I residenti di Wuhan criticano il vice premier cinese per mancanza di cibo e forniture.[video]

I residenti di un progetto di edilizia abitativa nella città centrale di Wuhan hanno gridato giovedì ad un alto funzionario del Partito Comunista Cinese al potere con le grida di “Falso!” dopo che gli è stato detto di rimanere a casa durante la sua visita al loro complesso residenziale.

Il video pubblicato su YouTube e Twitter mostrava il vice premier Sun Chunlan e il suo entourage mentre camminava attraverso i terreni del complesso residenziale Kaiyuan nel distretto di Wuhan Qingshan giovedì, come parte dell’ispezione di Sun sul controllo e la prevenzione delle epidemie in città.

Il comitato residenziale locale ha detto ai residenti di rimanere nelle loro case durante la visita, ma hanno comunque reso noto il loro punto di vista.

Non appena Sun si era posto di fronte a una telecamera, le grida di “Fake! Fake!” e “E’ [si dice] tutto falso!” cominciò a piovere dagli appartamenti nei palazzi sopra.

Dopo che Sun se ne fu andato, fu inviato un messaggio al gruppo WeChat di Qingshan Kaiyuan.

“Durante la visita del vice premier Sun Chunlan e del segretario del partito comunista comunale Wang Zhonglin … il padrone di casa non ci ha permesso di scendere al piano di sotto, e ha persino organizzato la consegna di carne e verdure ai residenti da parte di” volontari “”, ha detto il messaggio.

“Tutti hanno urlato che i prodotti erano falsi e che il padrone di casa non stava facendo nulla [sulle forniture] e che le cose sono davvero difficili”, ha detto.

“Il segretario del partito municipale e il vice premier sono fuggiti prima di aver completato più della metà della loro visita”, ha detto il messaggio. “Abbastanza sicuro che i leader locali … verranno criticati.”

“Un sacco di gente è appena arrivata dal comitato residenziale e va di porta in porta a raccogliere domande e problemi dai residenti”, ha detto.

Tensioni sociali e politiche

Le tensioni sociali e politiche stanno aumentando a Wuhan, che è stato sotto il blocco totale della quarantena per più di sei settimane e che ha sopportato il peso maggiore delle infezioni e dei decessi COVID-19.

I prezzi dei generi alimentari sono saliti alle stelle in una città in cui è impedito a circa 11 milioni di persone di viaggiare o accedere alle forniture senza permessi e permessi ufficiali, mentre gli aiuti e le donazioni di cibo vengono sequestrati o lasciati marcire a causa della corruzione o della mancanza di infrastrutture di consegna.

I residenti sono arrabbiati per il fatto che i recenti annunci secondo cui le autorità cittadine avrebbero esercitato controlli sui prezzi delle carni suine non sono stati attuati, soprattutto perché non c’è carne di maiale disponibile da acquistare in molte aree.

I commenti online hanno applaudito i fanatici.

“Quindi ci sono ancora eroi in Qingshan!” leggi un commento, mentre un altro di Wuhan ha detto: “Il suono di queste urla echeggerà nella storia!”

“Dire all’imperatore di mettersi dei vestiti faccia a faccia!” ha detto un altro, mentre un altro ha definito il diavolo “prezioso”. “È così bello gridare la verità”, ha detto un altro.

Secondo i resoconti dei media ufficiali cinesi, Sun ha in seguito rimproverato i funzionari locali per aver cercato di coprire le tensioni.

Il quotidiano Global Times, che ha stretti legami con il portavoce del Partito Comunista, il Daily’s Daily, ha confermato che i videoclip online ritraggono effettivamente la visita di Sun al complesso residenziale di Wuhan.

Secondo quanto riferito, più di 3000 persone sono state arruolate nel complesso residenziale per visitare i residenti e comprendere le loro esigenze e esigenze specifiche.

I premi suscitano polemiche

Nel frattempo, le autorità hanno rilasciato un premio al defunto dottore Li Wenliang, che è morto di COVID-19 dopo essere stato convocato dalla polizia per aver parlato nelle prime fasi dell’epidemia di un “virus simile alla SARS” che stava emergendo a Wuhan.

Li ha ricevuto il premio insieme a centinaia di altri ritenuti aver contribuito in modo straordinario al lavoro di prevenzione delle epidemie, tra cui l’esperto in malattie respiratorie Wang Guangfa, suscitando rabbia tra gli attivisti per i diritti.

“Se ammettono che era sbagliato punire Li Wenliang, allora stanno negando la loro stessa censura e controlli sulla libertà di parola”, ha detto l’attivista per i diritti di Guangzhou Wang Aizhong alla RFA.

“Ovviamente questa è una decisione presa per placare la rabbia pubblica”, ha detto Wang.

Il nome di Wang è diventato sinonimo di copertura del governo dopo che si è recato a Wuhan nelle prime fasi dell’epidemia e lo ha dichiarato “prevenibile e controllabile”.

In seguito ha contratto lo stesso COVID-19, tra oltre 80.000 persone nella Cina continentale per farlo.

“Li Wenliang e gli operatori sanitari hanno dato qualcosa di valore in termini di prevenzione e controllo delle malattie, nonché di trattamento dei pazienti”, ha detto Wang Aizhong.

“Ma Wang Guangfa è responsabile della … diffusione dell’epidemia, quindi è chiaramente inappropriato considerarlo come qualcuno che ha contribuito.”

Lo scrittore di Wuhan, Fang Fang, ha scritto giovedì che Wang Guangfa era in debito con il popolo della sua città.

Il debito deve essere ripagato, se le anime di migliaia di morti dovessero riposare, scrisse Fang Fang.

Dei 3.408 morti attribuiti globalmente a COVID-19 entro venerdì, 2.931 sono stati nella provincia cinese di Hubei, di cui Wuhan è la capitale.

Traduzione di Giuseppe Manes, Arcipelago laogai in memoria di Harry Wu

Fonte: RFA,06/03/2020

Articolo inglese: 

 Wuhan Residents Heckle China’s Vice Premier Over Lack of Food, Supplies

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.