I servizi doganali svizzeri distruggono a Thônex una tonnellata di pentole e coltelli contraffatti made in Cina

I servizi doganali svizzeri hanno distrutto ieri mattina a Thônex (GE) una tonnellata di pentole e di coltelli contraffatti, con il marchio elvetico prodotti  in Cina.

Gli articoli erano proposti a prezzi proibitivi da venditori ambulanti gitani provenienti dalla Romania, che si rifornivano in Belgio prima di andare di porta in porta: una batteria poteva costare 1’700 euro, ma i truffatori in origine ne pagavano appena 35

Gli utensili erano di cattiva qualità, fabbricati con leghe metalliche potenzialmente pericolose per la salute. Dall’inizio dlel’inchiesta alla loro distruzione sono passati due anni, un procedimento molto lungo. Di recente ci sono stati due nuovi sequestri, questa volta di cassette per gli attrezzi con la croce bianca su sfondo rosso.

RSI News,16/06/2015

English article,Geneva Lunch.com:

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.