- Arcipelago Laogai - https://www.laogai.it -

Harry Wu e la Laogai Research Foundation si congiungono ad altri attivisti per esortare il Dr. Geoffrey W. Marcy a stimolare la Cina sui diritti umani

Harry Wu e La Laogai Research Foundation si uniscono ad altri attivisti per i diritti umani e organizzazioni cinesi nel sollecitare il Dr. Geoffrey W. Marcy, professore di astronomia presso l’Università di California-Berkeley e candidato premio Nobel , per sostenere il premio Nobel Liu Xiaobo e di altri cinesi prigionieri politici, incoraggiando colleghi scienziati a riconoscere e lavorare per migliorare la desolante situazione dei diritti umani in Cina.

The Guardian ha recentemente citato Dr. Marcy criticando le barriere esistenti di collaborazione con gli scienziati del governo cinese.

Vedi sotto la lettera aperta al Dott. Marcy.

( Nella foto il Dalai Lama in visita al Laogai Museum di Washington il 07 Ottobre 2009 e Harry Wu)

Dr. Geoffrey W. Marcy, 21 ottobre 2013

Professore di Astronomia, Università di California a Berkeley

Caro Dr. Marcy,

Scriviamo a voi come dissidenti, attivisti e sostenitori che collettivamente hanno speso anni cercando di far luce sulle gravi violazioni dei diritti umani del governo cinese. Alcuni di noi hanno trascorso parte della loro vita in campi di lavoro cinesi, altri di noi hanno familiari attualmente in carcere o agli arresti domiciliari, o costretti all’esilio, in un tentativo maldestro da parte del governo cinese per mettere a tacere tutti noi.

Auspichiamo che un giorno in cui tutto il popolo della Repubblica popolare cinese, tra cui cinesi, tibetani e uiguri, siano veramente liberi. Purtroppo, quel giorno non è ancora arrivato.

Lei è stato recentemente citato in un articolo pubblicato nel quotidiano The Guardian in vista di un imminente conferenza NASA e, più in particolare, le restrizioni di legge che vieta la NASA di impegnarsi in attività bilaterali con il governo cinese. Pensiamo che queste restrizioni sono consigliabili dato il diretto coinvolgimento dell’Esercito di Liberazione del Popolo (PLA), nel programma spaziale cinese.

Il PLA è responsabile di ingiustizie che vanno della detenzione usata male, dagli abusi e persino all’uccisione di innumerevoli persone che hanno sostenuto la libertà di parola e di religione in Cina.

Siamo d’accordo sul valore e la necessità di cooperazione scientifica tra gli Stati Uniti e la Cina, sia nella ricerca della scienza, e nel favorire i rapporti che potrebbero ridurre il potenziale per un conflitto. Se i frutti di questa scienza vengono usufruiti dai ricercatori e dall’umanità in generale, scienziati e accademici devono poter cooperare in un ambiente di fiducia, lealtà e impegno comune. Mentre i singoli scienziati cinesi possono condividere questi ideali, noi non crediamo che il governo cinese lo permetta.

Un articolo del 16 di ottobre del Wall Street Journal mette in evidenza il caso di Xia Yeliang, professore di economia presso la prestigiosa Università di Pechino che è stato lodato per la rottura di una nuova cooperazione Sino- Americana.’ Dr. Xia è stato recentemente licenziato per aver esercitato la libertà di parola. Il suo caso non è isolato. Il fatto è che la promozione della scienza e dell’apprendimento è costantemente subordinato agli interessi politici del regime cinese. Inoltre, sono sempre presenti le preoccupazioni circa la sottrazione di intellettuali americani da enti cinesi con il sostegno attivo del governo.

Noi crediamo che, il candidato al Premio Nobel possa collaborare con Liu Xiaobo vincitore del premio Nobel per la Pace 2010 per sostenere questa causa accademica e scientifica . Liu Xiaobo è un prigioniero politico che ancora oggi langue in una prigione cinese. Gli è stata negata la possibilità di ricevere il suo premio. Coloro i quali sono stati nominati per questo prestigioso premio hanno la responsabilità di sostenere i loro colleghi che sono stati imprigionati per aver parlato. Inoltre, non è raro che gli scienziati americani invitati a partecipare a conferenze in Cina sono ospitati e pagati dal governo dispotico cinese, responsabile degli gli abusi che abbiamo già delineato. Si Immagini quale impatto avrebbe se questi stessi scienziati utilizzassero questa piattaforma per accelerare un cambiamento fondamentale in Cina.

Noi chiediamo rispettosamente di prendere un ruolo di leadership nella comunità accademica e scientifica americana sostenendo con determinazione l’importanza dei diritti umani fondamentali in Cina e altrove, radicata nell’ inflessibile rispetto della dignità umana, e nella libertà della ricerca e di collaborazione scientifica. Queste nozioni sono fondamentali per l’espressione illimitata di idee e per la manifestazione più vera della libertà accademica.
Grazie per la vostra considerazione di questa richiesta. La voce di Liu Xiaobo è stata soffocata, ma la sua storia parla. Vuoi unirti a noi?

Con i migliori auguri.

Cordiali saluti,

• Mr. Bhuchung K Tsering

Presidente ad interim, Campagna Internazionale per il Tibet

• Harry Wu

Direttore Esecutivo, Laogai Research Foundation.

• Rebiya Kadeer

Presidente del Congresso mondiale degli uiguri

• Bob Fu

Fondatore e Presidente, China Aid Association

• Wei Jingsheng

Presidente, Overseas Chinese Democracy Coalition

• Huang Ciping

Direttore esecutivo, Wei Jingsheng Foundation

• Chen Guangcheng

Attivista e avvocato dei diritti umani in Cina

Laogai Research Foundation Washington, 21 Ottobre 2013

English Version:

http://laogai.org/news/harry-wu-and-laogai-research-foudnation-join-others-urging-dr-geoffrey-w-marcy-press-china [1]