Il Falun Gong prima della persecuzione

Durante gli anni novanta, prima di essere considerati nemici pubblici numeri uno nella propaganda del regime cinese, i praticanti del Falun Gong in tutta la Cina avevano una certa gioia. Avevano scoperto la chiave per la salute, il significato delle loro vite ed erano desiderosi di esplorarlo e condividerlo.
Si svegliavano al mattino per fare i loro esercizi di ‘qigong’ – lenti movimenti seguiti spesso da una meditazione, seduti con le gambe in posizione di loto – studiavano insieme i testi del Falun Gong e in generale stavano per conto loro.

Nella Foto: a metà degli anni 90, i siti di pratica del Falun Gong come questo a Guangzhou, nella Cina del Sud, erano comuni in tutto il Paese.

Elisabeth Zhang, una praticante del Falun Gong dal 1997, cominciava gli esercizi a casa alle tre del mattino, prima di andare a lavoro alle sei; andava al parco nel fine settimana per incontrarsi con gli altri praticanti, ma in generale s’impegnava nella pratica da sola.

«Allora in Cina si poteva andare in ogni parco o spazio pubblico e si sarebbero viste persone praticare il Falun Gong. Era molto armonioso», ha detto. «Nessuno sarebbe venuto a chiederti il nome. Dopo aver finito gli esercizi, andavi semplicemente a casa».

Zhang, come molti altri, è stata attratta dal Falun Gong grazie agli immensi benefici per la salute.
«Prima di praticare il Falun Gong, non sapevo come era stare senza malattie», ha detto in un’intervista telefonica da casa sua, vicina a Washington.

Zhang nacque con un difetto cardiaco congenito e venne sottoposta a un’operazione a cuore aperto all’età di 11 anni. «Il mio corpo era sempre debole. Se qualcuno intorno a me era ammalato, mi ammalavo. Non potevo mai evitare la febbre» ha detto.

Dopo aver praticato il Falun Gong, colleghi e studenti chiedevano: «Maestra Zhang, fai sport?». Lei rispondeva, «Medito. Pratico il Falun Gong».

La storia di Cui Zijing, ex scienziata all’Università di Tsinghua, una delle più prestigiose in Cina, è simile: soffriva di gravi miocarditi, una specie di infiammazione del cuore, riusciva solo a salire una rampa di scale prima di dover prendere un attimo di respiro. «A volte mi svegliavo nella notte con palpitazioni cardiache così forti che avevo paura di morire», ha detto.

Cui vive ora a Chicago e ha lasciato la Cina nel 2006; sette anni dopo l’inizio della persecuzione del suo credo. Prima del 20 luglio 1999, tuttavia, Cui era una praticante del Falun Gong attiva ed entusiasta.
Sebbene fossero stati i problemi di salute ad averla spinta a praticare, aveva velocemente compreso che il Falun Gong conteneva qualcosa di molto più profondo. «Ho capito che questa è effettivamente una pratica di coltivazione», ha detto. Il termine si riferisce a esercizi di mente e corpo tramandati per millenni in Cina, che riguardano di solito una combinazione di meditazione e disciplina morale.

«Non sapevo cosa fosse la coltivazione. Avevo solo sentito dei Taoisti che coltivavano nelle montagne, leggendo i libri di arti marziali. Non lo capivo», ha detto Cui. «Dopo aver praticato il Falun Gong, ho realizzato “Oh, stiamo effettivamente facendo esercizi di coltivazione, coltivando in accordo alla natura dell’universo».
I principi esposti dal Falun Gong – Verità, Compassione e Tolleranza – erano particolarmente affascinanti, ha detto Cui, perché sentiva ovvio che fossero semplici e buoni.

John Meng, un praticante del Falun Gong che risiede ora in Australia come studente, ha raccontato la prima volta che ha visto i praticanti, «stavano facendo il quinto esercizio in un boschetto. Ho percepito che i gesti delle loro mani erano molto belli». Il quinto esercizio è una meditazione seduta. Ha poi scritto in una mail: «È difficile descrivere con parole umane il mio umore felice di allora, dato che sapevo di avere una speranza di vita».

Dopo aver praticato il Falun Gong, ha detto che «molte cose sono cambiate». Ha cominciato ha trattare le persone gentilmente, ha smesso di entrare in conflitto con i suoi compagni di classe, ha studiato e lavorato duramente e ha «conosciuto molti autentici amici che erano anche praticanti e che mi hanno aiutato molto a migliorare il mio carattere»

Meng ha continuato: «Il Falun Gong era ampiamente accolto dalla gente grazie alle buone azioni dei praticanti e i sorprendenti effetti curativi e fisici. Ed è proprio per questi fattori, che il Falun Gong si è diffuso molto velocemente ed è diventato molto popolare in Cina».

Tutti intorno a loro, i Cinesi vedevano i familiari e colleghi trasformati dalla pratica spirituale, secondo Yang Qing, ex ingegnere in Cina che dopo la pensione ha gestito un luogo di pratica del Falun Gong vicino l’entrata Sud dell’Università di Tsinghua.

Yang ha detto che una volta imparato cosa era il Falun Gong, si era molto emozionato. «Ho praticato altri qigong, ma loro non parlavano mai di verità, compassione e tolleranza. Non parlavano di ritornare al proprio sé originale. Abbiamo sentito di aver trovato la vera via di coltivazione. Ero eccitato da dentro il cuore: avevo trovato un retto sentiero di coltivazione che avrei percorso fino alla fine».

Così, andava al luogo di pratica ogni mattino alle quattro, spazzava il prato e i percorsi vicini, quindi meditava per un’ora prima che arrivasse la gente alle sei. Ha insegnato la pratica a suo figlio e a sua moglie il cui cancro è successivamente scomparso, stando a quanto dice.

Yang ha detto che apparivano con una certa regolarità articoli di giornale che elogiavano le buone azioni compiute da qualcuno – restituire ingenti somme di denaro trovate o portare di corsa un ferito sconosciuto in ospedale e assicurarsi che la sua famiglia fosse stata avvisata – cose che erano inevitabilmente collegate al Falun Gong e alla sua forza morale.

«È cresciuto molto velocemente in Cina», ha detto. Il fondatore della pratica, Li Hongzhi, è stato invitato a parlare nelle sale austere del Dipartimento di Pubblica Sicurezza cinese. A tutta la polizia, e alle guardie di quartiere piaceva il Falun Gong, ha detto Yang, perché sapevano che non avrebbero avuto alcun problema con loro.

Tutto ciò è cambiato il 20 luglio 1999, quando Jiang Zemin, il leader del Partito comunista cinese, ha lanciato una persecuzione contro la pratica. Le guardie di quartiere con le quali Yang ha parlato, hanno attuato le disposizioni, ma erano privi di entusiasmo, ha detto Yang. «Oh», uno di loro ha sospirato, «sappiamo che siete brave persone».

The Epoch Times, 24 Luglio 2013

English Version:
http://www.theepochtimes.com/n3/183161-falun-gong-before-the-persecution/

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.