina, ammassati gli uni sugli altri, corpi di corpi di cani uccisi e scuoiati sul posto per essere macellati e venduti ai consumatori; gatti tirati fuori dalle gabbie con violenza, con una pinza di metallo e storditi colpendoli in testa con una barra di metallo; cani in gabbia di fianco ai cadaveri appesi di altri quattro zampe appena uccisi; carne di cane e di gatto che viene esposta sulle bancarelle e preparata dai venditori senza alcun rispetto delle minime norme igienico-sanitarie. E’ questo il terribile materiale contenuto nelle immagini esclusive raccolte in un video narrato e presentato dal giornalista italiano Edoardo Stoppa, da sempre impegnato nella difesa degli animali.

Cina 2020, il crudele commercio della carne di cani e gatti continua
.

Il materiale è stato raccolto nelle città di Liuzhou-Nanhuan, Liuzhou Quianjin e Guilin-Ximen in Cina durante il mese di maggio, con l’aiuto di attivisti locali. Si tratta di alcune delle zone dove vengono ancora consumati cani e gatti, mentre in altre zone della Cina il loro consumo è stato addirittura vietato, come nella città di Shenzhen.

Il video mostra anche alcune delle immagini raccolte durante investigazioni precedenti in Cina e si conclude con una richiesta chiara al Governo cinese: bisogna vietare per sempre il consumo di carne di cani e di gatti su tutto il territorio nazionale, senza deroghe e senza esclusioni.

La richiesta è contenuta ed elaborata nella petizione “Senza Voce”, che ha già raccolto oltre 650,000 firme in tutto il mondo, indirizzata al Presidente Xi Jinping, al Premier Li Keqiang, al Ministro dell’Agricoltura e degli Affari Rurali Han Changfu e del Ministro incaricato della Commissione Nazionale per la Salute Pubblica Ma Xiaowei.

Fonte: La Stampa,11/12/2020

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.