- Arcipelago Laogai - https://www.laogai.it -

Il dibattito italiano sulle accuse di genocidio in Cina mette sotto pressione l’alleanza TROKI – POLITICO

Un dibattito in Italia sull’opportunità di etichettare la minoranza uigura musulmana cinese come “genocida” rischia di rompere la coalizione di governo a Roma, mentre il nuovo premier Mario Draghi cerca di definire la sua politica cinese.

I legislatori italiani potrebbero essere i prossimi a usare l’etichetta di “genocidio” per le politiche anti-uiguri di Pechino nello Xinjiang, ma l’amministrazione di Troy si oppone al nome, che viene presentato in una risoluzione emessa dalla Lega di estrema destra, parte della coalizione di governo. Altri partiti del governo hanno valutato attentamente le parole e vogliono evitare conflitti diplomatici.

Mercoledì si andrà a votare la commissione estera della Camera sotto il parlamento italiano una Risoluzione [1] che ha condannato gli abusi dei diritti umani nello Xinjiang e li ha definiti “genocidio”.

Proponendo la risoluzione, il legislatore della Lega Paulo Formentini ha riconosciuto che il termine “genocidio” era diffuso tra molti dei suoi colleghi, sebbene la questione degli abusi nello Xinjiang fosse ampiamente condannata.

“Fondamentalmente ci sono molte preoccupazioni tra tutti gli altri gruppi politici. Tutti voteranno per condannare le violazioni dei diritti umani. Ma quando dici ‘genocidio’, tutti corrono dall’altra parte”. Lo ha detto Formentini a POLITICO in un’intervista.

Segnalazioni emergenti di abusi nello Xinjiang, compresa la contraccezione forzata, hanno portato gli Stati Uniti e il Canada a definire “genocidio” le azioni della Cina nella regione. Il parlamento olandese è l’unico in Europa ad assumere una posizione simile. A differenza di Bruxelles e Olanda, dove i partiti liberali e di sinistra sono in prima linea nel condannare gli abusi nello Xinjiang, la spinta in Italia ora viene dalla destra, davanti alla Lega.

“Ad eccezione dei Paesi Bassi, nessun altro parlamento dell’Unione europea ha dato il suo pieno consenso alla condanna di Genocidio “, ha detto Formentini”. È importante che l’Italia di Drake si allontani dal suo secondo ruolo sulla scena europea e diventi leader di un forte legame euro-atlantico “, ha spiegato, aggiungendo di essere orgoglioso di aver plasmato la questione a livello nazionale.

Il dibattito continua mentre il primo ministro delinea la politica del suo governo su Pechino. Tracy, che ora guida un paese che deve affrontare le critiche di Bruxelles e Washington come primo membro del G7 ad aderire all’iniziativa cinese Belt and Road nel 2019, non ha mostrato completamente la sua mano sulla Cina. Ma ha già utilizzato lo strumento di screening degli investimenti esteri del governo contro una società cinese, e fa capire che questa non sarà l’ultima volta.

Gestione di Tracy ha Proposto [2] Ridisegnare la risoluzione della Lega per rimuovere il riferimento a “una politica genocida” e trasformarla in “violazioni dei diritti umani”, secondo due persone con conoscenza diretta dei piani segreti del governo.

La risoluzione afferma anche che la politica cinese nello Xinjiang rientra nelle Nazioni Unite 1948 Risoluzione [3] Sul genocidio. Secondo una persona che ha familiarità con il piano, il governo vuole riconsiderare il rapporto come “probabile che cada”.

Il ministero degli Esteri italiano, che ha proposto le modifiche, ha rifiutato di commentare.

Dibattito parlamentare

Ma per ora Formentini non ha intenzione di accogliere le raccomandazioni del governo. “La Lega non ha abbandonato il suo testo”, ha detto.

La scorsa settimana, i legislatori Dibattito parlamentare [2] di altri partiti al potere hanno denunciato le politiche cinesi sugli uiguri ma hanno rifiutato la parola “genocidio”. Ad esempio, il vice segretario di Stato Benedetto Della Waddova ha segnalato che né le Nazioni Unite né alcun tribunale internazionale hanno chiesto violazioni dei diritti umani nel genocidio dello Xinjiang. Pino Capras, vicepresidente della commissione per gli affari esteri del movimento 5 stelle anti-establishment, è arrivato al punto di suggerire che i rapporti internazionali sullo Xinjiang potrebbero essere propaganda statunitense.

Laura Hart, del Global Panel on Global Law, una ONG, afferma che una risoluzione che condanna le violazioni dei diritti umani nello Xinjiang sarebbe “un grande passo” in ogni caso, anche senza la parola genocidio. “La saggezza diplomatica del governo può essere compresa anche se non la condividiamo. Ma la pratica dei legislatori è meno comprensibile”, ha detto.

Il dibattito arriva tra le crescenti critiche a Bruxelles e nelle capitali europee sull’accordo di investimento UE-Cina (noto come “CAI”), concluso alla fine dello scorso anno. Secondo Formentini, l’Ue dovrebbe abbandonare l’accordo, che considera “un insulto” agli Stati Uniti.

“C’è una connessione tra il CAI e la mia risoluzione”, ha detto. “Se l’UE dipendesse economicamente dalla Cina, sarebbe meno probabile che mantenga i suoi valori”.

Fonte: Generazione Scuola, 07/04/2021 [4]

Articolo in inglese, Politico Eu:

Italy debate on charges of China ‘genocide’ puts pressure on Draghi coalition  [5]