Gli attivisti cinesi hanno commemorato la morte di Liu Xiaobo da soli, in silenzio.

Lunedì alcuni attivisti hanno detto che nei tre anni successivi alla morte in prigione del premio Nobel per la pace Liu Xiaobo, il Partito Comunista Cinese al potere è riuscito a reprimere la libertà di parola e il dissenso pubblico a livelli senza precedenti.

Il gruppo di attivisti della Liu Xiaobo Association ha detto che anche Liu non immaginava quanto velocemente Pechino si sarebbe mossa per esercitare il controllo diretto su Hong Kong, dove una legge di sicurezza draconiana era stata imposta alla città il 30 giugno.

“Liu Xiaobo ha espresso il suo amore per Hong Kong molte volte durante la sua vita”, ha detto il gruppo in una dichiarazione lunedì, il terzo anniversario della morte di Liu a causa di un tumore al fegato avanzato presso l’Ospedale universitario medico cinese China No. 1 nella città nord-orientale di Shenyang , sotto stretto controllo.

Al momento della sua morte all’età di 61 anni, Liu aveva scontato una condanna di 11 anni per “incitamento a sovvertire il potere statale”, collegato ai suoi scritti online che promuovevano la democrazia e il governo costituzionale.

Quell’accusa, che è in genere utilizzata per colpire i critici pacifici di Pechino, è stata recentemente introdotta a Hong Kong nonostante le promesse che la città avrebbe mantenuto una giurisdizione separata e le libertà di parola e associazione tradizionali dopo il passaggio del 1997 in Cina.

Il lavoro più noto di Liu come coautore è stato Charter 08, un documento che è stato firmato da oltre 300 importanti studiosi, scrittori e attivisti dei diritti in tutto il paese.

Nel documento, l’ex professore di letteratura ha chiesto ai cittadini cinesi interessati di radunarsi per provocare un cambiamento, citando una crescente perdita di controllo da parte del Partito Comunista e una maggiore ostilità tra le autorità e la gente comune.

La diagnosi tardiva di Liu e il rifiuto del partito comunista cinese al potere di consentirgli di recarsi all’estero in libertà condizionale hanno provocato una diffusa rabbia pubblica.

“Hong Kong è stato l’ultimo bastione della libertà di parola e l’unica città cinese in cui si potrebbe ancora commemorare il massacro di Tiananmen del 1989”, afferma la nota.

“Deve essere stato difficile per Liu prevedere con quale velocità il Partito comunista avrebbe colonizzato Hong Kong e reso simile alla Cina continentale”, ha detto.

Un coautore della Carta 08 nella città di Taiyuan, nel nord della Cina, che ha rifiutato di essere nominato, ha detto che molte persone ricordano ancora Liu silenziosamente in Cina.

“Non so molto di Liu Xiaobo” disse l’uomo. “Molte persone conoscono il suo nome, ovviamente.”

“Oggi, nel terzo anniversario della sua morte, mentre prestava servizio come prigioniero politico, mi sento come se non ci fosse speranza, né futuro, in questo ambiente politico”, ha detto.

Un uomo erudito e gentile”

L’amico e collega attivista di Liu, Ma Qiang, ha detto che una volta Liu aveva scritto in modo controverso che la Cina neanche con”300 anni di colonizzazione”avrebbe potuto recuperare il ritardo rispetto ad Hong Kong dal punto di vista politico.

“Quello che Xiaobo ha effettivamente detto è che Hong Kong, essendo stata una volta una colonia britannica, era finita con una struttura sociale e una coscienza civica completamente diversa da quella della Cina continentale”, ha detto Ma.

“La coscienza civica del popolo di Hong Kong ha formato una civiltà moderna che è diventata una parte del mainstream internazionale”, ha detto. “La Cina, tuttavia, è rimasta bloccata con il suo sistema di [vecchia] classe e il suo sistema agricolo, e non ha potuto districarsi”.

“Ho incontrato Liu Xiaobo nel 1999, quando era appena uscito dalla” rieducazione attraverso il lavoro “, quando un amico comune mi ha chiesto aiuto per installare il suo computer”, ha ricordato Ma.

“Era lo studioso per antonomasia; un uomo erudito e gentile, che aveva anche un senso dell’umorismo. È stato un piacere interagire con lui”, ha detto.

L’attivista per i diritti con sede a Pechino Hu Jia ha affermato che le persone potrebbero riuscire a commemorare Liu, le cui ceneri sono state seppellite in mare dalle autorità in una cerimonia segreta, andando in riva al mare, ma avrebbero dovuto fare attenzione a non essere scoperte, come le precedenti commemorazioni in riva al mare che avevano provocato detenzioni da parte della polizia di sicurezza dello stato.

“La cosa principale è un memoriale sulla spiaggia”, ha detto Hu a RFA. “Se vivi nella Cina continentale, potresti farlo da solo, anche se in una data delicata come oggi, è possibile che ci sarà la polizia che pattuglia la spiaggia nella [città nord-orientale di] Dalian.”

“Anche se pubblichi qualcosa ai tuoi amici di WeChat, potresti essere preso di mira dalle autorità”, ha avvertito. “Ho visto che qualcuno aveva pubblicato oggi senza menzionare il suo nome; hanno appena parlato di un terzo anniversario, un’offerta sulla spiaggia, una candela e una sedia vuota.”

Lotta lunga e non violenta

A Liu è stato assegnato il premio Nobel per la pace 2010 “per la sua lunga e nonviolenta lotta per i diritti umani fondamentali in Cina” in una decisione che ha fatto infuriare Pechino, che ha affermato di aver infranto la legge cinese. Durante la cerimonia del premio Nobel per la pace a Oslo, è stato rappresentato da una sedia vuota.

Pechino ha interrotto i rapporti commerciali con la Norvegia a seguito del premio e ha posto la moglie di Liu, il poeta e fotografo Liu Xia, agli arresti domiciliari per otto anni dalla data in cui è stato annunciato il premio.

Liu Xia, che vive in Germania dal 2018, ha sofferto di gravi problemi di salute mentale a causa del suo trattamento per mano delle autorità.

Nel 2019, Liu ha detto che lei e Liu Xiaobo avevano poche possibilità di parlarsi nelle settimane prima della sua morte e che aveva difficoltà ad accettare la sua perdita.

Traduzione di Giuseppe Manes,Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: RFA,13/07/2020

Versione inglese:

Chinese Activists Mark Liu Xiaobo’s Death Alone, Silently 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.