GLI SPRECHI DELL’OPULENTO OCCIDENTE

Nella sola Milano vengono gettati via180 quintali di pane al giorno. Questa è la punta dell’iceberg di immondizie che si raduna quotidianamente: frutta, verdura, latticini, pasta etc. Si parla dell’1% di ricavo perduto. A fronte di 100 miliardi di fatturato annuo, la grande distribuzione registra lo spreco di un miliardo, sempre annuo. Solo i formaggi e i latticini scaduti fanno gola alle fabbriche di mangimi, che pretendono, però, compensi per andare a ritirarli.In tutt’ Italia, del resto, passando davanti ai cassonetti vicini ai supermercati, all’ora di chiusura, lo spettacolo non cambia e si vedono grandi quantita’ di cibi abbandonati.
In un mondo nel quale ci sono persone, milioni di persone, soprattutto bambini, che non hanno cibo sufficiente alla sopravvivenza, questo sperpero è veramente vergognoso e immorale. Qualcosa, pero’, si dovrebbe fare.
Secondo uno studio dell’Universita’ di Bologna, recuperando le eccedenze della piccola e grande distribuzione, si potrebbero fornire tre pasti al giorno a ben 636.600 persone. Quindi l’ateneo felsineo suggerisce di riutilizzare le rimanenze “distribuendo a km 0” , e cioe’ nelle immediate vicinanze dei negozi o dei supermercati. Infatti lo spreco nasce dal fatto che recuperare le eccedenze costa e nessuno vuol fare questo trasporto gratuitamente. A Vigevano provvede una vecchina di 83 anni a portare il pane al canile comunale! E nel resto del nostro paese?  Solo ipod, telefonini, discoteche. Giovani animalisti dove siete?
Tornando al problema, i comuni poi potrebbero favorire, con adeguati sgravi fiscali, il successo di questi progetti di solidarietà sociale o studiare altri mezzi per premiare i commercianti virtuosi, che organizzano bene l’ ordinazione delle merci.
Da privati cittadini infine potremmo tutti seguire l’ottimo l’esempio del ferrarese don Bendin che, tutte le sere, passa a ritirare il pane avanzato dal panificio Orsatti per portarlo ad una comunita’.
Maria Vincenza Pincelli

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.