HONG KONG-CINA: Influenza aviaria H7N9, la prima vittima ad Hong Kong. Viveva a Shenzhen

In Cina, Hong Kong e Taiwan vi sono state 143 casi, con 40 morti in tutto il 2013. A Hong Kong vi è un altro caso, quello di una domestica indonesiana. Entrambi i casi sono legati ai mercati di polli a Shenzhen.

Hong Kong (AsiaNews) – Un uomo 80enne è morto ieri all’ospedale Princess Margaret, diventando la prima vittima causata dal ceppo H7N9 dell’influenza aviaria. Il virus era emerso ad Hong Kong lo scorso 2 dicembre.

Il defunto era un uomo di Hong Kong che viveva a Shenzhen. Era giunto nel territorio il 3 dicembre scorso per farsi curare al cuore e per il diabete. Dopo tre giorni ha sviluppato sintomi di raffreddore, rivelatisi influenza aviaria ed è stato messo in cura intensiva.
Tutte le persone con cui l’uomo è venuto a contatto – compresi tre familiari e un tassista che lo aveva trasportato ad Hong Kong – sono state messe sotto osservazione, ma nessuno ha contratto infezione.

Un altro caso di H7N9 nel territorio, scoperto il 2 dicembre scorso, è quello di una domestica indonesiana 36enne, che finora è in condizioni stabili.

Entrambi i casi sono legati a Shenzhen: l’uomo ci viveva ed è probabile che abbia mangiato pollo da uno dei tanti mercati della città; la donna era andata a Shenzhen, e aveva maneggiato dei polli al mercato.

Nel 2013 vi sono stati 143 casi di influenza aviaria in Cina, Taiwan e Hong Kong, con più di 40 morti; nella sola Cina i casi sono 138.
Hong Kong è molto attenta alle infezioni da virus dopo un’epidemia di Sars (Severe acute respiratory syndrome) che nel 2003 ha colpito il territorio uccidendo 299 persone e infettandone almeno 1800

English version:
http://www.asianews.it/news-en/Avian-influenza:-First-H7N9-victim-in-Hong-Kong.-Originally-from-Shenzhen-29898.html

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.