I lavoratori cinesi denunciano lavoro forzato e abusi nel programma “Belt and Road” di Xi

Per mesi, Ding è stato rinchiuso in un dormitorio per lavoratori di 16 metri quadrati vicino a una fonderia cinese a Konawe, in Indonesia, dove era stato assegnato per realizzare uno dei tanto decantati progetti “Belt and Road” del suo paese .

Il quarantenne originario della provincia cinese dell’Henan, che ha dato solo il suo cognome per timori di sicurezza, ha detto che una guardia stava di guardia alla sua porta. Quando il coronavirus ha devastato il dormitorio a novembre, ha sviluppato una febbre di 102 gradi. Tuttavia, non poteva andarsene. Alla fine, all’inizio di quest’anno, Ding ha smontato le barre di plastica su un lunotto ed è sceso, fuggendo su una moto guidata da un amico.

“Era come se fossi andato all’inferno e tornato indietro”, ha detto. “Non avevo altra scelta che scappare.”

L’iniziativa cinese Belt and Road, che mira a collegare Asia, Africa, Medio Oriente ed Europa attraverso porti, ponti, reti 5G e altre infrastrutture finanziati dalla Cina, è costruita sulle spalle di persone come Ding, che secondo i ricercatori affrontano lo sfruttamento. aggravato dalla pandemia.

Le interviste con i difensori dei diritti dei lavoratori e una dozzina di lavoratori cinesi impiegati da società statali e subappaltatori riflettono un modello di abuso che minaccia di minare l’ambiziosa offerta della Cina per l’influenza diplomatica ed economica, una missione strettamente legata all’eredità del leader Xi Jinping. Molti hanno parlato a condizione del totale o parziale anonimato, temendo ritorsioni.

Come la Belt and Road cinese sta soffocando il Mekong

China Labour Watch, con sede a New York, afferma in un nuovo rapporto che i lavoratori cinesi all’estero sono vittime della tratta di esseri umani e del lavoro forzato. I lavoratori hanno descritto di essere stati trattenuti contro la loro volontà, costretti a lavorare mentre erano infettati dal coronavirus e indotti a lavorare illegalmente. I loro passaporti erano stati sequestrati, dissero, e la maggior parte era rimasta mesi senza paga. Alcuni hanno detto di essere stati picchiati per aver protestato contro le condizioni o costretti a un “addestramento mentale”.

L’intera iniziativa Belt and Road si basa sul lavoro forzato”, ha detto Li Qiang, direttore di China Labour Watch, il cui rapporto è stato tratto da interviste con lavoratori in sei paesi. “Le autorità cinesi vogliono i progetti Belt and Road per un guadagno politico e hanno bisogno di utilizzare questi lavoratori”.

Il ministero del Commercio cinese non ha risposto alle domande inviate via fax la scorsa settimana sulle affermazioni dei lavoratori secondo cui era stato loro impedito di tornare a casa, costretti a continuare a lavorare, sottoposti a superlavoro, detenuti nelle strutture aziendali e negati il ​​passaporto.

In risposta alle domande via fax e e-mail inviate lunedì e mercoledì, il ministero degli Esteri cinese ha affermato di non poter rispondere immediatamente alle accuse di abusi sui lavoratori e di aver bisogno di più tempo per verificare le informazioni.

 Esportare lo sfruttamento

Il parco industriale in cui si è tenuto Ding, un complesso di lavorazione dei metalli circondato da villaggi, è un progetto chiave di Belt and Road che mostra la “qualità delle imprese finanziate dalla Cina”, secondo il Ministero del Commercio cinese.

Il parco industriale di Delong, costruito in più fasi dal subappaltatore cinese Jiangsu Delong Nickel Industry e dalle società statali China First Heavy Industries Group e Xiamen Xiangyu Group, ha donato riso e spaghetti istantanei ai villaggi vicini durante la pandemia, ha detto il ministero in un articolo sul suo sito web nel maggio 2020, salutando il “coraggio dell’azienda di assumersi responsabilità sociali”. I progetti in acciaio inossidabile nel parco sono stati commissionati da una consociata della China Metallurgical Group Corporation (MCC) di proprietà statale, secondo una dichiarazione sul suo sito web a gennaio.

Come il boom economico della Cina , questi progetti si affidano a uomini come Ding, provenienti da zone rurali povere, disposti a lavorare con salari modesti. Altri sono andati oltremare a causa del rallentamento dell’industria edile cinese; secondo i dati ufficiali, nel 2019 circa 1 milione di lavoratori cinesi erano di stanza all’estero, una cifra che secondo i ricercatori era probabilmente molto più alta dato il numero di lavoratori che si recano all’estero attraverso canali informali.

Gli abusi sui lavoratori non sono solo potenzialmente imbarazzanti per la firma dell’iniziativa di politica estera di Xi, ma possono anche essere una violazione del diritto internazionale. Li ha detto che tutti gli 11 indicatori di lavoro forzato elencati dall’Organizzazione internazionale del lavoro, dalla schiavitù per debiti agli straordinari eccessivi e alle condizioni abusive, erano presenti nei luoghi di lavoro cinesi descritti dagli intervistati.

I ricercatori cinesi devono affrontare abusi e sanzioni mentre Pechino cerca di mettere a tacere i critici.

I lavoratori che hanno parlato con China Labour Watch hanno riferito di 12 ore al giorno in condizioni pericolose con poca protezione. Un operaio è rimasto paralizzato dopo essere stato colpito da un martello. In Indonesia, un operaio è stato schiacciato a morte da un camion. Un altro ha detto di aver perso la vista da un occhio dopo un infortunio sul lavoro.

Molti hanno affermato che i loro datori di lavoro non hanno ottenuto visti di lavoro formali, rendendo i lavoratori migranti illegali. Altri hanno descritto di essere stati acquistati e rivenduti da broker e subappaltatori, operazioni sulle quali avevano scarso controllo.

“Gli abusi sono ovunque”, ha detto Li. “Il vantaggio competitivo che la Cina sta esportando è la sua scarsa considerazione per i diritti umani”.

La pandemia ha peggiorato le cose. Le aziende che lottano per mantenere i progetti sulla buona strada hanno costretto i lavoratori a continuare a lavorare trattenendo i salari, hanno detto i lavoratori. Poiché i prezzi dei voli limitati per tornare in Cina sono aumentati alle stelle, i datori di lavoro si sono rifiutati di pagare i viaggi promessi a casa. Se i lavoratori non potessero pagare i costi aggiuntivi fino a diverse migliaia di dollari, non potrebbero tornare.

Quando uno dei colleghi di Ding in Indonesia ha contratto il virus l’anno scorso, è stato messo in isolamento senza cure mediche, hanno detto i lavoratori del parco industriale. In seguito i suoi colleghi lo hanno trovato morto. Ding è stato assunto da Jiangsu Delong Nickel e assegnato a lavorare presso PT Obsidian Stainless Steel (OSS), una joint venture tra Jiangsu Delong Nickel e il gruppo statale Xiamen Xiangyu.

Nel sito di Delong – dove MCC e Jiangsu Delong Nickel a gennaio hanno celebrato una nuova fase del processo dell’acciaio inossidabile – i lavoratori hanno detto che erano disperati di andarsene. Un dipendente cinese ha detto di essere stato picchiato dalle guardie di sicurezza locali e ammanettato dopo aver litigato con un manager per poter tornare in Cina.

Una dichiarazione a gennaio sul sito web di MCC affermava che nessun lavoratore era tornato in Cina lo scorso anno e che i lavoratori “hanno pienamente riconosciuto le esigenze di controllo della pandemia” e avrebbero continuato a ” combattere in prima linea “. MCC, Jiangsu Delong Nickel e OSS non hanno risposto alle richieste di commento.

“A loro non importa” 

Il presidente indonesiano Joko Widodo, a sinistra, e il leader cinese Xi Jinping si incontrano a Pechino nel 2017. (Kenzaburo Fukuhara / Pool / Getty Images)

 

Come molti attirati dalla promessa di un lavoro che contribuisse a una causa nazionale, Deng Zukun era ottimista prima di arrivare in Algeria.

Il 53enne della provincia di Hubei aveva preso in prestito in modo da poter pagare un “deposito cauzionale” di $ 1.500 a un agente di collocamento per ottenere un lavoro con un subappaltatore cinese che lavorava su progetti Belt and Road, comprese moschee ed edifici residenziali. Prima di iniziare nel 2018, aveva guardato segmenti di notizie sui progetti che dettagliavano un trattamento preferenziale e buoni salari.

“Quando sono arrivato, non era così”, ha detto Deng. Il suo datore di lavoro ha preso il suo passaporto. La paga era inferiore a quella promessa e non gli è stato dato un visto di lavoro, ha detto.

Deng voleva andarsene ma non poteva permettersi la penalità fino a $ 4.650 – la paga di sei mesi. Il suo contratto è scaduto a ottobre, ma non è riuscito a tornare a casa ed è a corto di soldi.

“Siamo stati ingannati. . . e finì per diventare migranti illegali ”, ha detto. “A loro non importa se i lavoratori vivono o muoiono.”

L’UE e la Cina accettano un patto di investimenti nonostante la preoccupazione per il lavoro forzato.

I lavoratori cinesi d’oltremare sono spesso coinvolti in una complessa catena di broker, subappaltatori e datori di lavoro in Cina e all’estero.

“Questi lavoratori cadono attraverso le crepe delle leggi nazionali sul lavoro. Quando sono all’estero, sono praticamente in un limbo legale “, ha detto Ching Kwan Lee, sociologo dell’UCLA.

I regolatori cinesi hanno cercato di frenare lo sfruttamento attraverso un sistema di agenzie registrate dal governo. Nel 2017, il ministero del Commercio ha iniziato a reprimere i broker non registrati. Ma gli abusi persistono poiché broker e datori di lavoro violano le regole.

“Penso che il governo cinese sia imbarazzato dagli esempi di abusi sui suoi lavoratori all’estero”, ha detto Aaron Halegua, un avvocato che rappresenta i lavoratori edili cinesi in una causa per presunto lavoro forzato, presentato al tribunale distrettuale degli Stati Uniti per le Isole Marianne Settentrionali contro l’Imperial Pacific. casinò di Saipan e due dei suoi appaltatori cinesi.

“Notevoli abusi sui lavoratori stranieri persistono ancora anche dopo il lancio” dell’iniziativa Belt and Road, ha affermato.

È improbabile che lavoratori come Deng cerchino assistenza legale a causa delle barriere linguistiche e del timore di essere espulsi o di multe se vengono sorpresi a lavorare illegalmente. Molti non possono ricorrere a mediatori del lavoro – molti dei quali non registrati – che reclutano lavoratori con false promesse.

Per Niu Zepeng, 40 anni, che stava costruendo appartamenti nella provincia di Souk Ahras in Algeria, anche il programma Belt and Road è stato una delusione. Bloccato lì e doveva più di un anno di stipendio, ha detto, ha dovuto prendere in prestito denaro. “Siamo abbandonati qui”, ha detto Niu.

“Non mettere in imbarazzo la Cina”

L’importanza politica di Belt and Road aumenta la pressione affinché questi progetti vengano eseguiti senza intoppi. Li, di China Labour Watch, ha detto che molti dei lavoratori intervistati dal gruppo per i diritti umani temono di danneggiare l’immagine del paese e finire nei guai. “Molti dicono cose come ‘Non mettere in imbarazzo la Cina’”, ha detto.

In Indonesia, Ding ha detto che gli era stato detto da un manager che avrebbe potuto essere “sparito” se avesse continuato a lamentarsi. Un giornalista cittadino cinese che scrive sui problemi che devono affrontare i lavoratori stranieri ha detto che la sua famiglia è stata contattata dalla polizia che ha avvertito che avrebbe dovuto smettere.

I lavoratori bloccati all’estero hanno detto che si stanno avvicinando alla disperazione. Ad aprile, dopo che un cittadino cinese è stato trovato morto in un apparente suicidio a Giacarta, in Indonesia, quasi 100 lavoratori bloccati hanno chiesto aiuto all’ambasciata cinese. “Stiamo davvero affrontando il collasso e non abbiamo via d’uscita”, hanno scritto.
Ding, che ha detto che il suo passaporto è stato preso dal suo datore di lavoro quando è arrivato nel 2019, è ancora bloccato in Indonesia. È determinato a trovare altro lavoro. È passato più di un anno da quando è stato in grado di inviare denaro a sua moglie e due figli.

Ricorda una volta quando non è stato in grado di comprare una bambola a sua figlia, un momento che ha contribuito alla sua decisione di cercare lavoro all’estero. “Come padre, mi sentivo un fallimento”, ha detto Ding. “Voglio avere una vita migliore.”

Traduzione di Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: The Washington Post, 30/04/2021

Articolo in inglese con video:

Chinese workers allege forced labor, abuses in Xi’s ‘Belt and Road’ program

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.