Gruppo Rio Tinto: la Cina non ha dato prove delle accuse per spionaggio

Da oltre un mese e mezzo sono stati arrestati dirigenti della ditta, ma ancora manca l’accusa formale. Esperti: si tratta di una complessa strategia per ottenere prezzi migliori.

La compagnia mineraria Rio Tinto respinge le accuse della Cina di spionaggio e furto di segreti di Stato e osserva che dopo oltre un mese non sono ancora state portate prove dei reati né è stata mossa accusa formale.A luglio la polizia ha arrestato l’australiano Stern Hu, responsabile della ditta in Cina, insieme a tre suoi colleghi, con l’accusa di spionaggio industriale. Oggi Sam Walsh, responsabile della ditta per il minerale ferroso, ha osservato che non sono ancora state esibite le prove delle accuse e ha espresso preoccupazione per la salute dei detenuti.
Il problema ha presto assunto anche toni diplomatici, per il rilievo dei soggetti coinvolti e la gravità delle accuse: la ditta mineraria anglo-australiana Rio Tinto è la terza maggiore al mondo ed attivissima in Cina. Sempre oggi Stephen Smith, ministro australiano degli Esteri, ha di nuovo chiesto a Pechino  di consentire la difesa legale di Hu.

Esperti osservano che la vicenda è esplosa dopo che c’era stata una lunga trattativa tra la Rio Tinto e le compratrici cinesi per determinare il prezzo del materiale di ferro. La Rio Tinto era pronta a concedere la diminuzione del 33%, come già accordato a Giappone, Corea del Sud e Taiwan. La Cina chiedeva un ribasso superiore a seguito della crisi economica globale. Per questo parecchi ritengono che l’accusa faccia parte di una complessa strategia per far pressione sulla ditta australiana. La Cina è il maggior acquirente mondiale di ferro e la Rio Tinto ne è il secondo produttore.

Nei giorni scorsi un editoriale della rivista della Amministrazione nazionale cinese per la protezione dei segreti di Stato ha accusato la ditta di avere praticato per 6 anni spionaggio industriale, procurandosi informazioni riservate e pagando bustarelle ai funzionari cinesi per convincerli a comprare il minerale a prezzo maggiore del giusto, causando alla Cina danni per 700 miliardi di yuan (circa 70 miliardi di euro). Esperti hanno commentato che le accuse sono riportate senza prove e qualcuno ha anche osservato che la cifra appare del tutto irragionevole, se si considera che dal 2004 a oggi la Cina ha importato in totale circa 2 miliardi di tonnellate di minerale ferroso per un prezzo di circa 40 miliardi di euro, secondo i dati ufficiali della dogana. Per cui il preteso danno sarebbe addirittura superiore all’intero giro d’affari tra le due parti. Comunque questa nuova accusa non ha avuto conferme ufficiali.

Fonte: Asia News 

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.