I legami economici cinesi implicano il sostegno di Pechino al colpo di stato del Myanmar

Secondo un commentatore politico cinese, gli enormi interessi economici del Partito Comunista Cinese (PCC) in Myanmar hanno probabilmente portato a una risposta in sordina al colpo di stato militare nel paese da parte di Pechino.

 

Il Consigliere di Stato del Myanmar Aung San Suu Kyi (D) incontra il Ministro degli Esteri cinese Wang Yi (L) al Palazzo Presidenziale di Naypyidaw, 11 gennaio 2021.

Mentre gli Stati Uniti e i loro alleati hanno condannato fermamente la distruzione da parte dei militari del governo democraticamente eletto del paese e la detenzione del suo leader Aung San Suu Kyi, la risposta pubblica della Cina è stata di “prendere nota” di ciò che sta accadendo e di dire che sta monitorando la situazione strettamente.

Mentre i militari hanno imposto uno “stato di emergenza di un anno” sotto il capo militare Min Aung Hlaing, il portavoce cinese Wang Wenbin ha annunciato:

“Abbiamo preso atto di ciò che sta accadendo in Myanmar e stiamo imparando di più sulla situazione”

Ha aggiunto: “La Cina è un vicino amichevole del Myanmar. Ci auguriamo che tutte le parti in Myanmar gestiscano adeguatamente le loro differenze … e mantengano la stabilità politica e sociale”.

L’enfasi sulla “stabilità” parla sia dei legami economici ad ampio raggio tra i due paesi, sia del loro comune autoritarismo politico, ha detto a RFA Wu Qiang, ex docente di politica dell’Università Tsinghua.

Wu ha detto che se il Myanmar avesse continuato nella direzione di una maggiore democrazia sotto l’NLD, la sua politica estera avrebbe potuto eventualmente spostarsi per favorire legami più stretti con Washington.

Interessi economici

Ma Wu ha detto che resta il fatto che i suoi interessi economici sono molto più strettamente legati con la Cina.

“Non c’è conflitto con la Cina in termini di interessi economici”, ha detto Wu. “Ma se il Myanmar fosse più democratico, ci sarebbe un conflitto ideologico”.

“Questa sviamento  alla Cina non è gradito, ed è una ragione molto importante per cui crediamo che il PCC sostenga il colpo di stato militare in Myanmar”.

Hervé Lemahieu, che dirige il programma per il potere e la diplomazia presso il Lowy Institute in Australia, ha detto che la Cina, per lo meno, difficilmente avrà problemi con il nuovo regime di Naypyidaw.

In passato il PCC era stato disposto a cooperare sia con il governo della NLD di Aung San Suu Kyi, sia con la giunta militare.

Pechino ha anche fornito sostegno diplomatico al Myanmar quando ha dovuto affrontare la censura internazionale sulle atrocità militari, sia nel periodo della giunta 1990-2011 che questa settimana, quando ha bloccato i tentativi di condannare il colpo di stato militare del 1 febbraio.

Altri analisti hanno suggerito che i leader militari del Myanmar sono molto sospettosi della Cina, sia per la sua crescente influenza economica sul loro paese che per la sua storia di armamenti di gruppi etnici di mentalità separatista che combattono il governo centrale del Myanmar.

Ma Wu ha detto che è molto più probabile che Pechino approvi piuttosto che disapprovare il colpo di stato militare.

“Questo riconoscimento reciproco dei modelli politici dei partiti al potere costituisce un collegamento cruciale tra le loro ideologie”, ha detto Wu.

Eliminati gli ostacoli alle infrastrutture?

Wu aggiunge che “un regime militare avrebbe meno probabilità di ostacolare i principali progetti infrastrutturali cinesi in Myanmar rispetto a un governo guidato dalla Lega nazionale per la democrazia (NLD) di Aung San Suu Kyi”.

“Il governo cinese trae grande vantaggio dalla costruzione di dighe e oleodotti in Myanmar. Sotto la NLD, il governo avrebbe posto dei limiti a tali progetti”.

“Il colpo di stato militare significa che quelle restrizioni saranno ora revocate e vari progetti infrastrutturali in Myanmar potranno ora andare avanti senza intoppi e più rapidamente”.

Ha detto che anche le aziende cinesi una volta dovevano competere con gli investitori giapponesi per progetti in Myanmar;

Il progetto di investimenti infrastrutturali internazionali della Cina, l’iniziativa Belt and Road, include attualmente il principale corridoio economico Cina-Myanmar (CMEC). Il ministro degli esteri cinese Wang Yi ha già indicato che Pechino è disposta ad accelerare la costruzione delle estremità occidentale, settentrionale e orientale della CMEC.

I media statali cinesi hanno riferito il mese scorso che Wang è desideroso di promuovere una rapida implementazione del porto  di Kyaukpyu, della zona di cooperazione economica al confine tra Cina e Myanmar e di New Yangon City.

Il CMEC taglia in due la parte settentrionale del paese e termina al porto. Investimenti da 1,3 miliardi di dollari a Kyaukpyu, nello stato meridionale del Rakhine, lungo la costa del Golfo del Bengala. Comprende piani per un collegamento ferroviario ad alta velocità da 8,9 miliardi di dollari dallo Yunnan, oltre a gasdotti e oleodotti.

La Cina è anche sempre più dipendente dalle importazioni di riso dal Myanmar, con importazioni di riso che sono aumentate da 100.000 tonnellate a 500.000 tonnellate negli ultimi dieci anni, rappresentando il 65% del commercio di esportazione totale del Myanmar con la Cina.

Fonte: Radio Free Asia, 03/02/2021

Traduzione di Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Versione inglese:

Chinese Economic Ties Imply Beijing Support for Myanmar Coup 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.