I tibetani disabili devono denunciare il Dalai Lama per ottenere lavoro

Secondo una direttiva statale i tibetani disabili che cercano lavori a basso reddito nei dipartimenti governativi cinesi devono ora superare test politici per mettersi in lista per ottenere una occupazione, i richiedenti  devono respingere il “separatismo etnico” e denunciare il leader spirituale esiliato del Tibet, il Dalai Lama.

Questa direttiva è stata emessa nella regione autonoma del Tibet l’11 giugno, l’avviso di assunzione limita l’occupazione agli aspiranti lavoratori del governo che “hanno una ferma posizione sui principi politici dell’anti-secessione, critici nei confronti del Dalai Lama, che salvaguardano la riunificazione della madrepatria, e unità nazionale “.

L’avviso, una cui copia è in possesso di RFA, richiede candidati a lavori come autisti, addetti alle pulizie, aiutanti di cucina e altri tipi di personale di supporto per “sostenere la leadership e il sistema socialista del Partito comunista cinese al potere”.

“Le persone in cerca di lavoro con disabilità devono attenersi alla Costituzione e alle leggi della Repubblica popolare cinese”, prosegue l’avviso di assunzione.

Le richieste cinesi sono che i tibetani disabili hanno ora raggiunto le qualifiche politiche per trovare lavoro  e non devono “mostrare il senso di profonda insicurezza al PCC”, ha detto l’analista cinese con sede negli Stati Uniti Ganze Lama Kyab in una recente intervista al servizio tibetano della RFA.

“Sottolinea che in Tibet la priorità assoluta del governo cinese è la correttezza politica come requisito numero uno per l’assunzione. Chiunque non rispetti la linea politica cinese ufficiale non ha possibilità di sostentamento.”

Anche i tibetani in cerca di lavoro come agenti di polizia ausiliari nelle aree tibetane della Cina sono stati esclusi da molti lavori, con i reclutatori chiamati a discriminare chiunque si impegni in “attività separatiste” o abbia familiari che hanno lasciato il Tibet per andare in esilio all’estero.

“Mio fratello minore ha cercato di arruolarsi nelle forze di polizia cinesi”, ha affermato a RFA un ex residente della prefettura di Chamdo in Tibet, ora residente in India, aggiungendo: “Ma dato che ora sono in India, hanno negato a mio fratello il lavoro. ”

Anche i tibetani che vogliono arruolarsi nell’esercito cinese non devono mai essere stati impegnati in attività politiche tibetane, ha affermato Shide Dawa, ricercatore presso l’Istituto di politica del Tibet collegato al governo in esilio tibetano a Dharamsala, India.

“La repressione cinese sui tibetani per la loro lealtà e devozione verso il Dalai Lama è una violazione delle leggi internazionali e una violazione della libertà di parola e di culto”, ha detto Dawa, aggiungendo: “Va persino contro le leggi cinesi, tra cui leggi regionali sull’autonomia etnica. “

Considerato dai leader cinesi un pericoloso separatista, il Dalai Lama è fuggito dal Tibet in esilio in India nel mezzo di una fallita rivolta nazionale tibetana del 1959 contro il governo da parte della Cina.

Per i tibetani mostrare foto del Dalai Lama, celebrare pubblicamente il suo compleanno e condividere i suoi insegnamenti sui telefoni cellulari o altri social media sono spesso puniti severamente.

Le autorità cinesi nel frattempo mantengono una brutale oppressione sul Tibet e sulle regioni della Cina occidentale popolate da tibetani, limitando le attività politiche di questi e l’espressione pacifica delle identità culturali e religiose  sottoponendo i tibetani a reclusione, tortura e uccisioni extragiudiziali.

Traduzione a cura di Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: RFA,15/06/2020

Versione inglese:

Disabled Tibetans Must Denounce Dalai Lama to Get Jobs

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.