CINA-Hebei: i cittadini perseguitati per la pratica del Falun Gong, nel 2015, ammontano a 1.685

Nell’anno 2015, nella provincia dello Hebei, almeno 1.685 sono stati gli episodi di vessazioni, di arresti e detenzioni ai danni dei praticanti del Falun Gong; tutto questo solo per il loro credo spirituale.

Tipi di persecuzione

Di questi 1.685 incidenti sono compresi 901 casi di molestie, 462 arresti con rilascio nello stesso giorno e altri 322 arresti con periodi di detenzione più lunghi.

La polizia ha spesso molestato i praticanti nelle loro case e sui posti di lavoro. In alcuni casi, i funzionari di polizia o del governo hanno condotto con la forza i praticanti negli edifici governativi cercando di obbligarli a rinunciare alla pratica del Falun Gong, a volte minacciandoli con il licenziamento dai loro posti di lavoro o con l’allontanamento dei loro famigliari dal rispettivo lavoro o dalla scuola.

Mentre molestavano o arrestavano i praticanti, gli agenti, spesso hanno saccheggiato le loro case e confiscato i libri del Falun Gong, i volantini, i computer, altri effetti personali e oggetti di valore.

 

Tipo di persecuzione nella provincia dello Hebei nel 2015
Persecuzione intensificata dopo maggio 2015

Da gennaio a maggio, ogni mese ci sono stati tra i 24 e i 39 casi di persecuzione ad eccezione di marzo dove c’è stato un picco di 61 casi. Era il mese in cui la polizia aveva aumentato le molestie e gli arresti in occasione della visita del Comitato Olimpico Internazionale nella città di Zhangjiakou per valutare la sua idoneità ai giochi invernali del 2022.

Un significativo aumento dei casi di persecuzione si è verificato a partire da giugno, dopo che i praticanti hanno iniziato a presentare dei reclami penali alla corte e alla procura più alta della Cina, con lo scopo di far condannare l’ex leader del Partito Comunista Jiang Zemin.

Di nota, il numero di praticanti presi di mira per aver citato in giudizio Jiang Zemin ammonta a quasi la metà del totale dei casi (47,4%, 799). Altri 271 praticanti sono stati perseguitati per aver distribuito del materiale informativo sul Falun Gong. Inoltre, 615 incidenti sono stati subiti dai praticanti che sono sulla lista nera della polizia; molti di loro sono stati presi di mira durante i “giorni sensibili”(*) della politica del partito comunista.

 

Numero dei casi mensili di persecuzione
 

Fattori scatenanti della persecuzione
Ritorsione per le denunce a Jiang Zemin

Nel maggio 2015, in risposta al nuovo regolamento della corte suprema popolare, (che prevede che tutte le denunce penali, una volta ricevute, debbano essere registrate presso la corte) i praticanti del Falun Gong in tutto il mondo hanno cominciato a presentare denunce contro l’ex leader del regime comunista Jiang Zemin per aver dato inizio alla persecuzione del Falun Gong.

Migliaia di residenti della provincia dello Hebei hanno esposto tali denunce, attivando così le rappresaglie della polizia.

Dal 1° luglio 2015, gli uffici postali della contea di Anping hanno subito pressioni da parte della polizia, la quale pretendeva che essi non inviassero la posta che riguardava le denunce penali presentate dai praticanti, ma che invece la girassero a loro.

Nella città di Shijiazhuang, il figlio della signora Zhou Jinghua ha ricevuto telefonate minacciose dal loro comitato residenziale, che riferivano che il deposito della denuncia penale attuato dalla madre era “una cosa molto seria e che lei sarebbe stata arrestata e condannata alla prigione se non avesse interrotto tali attività.”

Il 13 giugno, un altro praticante del Falun Gong, il signor Wang Xinyu, è stato arrestato subito dopo aver presentato una denuncia penale contro Jiang per la tortura e la prigionia subita. Wang ha iniziato uno sciopero della fame per protestare contro la sua detenzione illegale. La polizia non l’ha rilasciato fino a quando le sue condizioni si sono mostrate critiche.

Abusi fisici e torture

In alcuni casi, la polizia ha torturato i praticanti che hanno presentato reclami contro Jiang.

Il 6 agosto tre donne della contea di Huaian, le signore Wang Shufang, Li Shufang e Li Xiulin, sono state arrestate presso il dipartimento di polizia per aver discusso con gli ufficiali sulla posta intercettata dalla Procura Suprema del Popolo.

La polizia le ha brutalmente picchiate e legate a una “panca della tigre”. Le gambe delle vittime sono state legate con delle cinghie e sono stati aggiunti sotto i piedi delle vittime dei mattoni (o altri oggetti duri) fino al punto che le cinghie si sono rotte.

Il corpo della signora Wang Shufang era coperto di lividi e l’orecchio sinistro sanguinava. È stata rilasciata la sera, dopo ore di torture.

Un ufficiale ha colpito il petto della signora Li Xiulin due volte, provocandole un attacco di cuore con convulsioni. Dopo che la donna si è ripresa, non le è stato permesso di usare il bagno ed è stata costretta a sollevarsi dal pavimento. In seguito gli ufficiali le hanno spruzzato l’urina sulla testa. È stata rilasciata il sesto giorno, dopo aver sviluppato ipertensione e problemi cardiaci.

La terza donna, la signora Li Shufang, è stata detenuta per 15 giorni dopo che gli ufficiali le hanno preso con la forza un campione del suo sangue.

Molestato durante la valutazione di idoneità per le Olimpiadi invernali

Molti praticanti del Falun Gong sono spesso molestati nel periodo dei “giorni sensibili” e dei grandi eventi.

Nella città di Zhangjiakou, due settimane prima della valutazione prevista dal Comitato Olimpico Internazionale per determinare l’idoneità della città per i giochi invernali 2022, il personale dei comitati residenziali ha fatto visita nelle case di ogni praticante. In aggiunta alle molestie e alle minacce, hanno tentato di forzare i praticanti a consegnare i loro documenti e in quel periodo sono stati limitati nel viaggiare fuori città.

Al nipote di un praticante è stato chiesto di lasciare la scuola per stare in casa a sorvegliare il parente.

Perseguitato per la distribuzione d’informazioni

Negli ultimi 17 anni, i praticanti del Falun Gong hanno contrastato la persecuzione distribuendo pacificamente materiale informativo o parlando con la gente circa gli abusi. La maggior parte delle persone accettavano il materiale da loro, ma alcuni hanno riferito il fatto alla polizia.

Il 24 luglio mentre quattro praticanti da Tangshan stavano parlando in strada alla gente della persecuzione, sono stati segnalati alla polizia e arrestati. Quando i loro familiari sono andati alla stazione di polizia per chiedere la loro liberazione, gli agenti hanno arrestato anche loro e li hanno detenuti quella notte. Una persona è stata picchiata dagli agenti quando ha cercato di discutere sulla legittimità della detenzione. Tutti e quattro i praticanti sono stati detenuti per 15 giorni prima del rilascio.

Il 28 gennaio 2015, una coppia di praticanti, il signor Ma Yongxiao e la signora Du Likun, sono stati arrestati mentre distribuivano materiale sul Falun Gong. La polizia ha perquisito le loro case e li ha inviati alla Divisione di Sicurezza Interna.

Quella sera il capo della divisione locale di Sicurezza Interna ha estorto 10.000 yuan (circa 1338 euro) dai genitori per il rilascio del signor Ma e altri 7.000 yuan (circa 936 euro) per la signora Du.

Il giorno successivo, quando il padre del signor Ma è tornato alla Divisione di Sicurezza Interna con 7.000 yuan per ottenere la liberazione di sua nuora, la polizia ha rifiutato di rilasciarla, chiedendo ancora più soldi.

ClearHarmony,09 giu 2016

English article,Minghui:

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.