I video di propaganda cinesi sono un tentativo inefficace di screditare #StillNoInfo.

L’UHRP condanna gli ultimi video di propaganda del governo cinese con i parenti di eminenti attivisti uiguri che vivono all’estero. Il 10 gennaio, il quotidiano nazionalista Global Times ha pubblicato un video con uno dei figli della signora Kadeer e due delle sue nipoti.

Nel video, affermano che la politica religiosa del governo è “molto buona” e che le persone “vivono una vita dignitosa” nella patria uigura. Denunciano anche pressioni di attivisti dei diritti umani nei confronti dei loro parenti all’estero.

“Nessun osservatore obiettivo può credere che i parenti della signora Kadeer stiano parlando liberamente. Se il governo cinese è così sicuro che i figli e i nipoti della signora Kadeer siano sinceri nel lodare la politica del governo, dovrebbero essere autorizzati a ottenere il passaporto per visitarla negli Stati Uniti “, ha dichiarato il direttore esecutivo dell’UHRP Omer Kanat. “Ma la signora Kadeer non è nemmeno stata messa nelle condizioni di parlare con loro per telefono per diversi anni. È impossibile credere che stiano parlando senza “coercizione”. Sono ostaggi, in effetti, e il video è un’altra fonte di dolore emotivo per i loro familiari all’estero “.

“L’affermazione secondo cui il video dimostra” trasparenza “da parte delle autorità dello Xinjiang è ridicola”, ha continuato.

Questo video e altri simili sono vere e proprie dimostrazioni forzate di lealtà verso le autorità. Essere costretti a denunciare i parenti come condizione di sicurezza personale segna il preoccupante ritorno del terrore politico nell’era della Rivoluzione Culturale! Come hanno sottolineato i commentatori dell’UHRP, il Partito ha ripreso numerose caratteristiche delle sue campagne di “rieducazione del pensiero” dell’era Mao! Che si basano su “umiliazioni rituali verso coloro che hanno commesso” errori “nel loro pensiero.” Oggi, le politiche di controllo totale del governo verso gli uiguri includono la “rieducazione” sotto forma di brutale detenzione finalizzata alla “trasformazione” dell’identità e della fede uigura.

La punizione collettiva e arbitraria di intere famiglie è stata un altro segno distintivo della repressione in atto nel Turkestan orientale.

In risposta al video, la signora Kadeer ha richiesto informazioni su tutti e 35 i suoi parenti che sono stati irraggiungibili da quando il governo ha dato una stretta sui contatti.

L’articolo del Global Times affermava anche che la sorella del presidente del Congresso uiguro del mondo Dolkun Isa ha denunciato le attività di suo fratello, anche se non è apparsa nel video. Si dice che i loro genitori fossero morti di vecchiaia. Isa ha ricevuto una comunicazione ufficiosa che sua madre era morta in un campo nel 2018, ma ha espresso in una dichiarazione la sua angoscia che questa era la prima notizia che aveva sentito della morte di suo padre.

L’assalto della propaganda cinese con parenti degli uiguri esiliati sembra essere in gran parte la risposta alla campagna #StillNoInfo. Il fondatore della campagna, il signor Bahram Sintash, non ha ancora ricevuto notizie di suo padre. La madre del signor Ferkat Jawdat è apparsa in uno dei primi di questi video prodotti dal governo, nel novembre 2019. In seguito è riuscita a parlare con un reporter del New York Times, a cui è stato detto dalle autorità che l’avrebbero uccisa se i nastri dell’intervista fossero stati rilasciati.

Gli Uiguri sono presi di mira per avere parenti all’estero o qualsiasi contatto con familiari e amici all’estero. Dal 2017, quasi tutti gli Uiguri all’estero hanno perso i contatti con i propri cari, che li hanno cancellati dai loro contatti o hanno smesso di rispondere. Gli Uiguri all’estero sono costantemente intimiditi per la sicurezza dei loro familiari. Molti sono stati direttamente minacciati dalle autorità cinesi di intimidirli in silenzio, come documentato in un recente rapporto UHRP, Repression Across Borders: The Illegal Moassment and Coercion of Uyghur American.

Eppure molti Uiguri all’estero hanno comunque concluso che urlare è meglio che rimanere in silenzio, e hanno ampiamente usato l’hashtag #ChinaShowThemAll sui social media per richiedere informazioni sui loro parenti scomparsi.

Traduzione di Giuseppe Manes, Arcipelago Laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: UHRP,14/01/2020

English article:

China’s propaganda videos are an ineffective attempt to discredit #StillNoInfo 

 

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.