I punti oscurati sulle mappe cinesi ci hanno aiutato a scoprire i campi dello Xinjiang

Questo progetto è stato sostenuto dall’Open Technology Fund , dal Pulitzer Center e dall’Eyebeam Center for the Future of Journalism .

 

Una  immagine a tessera mascherata su Baidu Maps.

La nostra svolta è arrivata quando abbiamo notato che c’era una sorta di problema con il caricamento delle immagini satellitari nelle vicinanze di uno dei campi conosciuti durante l’utilizzo della piattaforma di mappatura cinese BaiduMaps. Le immagini satellitari erano vecchie, ma per il resto andavano bene se ingrandite, ma a un certo punto apparivano semplici immagini a tessera grigio chiaro sopra la posizione del campo. Sono scomparse man mano che si ingrandiva ulteriormente, mentre le immagini satellitari sono state sostituite dalle carte di riferimento grigie standard, che mostravano caratteristiche come i contorni degli edifici e le strade.

A quel tempo, Baidu aveva solo immagini satellitari a media risoluzione nella maggior parte delle parti dello Xinjiang, che sarebbero state sostituite dalle loro tessere di mappa di riferimento generali quando si ingrandiva più da vicino. Non era quello che stava succedendo qui: queste tessere grigio chiaro nella posizione del campo erano di un colore diverso rispetto alle tessere della mappa di riferimento e non avevano alcuna informazione disegnata, come le strade. Sapevamo anche che non si trattava di un errore nel caricare le tessere o di informazioni mancanti dalla mappa. Di solito quando una piattaforma della mappa non è in grado di visualizzare una tessera, serve una tessera vuota standard, che è filigranata. Queste tessere vuote sono anche di un colore più scuro rispetto alle tessere che avevamo notato nei campi.

Una volta scoperto che potevamo replicare in modo affidabile il fenomeno della parte vuota, abbiamo iniziato a guardare altri campi le cui posizioni erano già note al pubblico per vedere se potevamo osservare la stessa cosa. Dei sei campi che abbiamo utilizzato nel nostro studio di fattibilità, cinque avevano tessere vuote nella loro posizione al livello di zoom 18 a Baidu, che apparivano solo a questo livello di zoom e scomparivano quando si ingrandiva ulteriormente. Uno dei sei campi non aveva le tessere vuote: una persona che aveva visitato il sito nel 2019 ha detto che era chiuso, il che avrebbe potuto spiegarlo. Tuttavia, in seguito abbiamo scoperto che le tessere vuote non erano utilizzate nei centri urbani, ma solo verso il confine delle città e nelle aree più rurali. (Baidu non ha risposto alle ripetute richieste di commento.)

Avendo stabilito che probabilmente avremmo potuto trovare campi di internamento in questo modo, abbiamo esaminato le tessere satellite di Baidu per l’intero Xinjiang, comprese le tessere di mascheramento vuote, che formavano uno strato separato sulla mappa. Abbiamo analizzato i luoghi mascherati confrontandoli con immagini aggiornate di Google Earth, Sentinel Hub dell’Agenzia spaziale europea e Planet Labs.

In totale c’erano 5 milioni di tessere mascherate nello Xinjiang. Sembravano coprire qualsiasi area anche di minima importanza strategica: basi militari e campi di addestramento, prigioni, centrali elettriche, ma anche miniere e alcune strutture commerciali e industriali. C’erano troppe posizioni per noi da selezionare, quindi abbiamo ristretto il campo concentrandoci sulle aree intorno alle città, ai paesi e alle strade principali.

Le prigioni e i campi di internamento devono essere vicini alle infrastrutture : è necessario procurarsi grandi quantità di materiali da costruzione e macchinari pesanti per costruirli, tanto per cominciare. Le autorità cinesi avrebbero avuto bisogno anche di buone strade e ferrovie per portare migliaia di persone appena detenute, come hanno fatto nei primi mesi della campagna di internamento di massa. L’analisi delle posizioni vicino alle principali infrastrutture è stato quindi un buon modo per focalizzare la nostra ricerca iniziale. Questo ci ha lasciato con circa 50.000 posizioni da guardare.

Abbiamo iniziato a ordinare sistematicamente le posizioni delle parti mascherate utilizzando uno strumento Web personalizzato che abbiamo creato per supportare la nostra indagine e aiutare a gestire i dati. In questo modo abbiamo analizzato l’intera prefettura di Kashgar, il cuore degli uiguri, che si trova nel sud dello Xinjiang, così come parti della prefettura vicina, Kizilsu. Dopo aver esaminato 10.000 posizioni delle tessere di immagini mascherate eaver identificato una serie di strutture che portano i segni distintivi di centri di detenzione, prigioni e campi di lavoro forzato, abbiamo avuto una buona idea della gamma di design di queste strutture e anche del tipo di luoghi in cui erano collocate.

Abbiamo subito iniziato a notare quanto sono grandi molti di questi luoghi e quanto sembrano essere fortemente cartolarizzati rispetto ai campi conosciuti in precedenza. Per quanto riguarda la disposizione del sito, l’architettura e le caratteristiche di sicurezza, hanno una maggiore somiglianza con altre prigioni in Cina con le scuole e gli ospedali convertiti che formavano i primi campi nello Xinjiang. Anche le nuove strutture sono costruite per durare, in un modo più specifico dal punto di vista tecnico. I muri perimetrali sono fatti di cemento spesso, ad esempio, che richiede molto più tempo per essere costruito e forse successivamente demolito, rispetto alla recinzione di filo spinato che caratterizza i primi campi.

In quasi tutte le contee abbiamo trovato edifici con i segni distintivi dei centri di detenzione, oltre a nuove strutture con le caratteristiche di grandi campi e / o prigioni ad alta sicurezza. In genere, ci sarebbe un centro di detenzione più vecchio nel centro della città, mentre in periferia ci sarebbe un nuovo campo e una prigione, spesso in aree industriali di recente sviluppo. Dove non avevamo ancora trovato queste strutture in una determinata contea, questo modello ci ha spinto a continuare a cercare, soprattutto nelle aree in cui non c’erano immagini satellitari recenti. Dove non c’erano immagini pubbliche ad alta risoluzione, abbiamo utilizzato immagini a media risoluzione di Planet Labs e Sentinel per individuare i siti probabili.

Questa è Yiwu, prefettura di Hami in Google Earth, nelle più recenti immagini ad alta risoluzione disponibili pubblicamente. La foto è stata scattata nel 2006. L’indicatore bianco mostra la vecchia prigione ora demolita e l’indicatore rosso mostra quella nuova in periferia.

 

Ecco un primo piano del luogo in cui sarebbe stata costruita la nuova prigione.

 

Planet Labs ha acquisito una nuova immagine satellitare nel 2020, mostrando la struttura completamente costruita.

Requisiti della prigione: perché le carceri vengono costruite dove sono 

C’è una buona ragione per cui questi luoghi sono sviluppati vicino alle città . C’è il campo occasionale in una posizione più remota, come il vasto campo di internamento a Dabancheng, ma anche lì è vicino a una strada principale, con una piccola città nelle vicinanze. Avere la prigione o il campo vicino a una città esistente riduce al minimo, in linea di principio, la distanza che i detenuti devono percorrere quando sono trasportati (sebbene ci siano anche casi di prigionieri e detenuti portati proprio attraverso lo Xinjiang, da Kashgar a Korla, come nel video del drone che è riemerso recentemente, secondo gli analisti). È più facile per le famiglie visitare i propri cari che sono in custodia. Essere vicino a una città significa che una prigione o un campo possono essere gestiti più facilmente. Le guardie hanno famiglie, i loro figli hanno bisogno di andare a scuola, i loro partner hanno un lavoro, hanno bisogno di accesso all’assistenza sanitaria, ecc. I lavoratori edili sono necessari per costruire la prigione in primo luogo. È anche utile per i servizi. Prigioni e campi hanno bisogno di elettricità, acqua, linee telefoniche. È molto più economico e facile connettersi a una rete esistente nelle vicinanze piuttosto che far passare nuovi tubi e cavi per decine di chilometri in una posizione più remota.

Infine, è necessario un grande appezzamento di terreno per una prigione, preferibilmente con spazio per espandersi in futuro, ed è ciò che offrono le aree industriali di recente sviluppo: lotti di ingenti dimensioni e serviti, vicino a paesi e città esistenti. La costruzione in aree industriali colloca i campi anche vicino a fabbriche per il lavoro forzato. Mentre molti campi hanno fabbriche all’interno dei loro complessi, in molti casi  sappiamo che di detenuti vengono trasportati in autobus verso altri siti di fabbrica per lavorare.

Il nostro elenco di siti

In totale abbiamo identificato 428 località nello Xinjiang che recano i segni distintivi di prigioni e centri di detenzione. Molti di questi luoghi contengono da due a tre strutture di detenzione: un campo, un centro di detenzione amministrativa preventiva o una prigione. Intendiamo analizzare ulteriormente queste posizioni e rendere il nostro database più granulare nei prossimi mesi.

Di questi luoghi, riteniamo che 315 siano in uso come parte dell’attuale programma di internamento: 268 nuovi campi o complessi carcerari, più 47 centri di detenzione amministrativa preliminare che non sono stati ampliati negli ultimi quattro anni. Abbiamo testimonianze che dimostrano che questi centri di detenzione sono stati spesso utilizzati per trattenere persone, che spesso vengono poi trasferite in altri campi, e quindi riteniamo importante includerli. Sono esclusi da questi 315 campi , 39 che riteniamo siano probabilmente chiusi e 11 che sono stati chiusi: o sono stati demoliti o abbiamo testimonianze che non sono più in uso. Ci sono altre 14 località identificate da altri ricercatori, ma dove il nostro team è stato in grado di controllare solo le prove satellitari, che in questi casi sono deboli. Questi 14 non sono inclusi nella nostra lista.

Abbiamo anche individuato 63 carceri che riteniamo appartengano a programmi precedenti, pre-2016. Queste strutture sono state in genere costruite diversi anni, in alcuni casi diversi decenni ,prima dell’attuale programma di internamento e non sono state estese in modo significativo dal 2016. Sono anche diverse nello stile dai centri di detenzione, noti in cinese come “kanshousuo”, e anche dai campi più recenti. Queste strutture non fanno parte delle 315 che riteniamo siano in uso come parte dell’attuale programma di internamento e sono incluse separatamente nel nostro database.

Molti dei campi precedenti, che sono stati convertiti in altri usi, hanno subito la rimozione delle recinzioni del cortile, delle torri di guardia e di altri elementi di sicurezza, spesso alla fine del 2018 o all’inizio del 2019. In alcuni casi, la rimozione della maggior parte delle barricate, oltre al fatto che ci sono spesso le auto parcheggiate in diversi punti dei complessi, suggerisce che non sono più campi e sono classificate come probabilmente chiuse nel nostro database. La rimozione delle funzioni di sicurezza, in molti casi, ha coinciso con l’apertura di una struttura più grande e di maggiore sicurezza nelle vicinanze, suggerendo che i detenuti potrebbero essere stati spostati nella nuova posizione.

Laddove le strutture sono state costruite appositamente come campi e sono state rimosse le recinzioni del cortile, ma per il resto non mostrano alcun cambiamento di uso (come le auto nel complesso), pensiamo che siano probabilmente ancora campi, anche se con livelli di sicurezza inferiori.

Ringraziamenti

Il nostro lavoro si è anche basato sul lavoro di altri, Shawn Zhang, Adrian Zenz, Bitter Winter, Gene Bunin, ETNAM, collaboratori di Open Street Map e il Manuale della Laogai: abbiamo cercato di verificare tutte le posizioni in questi database (e abbiamo tentato per individuare i campi nel caso del Manuale della Laogai), li ha aggiunti al nostro database, ove pertinente, e li ha classificati. Anche il lavoro dell’Australian Strategic Policy Institute (ASPI), in particolare Nathan Ruser e il suo consiglio in una fase iniziale di questo progetto, è stato inestimabile. Segnaliamo inoltre il contributo degli interpreti che hanno lavorato con noi. Per motivi di sicurezza, non condividiamo nomi o altri dettagli identificativi, ma vorremmo comunque estendere pubblicamente i nostri ringraziamenti.

Alison Killing ha condotto questo rapporto con una sovvenzione e ulteriore assistenza dall’Open Technology Fund 

Manuale della LRF. ora Arcipelago laogai in memoria di Harry Wu. Vengono riportati i codici, i nomi delle imprese, delle prigioni e dettagli sul campo di lavoro forzato.

Traduzione Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: Buzz Feed News,27/08/2020

Articolo in inglese:

Blanked-Out Spots On China’s Maps Helped Us Uncover Xinjiang’s Camps

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.