I tibetani in esilio: appello per l’annullamento della condanna a morte di Konchok e Kyab

Phayul ,Lunedi, 23 September, 2013

Dharamsala, 23 settembre: Kirti Rinpoche, il capo in esilio dei monasteri di Kirti nella zona tibetana di Ngaba, che ha assistito alla gran parte delle proteste di auto immolazione di tibetani dal 2009, sabato ha condannato la sentenza di morte di Lobsang Konchok e Dolma Kyab definendo il sistema giuridico  cinese “infido”.

Il governo cinese ha condannato Lobsang Konchok e Dolma Kyab a morte per la loro connessione con le proteste di auto-immolazione senza eventuali prove concrete: è una chiara dimostrazione che la Cina viola il diritto internazionale e disprezza i diritti umani di base”, ha asserito Kirti Rinpoche, in un suo intervento su “”’Petizione alle Nazioni Unite”” organizzata dal Partito nazionale democratico del Tibet.

Nel gennaio di quest’anno, un tribunale cinese ha condannato Lobsang Konchok,, un monaco del monastero di Ngaba Kirti, a morte con una tregua di un anno o due, e Dolma Kyab, . Rinpoche si è appellato alle Nazioni Unite e alla comunità internazionale che si attivino per la liberazione di tutti i prigionieri politici tibetani tra cui il giovane Panchen Rimpoche.

“Questo non è solo un totale disprezzo delle leggi internazionali e dei diritti umani fondamentali, ma anche una chiara prova della sistematica violazione di una nazione sui diritti civili “, ha affermato Gelek Jamyang, Presidente del Partito Democratico Nazionale del Tibet.

“Gli eccessi dittatoriali del regime comunista cinese sono un crimine contro l’umanità ed è una macchia sulla pace in generale nel mondo.” La campagna è stata finalizzata a riportare la situazione in Tibet per il bando delle Nazioni Unite e per risolvere la crisi all’interno del Tibet.

Presenti alla manifestazione un insediamento ufficiale di Dharamsala di Sonam Dorjee, Tsering Tsomo, direttore del Centro tibetano per i diritti umani, la democrazia e leader di ONG tibetane. Durante l’evento alcuni mantra sono stati recitati a favore dei tibetani che si sono di auto-immolati.

Dal 2009, 121 tibetani si sono dati fuoco in Tibet per la libertà in Tibet e il ritorno di Sua Santità il Dalai Lama dall’esilio. Un certo numero di tibetani sono stati perseguitati anche per il loro presunto coinvolgimento nelle proteste di auto-immolazione in varie regioni del Tibet.

English Version:

http://www.phayul.com/news/article.aspx?id=34030&article=Exile+Tibetans+appeal+for+commuting+of+Konchok+and+Kyab’s+death+sentence

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.