Gruppo per i Diritti Umani: la Cina raccoglie organi da prigionieri di coscienza.

Il governo cinese sta raccogliendo organi da minoranze etniche e religiose, ha riferito un’organizzazione per i diritti umani martedì 22 settembre al Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra .

 

Protesta contro la persecuzione cristiana in Cina, 14 settembre 2019, Colonia, Germania (Lidia Muhamadeeva / Shutterstock)

Il China Tribunal guidato da Sir Geoffrey Nice QC, che si autodefinisce un “tribunale popolare internazionale indipendente” che indaga sulle accuse di espianto di organi nel paese. Il tribunale ha affermato di aver trovato prove che la Cina sta continuando a raccogliere forzatamente organi da prigionieri politici e religiosi, nonostante abbia affermato di aver interrotto la pratica quattro anni fa.

“Il prelievo forzato di organi da prigionieri di coscienza, comprese le minoranze religiose del Falun Gong e degli Uiguri, è stato praticato per anni in tutta la Cina su vasta scala, e che continua ancora oggi”, ha detto Hamid Sabi, un avvocato del tribunale cinese che parla a l’incontro delle Nazioni Unite.

Il tribunale ha stimato che “centinaia di migliaia” di persone sono state usate per raccogliere organi, compresi i cuori. Ciò costituisce crimini contro l’umanità, ha detto Sabi, ed è equivalente al genocidio.

“Vittima per vittima e morte per morte, tagliare i cuori e altri organi da persone viventi, innocue e pacifiche costituisce una delle peggiori atrocità di massa di questo secolo”, ha aggiunto.

Sebbene la donazione e il trapianto di organi sia “un trionfo scientifico e sociale”, Sadi ha affermato che la pratica della Cina di uccidere il donatore per prelevare i suoi organi è un crimine.

“È obbligo legale degli Stati membri delle Nazioni Unite e dovere di questo consiglio affrontare questo comportamento criminale”, ha affermato.

La Cina ha ammesso che in passato avrebbe asportato regolarmente gli organi dei prigionieri nel braccio della morte e li avrebbe usati nei trapianti: Nel  gennaio 2015 ha dichiarato, che tale azione, non è più in uso. Secondo il China Tribunal, è improbabile che sia vero. Il tribunale afferma che c’è stato una “aumento” di trapianti in Cina negli ultimi due decenni, nonché un aumento del “turismo dei trapianto”  Cina per acquistare un organo.

Questi numeri “suggeriscono una fornitura di organi più ampia di quella che potrebbe provenire da soli criminali giustiziati”, afferma il sito Web del tribunale cinese. Questi dati, insieme ai rapporti dei prigionieri, portano il Tribunale a concludere che “prigionieri di coscienza”, che sono stati detenuti per nessun motivo diverso dalla loro fede o gruppo etnico, vengono uccisi al fine di fornire organi per il traffico di organi nel paese .

Tra i gruppi detenuti in massa nei campi di rieducazione cinesi in Cina vi sono gli uiguri, tibetani, praticanti del Falun Gong e i fedeli delle “chiese domestiche” sotterranee che non sono riconosciute dal governo.

Martedì, il vice segretario di Stato John Sullivan ha parlato all’assemblea generale delle Nazioni Unite e ha chiesto un’indagine sulle presunte violazioni dei diritti umani nella provincia dello Xinjiang. Lo Xinjiang ospita la maggior parte della popolazione uigura del paese . L’Alto Commissario delle Nazioni Unite ha detto che aggiunto che le Nazioni Unite devono chiedere l’accesso immediato nella regione , non deve essere ostacolato in nessun modo .Le Nazioni Unite, compresi i suoi Stati membri, hanno la responsabilità di difendere i diritti umani delle persone ovunque, compresi gli uiguri nello Xinjiang”.

Sullivan ha aggiunto che è indispensabile che le Nazioni Unite lavorino per continuare a monitorare la Cina per le violazioni dei diritti umani, in particolare “la repressione della libertà e del credo religioso”.

Decine di migliaia di uiguri sono detenuti all’interno dei campi e sono sottoposti a lavori forzati, torture e indottrinamento politico. Fuori dai campi, gli uiguri sono monitorati da forze di polizia pervasive e dalla tecnologia di riconoscimento facciale.

Il governo cinese ha affermato che i rapporti sui campi da parte dei governi e dei media occidentali sono infondati, sostenendo che sono centri di formazione professionale e che sta combattendo l’estremismo.

Traduzione a cura della Laogai Research Foundation Italia

Fonte: Catholicherald.co.uk,27/09/2019

English article:

China harvesting organs from prisoners of conscience, human rights group claims

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.