I settant’anni di Prodi «Cina e Africa i miei impegni»

Festa con la moglie Flavia e la «tribù» di familiari nel Castello di Bebbio

BEBBIO (Reggio Emilia)— «Quando una porta è chiusa, è chiusa». Niente da fare: nemmeno per i suoi set­tant’anni Romano Prodi rom­pe il suo silenzio sulla politica italiana. Abbronzato, in gran forma, il Professore torna a piedi da messa insieme con la moglie Flavia al Castello di Bebbio, acquistato negli anni Sessanta dai nove fratelli Pro­di e ristrutturato da uno di lo­ro, l’architetto Quintilio: «Una passeggiatina per muo­versi un po’» spiega lui. In re­altà, la chiesetta di Valestra non è dietro l’angolo: dalla re­sidenza, sono alcuni chilome­tri di saliscendi tra le colline. Se una porta si è chiusa, tut­tavia, altre se ne aprono. Il professore chiacchierando ri­vela che dal prossimo anno in­segnerà alla Shanghai Busi­ness School, una delle fucine del successo economico cine­se. Va detto che il rapporto dell’ex premier con il paese del dragone sembra farsi sem­pre più stretto: lo scorso no­vembre, Prodi ha parlato del­la crisi globale alla scuola cen­trale del partito comunista, ri­cevuto con tutti gli onori an­che dal premier Wen Jiabao.

Mentre nei giorni del G8, di nuovo a Pechino, il Professo­re è stato invitato dal China Center for the Economic Exchange per parlare al Glo­bal Think Tank Summit. Ce n’è abbastanza da alimentare la voce, ripresa ieri anche dal­l’ Adnkronos , di una sua possi­bile successione al segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, proprio in con­siderazione degli ottimi rap­porti con il colosso asiatico. In ogni caso, l’incarico a cui Prodi più tiene è proprio quello di responsabile del gruppo di lavoro tra Onu e Unione africana per le opera­zioni di peacekeeping nel con­tinente nero. «In settembre – spiega – il Consiglio di sicu­rezza dovrà discutere della mia relazione, ma si tratta di problemi molto controversi. In ogni caso, l’Unione africa­na resta centrale. Va aiutata a crescere, altrimenti l’Africa non si svilupperà mai, i paesi sono troppo piccoli e divisi. A qualcuno fa comodo così, c’è la possibilità di commerci bi­laterali… qualcuno potrebbe parlare di neocolonialismo. L’Africa non ne ha bisogno».

Ma è giorno di festa, i pro­blemi sono lontanissimi dai verdi colli che circondano il Castello di Bebbio. Secondo la nipote Laura Prodi, intorno al­la tavola per festeggiare i set­tant’anni del Professore ci sa­ranno una settantina di perso­ne, tra cui nugoli di bambini. Ma è ricorrenza rigorosamen­te di famiglia, con un’unica ec­cezione: Alessandro Fagioli, patron del colosso della logi­stica Fagioli Group. Amico dell’ex premier «da trent’an­ni », si presenta con un gigan­tesco mastello che contiene due altrettanto mastodonti­che angurie: «Che volete mai, cosa si può regalare a uno co­me Romano… io gli porto le cocomere». Nel pomeriggio, al castello arriva una delegazione del Pd di Carpineti che porta un al­tro dono: un altro mastello di Casagai, la pochissimo dieteti­ca delizia del luogo, polenta saltata nel lardo. Ma anche sul compleanno, Prodi preferi­sce non indulgere troppo ai bi­lanci: «Settant’anni? Mah, cer­tamente qualche motivo di ri­flessione c’è. Ma mica da rom­persi la testa… ».

Marco Cremonesi
Corriere della Sera

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.