Hacker attaccano la Epson. Sottratti dati di 350 mila clienti

Anche la Epson finisce sotto attacco. Dalla divisione coreana della multinazionale di Nagano, Giappone, sono stati sottratti i dati di 350mila clienti. Oltre al nome e alla email, sono stati sottratti il numero di telefono e informazioni riguardanti gli acquisti fatti. Ancora non si sa se fra questi ci siano o meno i numeri di carta di credito. Fonti interne all’azienda hanno dichiarato di aver sottoposto il caso alle autorità competenti. “Stiamo ancora investigando e tentando di capire l’origine dell’attacco”, ha spiegato un funzionario della Korea Communications Commission. Ente che sta elaborando un piano per la sicurezza informatica dopo l’ondata di intrusioni hacker dei mesi scorsi contro siti governativi e privati. A fine luglio sia il portale Nate Internet che il sito di blogging Cyworld, entrambi della Comms Sk, erano stati compromessi dal furto di dati riguardanti 35 milioni di utenti. L”attacco, il più grosso mai registrato nel Paese, sembra sia arrivato dalla Cina 1. In aprile invece era stata la volta della banca a partecipazione statale Nonghyup. La sua rete internata è stata messa fuori uso con conseguenze pesantissime per i milioni di correntisti. In quel caso le autorità hanno puntato il dito contro gli hacker della Corea del Nord 2, che spesso compiono scorribande al sud direttamente o attraverso la Cina.

Fonte: La Repubblica.it, 21 agosto 2011

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.