Il “mal di Cina” nei testi degli scrittori

La superpotenza cinese ha cambiato in questi giorni i massimi esponenti dello Stato e del partito comunista, ma quella svolta non prevede – salvo sorprese – mutamenti nel controllo centralistico dell’informazione, del web e, in generale, non sono consentite aperture per i diritti umani.

Clicca qui per leggere l’articolo pubblicato da Il Foglio

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.