I saloni di bellezza cinesi spopolano. Confartigianato: “Parrucchieri e barbieri accusano la concorrenza sleale”

Buona la performance che il comparto del benessere di Empoli ha registrato negli ultimi 5 anni, dimostrando di saper affrontare la crisi a viso aperto. Parrucchieri, barbieri, estetisti e tatuatori sono infatti cresciuti, dal 2009 al 2014, del 3,2%, raggiungendo nel comune quota 162 imprese attive.

 

Si tratta, spiega l’ufficio studi di Confartigianato che ha elaborato i dati della locale Camera di Commercio, di 117 saloni tra parrucchieri e barbieri, 37 saloni di bellezza (compresi manicure e pedicure), 6 studi di tatuatori e 2 attività generiche.

Forte in tutto l’empolese la presenza di imprese gestite da cittadini cinesi (il 18% del totale provinciale) e fortissima la loro crescita: +40% dal 2011 al 2014, limitandosi alle sole imprese individuali. Se gli istituti di bellezza sono cresciuti del 3%, parrucchieri e barbieri sono invece diminuiti dell’1,7%.

Sono proprio i coiffeur, infatti, a patire maggiormente la concorrenza sleale degli abusivi: un universo sommerso che si sta sempre più radicando nell’intero comparto (parrucchieri, estetisti e tatuatori), con conseguenze negative, tanto economiche che personali – spiega Renzo Nibbi, coordinatore area benessere di Confartigianato. Da una parte il danno economico per le aziende regolari e quello per la cittadinanzain termini di tasse non pagate e contributi non versati, che si traducono inevitabilmente in tagli ai servizi o in aggravi di costi. Dall’altra, i rischi per la propria salute. Basti pensare ai danni alla cute e ai capelli per l’uso di prodotti non a norma, a dermatiti, micosi, allergie, ai danni causati da massaggi non professionali, all’epatite C e anche all’Aids contraibili con l’uso di strumenti non sterilizzati”.

Proprio per contrastare l’abusivismo dell’intero comparto, Camera di Commercio di Firenze, Confartigianato e Cna hanno dato il via ad una campagna di sensibilizzazione dei consumatori che indica i vantaggi di avvalersi di imprese regolari, affidando la cura della propria persona ad operatori qualificati (con anni di studio, apprendistato ed aggiornamenti) che rispettano le leggi sul lavoro, l’ambiente, l’igiene e la sicurezza. Tra gli strumenti della campagna anche “12 raccomandazioni per una scelta consapevole”: un’agile guida con accorgimenti, curiosità e consigli per tutti i consumatori che vogliono usare i servizi di cura della persona. La guida è in distribuzione gratuita presso la Camera di Commercio e le sedi delle associazioni di categoria.

                                                                       copertina_estetica

Fonte: Ufficio Stampa Confartigianato Imprese Firenze,Gonews,it,18/03/2015

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.