I crimini della Cina contro l’umanità di cui non hai mai sentito parlare

Ho visitato per la prima volta Xinjiang, nel nord-ovest della Cina, nel luglio 2009, tornando a Pechino solo pochi giorni prima che le manifestazioni nella capitale della regione, Urumqi, diventassero mortali.
La polizia ha risposto alla violenza con una massiccia repressione e le detenzioni o le sparizioni si sono verificate a migliaia . Per controllare la diffusione delle informazioni, l’accesso a Internet a tutto lo Xinjiang è stato interrotto per circa 10 mesi.
Da allora, la persecuzione della Cina contro gli uiguri, una minoranza musulmana di lingua turca che forma una nuda maggioranza nello Xinjiang, si è intensificata, accelerando in particolare dal 2016 con un cambiamento nella leadership del partito nella regione.

Mentre la resistenza violenta è stata episodica, e dovrebbe essere denunciata, le autorità cinesi hanno represso persino l’espressione pacifica dei diritti degli uighuri, in particolare l’ergastolo del 2014 tramandato all’ intellettuale  Uyguro Ilham Tohti sull’assurda accusa di separatismo.
Nonostante la situazione dei diritti umani sempre più disastrosa nello Xinjiang, pochi in tutto il mondo ne sono consapevoli, e ancor meno ne hanno parlato. Stiamo raggiungendo un punto di crisi, e parlarne  non è sufficiente.
La persecuzione deve essere chiamata con il suo vero nome e le misure prese di conseguenza.
I funzionari cinesi nello Xinjiang hanno precedentemente affermato di proteggere “i diritti e gli interessi legittimi di tutte le etnie e proibire la discriminazione e l’oppressione contro qualsiasi gruppo etnico”. Pechino nega anche l’arresto arbitrario o la detenzione di cittadini in base all’etnia o alla religione, affermando che le sue azioni nello Xinjiang sono legate alla lotta al terrorismo e all’antiestremismo.

Crimini contro l’umanità

Il concetto di crimini contro l’umanità ebbe origine nel XVIII secolo, denunciando le atrocità della schiavitù e del colonialismo, e divenne un diritto internazionale dopo la seconda guerra mondiale. Oggi, lo Statuto di Roma del Tribunale penale internazionale del 1998 fornisce la definizione più completa.
Lo statuto elenca 11 atti, che quando diffusi o sistematici possono arrivare al livello dei crimini contro l’umanità. Questi includono: il trasferimento forzato di popolazioni; imprigionamento arbitrario; tortura, persecuzione di gruppi etnici, culturali o religiosi; sparizioni forzate; e l’apartheid, l’oppressione sistematica istituzionalizzata e il dominio di un gruppo razziale sugli altri.
A differenza dei crimini di guerra, i crimini contro l’umanità possono essere commessi in tempo di pace, ma l’idea che le vittime vivano in pace è solo un calloso tecnicismo.
La situazione che si sta svolgendo nello Xinjiang, direi, si adatta alla definizione da manuale dei crimini contro l’umanità.

La soluzione finale di Pechino al problema dello Xinjiang

Gli uiguri nello Xinjiang e altrove in Cina affrontano una persecuzione sistematica.
Con l’Islam, una parte fondamentale dell’identità uigura, le cosiddette campagne antiterrorismo che si sono incrinate duramente sulle pratiche musulmane e sull’Islam sempre più criminalizzato, equivalgono alla criminalizzazione dell’essere uiguro.

Vietano decine di nomi uiguri, con i trasgressori a rischio di non avere le nascite dei loro figli registrati; per costringere gli uiguri a denunciare i principi fondamentali della loro religione. I genitori sorpresi  nell’insegnare ai loro figli l’Islam rischiano la detenzione o la loro prole portata via.
Secondo una nuova ricerca condotta dai difensori dei diritti umani cinesi di New York, nel 2017 gli arresti criminali nello Xinjiang hanno rappresentato uno scioccante 21% di tutti gli arresti nazionali, anche se la popolazione della regione è solo l’1,5% del totale della Cina. In prigione, secondo i media statali, i cosiddetti “estremisti religiosi” subiscono eufemisticamente una rettifica del pensiero.
Come nell’Apartheid Sud Africa, i checkpoint e le restrizioni sul movimento sono un fatto della vita quotidiana degli uiguri.
ID di scansione della polizia armata, controllo dei dati biometrici e personali. Avere parenti all’estero o semplicemente essere uiguri aumentano le possibilità di essere detenuti, così come il contenuto del telefono o del computer di una persona.
Dal 2015, come ho riferito per il Minority Rights Group con sede a Londra , gli uiguri hanno dovuto ottenere il permesso di visitare i parenti o cercare cure mediche fuori dalla loro città e i passaporti hanno iniziato a essere richiamati . Sempre più spesso, la minaccia della detenzione e le preoccupazioni sulla sorveglianza rendono impossibile il contatto tra membri della famiglia lontana.
Da nessuna parte i segni dei crimini contro l’umanità sono più allarmanti che nel sistema in espansione dei campi di concentramento che gli osservatori hanno detto stanno sorgendo nello Xinjiang.

Mentre il governo nega ufficialmente l’esistenza dei campi, a luglio i media statali hanno riferito che le autorità hanno ammesso di aver trasferito circa 460.000 uiguri per “formazione professionale”, come parte del tentativo di “migliorare la stabilità sociale e alleviare la povertà”.

Le prove suggeriscono che circa un milione di uiguri e altri musulmani sono internati nello Xinjiang in “centri di rieducazione”, circa il 10% della popolazione.
Quello che si sa poco di ciò che accade all’interno dei punti è la tortura sistematica e psicologica e l’indottrinamento. Un ex detenuto ha detto che non gli è stato permesso di indossare la biancheria intima e la testa è stata rasata, mentre un’altro ha descritto di aver tentato il suicidio sbattendo violentemente il suo cranio contro un muro. Molti semplicemente scompaiono.
Nel frattempo, le cosiddette politiche di “diventare famiglia” e costringono le famiglie uigure ad accettare funzionari del partito comunista nelle loro case per osservare e riferire sul loro comportamento. Immagina che un membro della famiglia sia stato portato via e che ora sei costretto a ospitare il loro rapitore, probabilmente nella stessa stanza lasciata vuota dalla sua scomparsa.

I bambini i cui genitori sono stati detenuti vengono trasferiti in custodia statale, dove, secondo alcuni resoconti , “sono rinchiusi come animali da fattoria” nei cosiddetti orfanotrofi.

Una risposta adeguata

La consapevolezza dei crimini contro gli uiguri sta appena iniziando ad attirare il livello di attenzione richiesto dalla loro gravità.

Giornalisti, diplomatici e altri che parlano dello Xinjiang dovrebbero almeno riconoscere l’apparenza di crimini in corso contro l’umanità.
La comunità internazionale deve esigere una commissione di inchiesta indipendente ed efficace sui probabili crimini contro l’umanità nello Xinjiang.
Questa settimana, i legislatori degli Stati Uniti stanno tenendo audizioni sulla “detenzione arbitraria, torture, (e) restrizioni eccessive sulla pratica religiosa e sulla cultura” nello Xinjiang.
Secondo il Global Magnitsky Human Rights Accountability Act , e secondo Human Rights Watch, Washington può “imporre divieti sui visti e sanzioni mirate a individui in tutto il mondo responsabili di commettere violazioni dei diritti umani o atti di grave corruzione”.
Coloro che hanno la responsabilità per la terribile situazione nello Xinjiang devono essere ritenuti responsabili.

Fonte: di Michael Caster CNN, 28/07/2018

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.