Giustizia per il Tibet e “giurisprudenza universale”

Il presidente del C.A.T. (Comite de Apoyo al Tibet), Alan Cantos, è tra i principali attori nelle cause intentate presso la Corte Suprema Spagnola contro i leader cinesi accusati di genocidio e altri gravi crimini contro l’umanità.

Alan Cantos ha intrapreso una serie di azioni legali contro i leader cinesi davanti alla Corte Suprema di Madrid. In un’intervista  a Voice of America (Washington DC), pubblicata su you tube, spiega come sia possibile ottenere giustizia, a livello internazionale, superando la passività e le pastoie diplomatiche che non consentono ai cittadini di ottenerla attraverso i governi che hanno eletto.

Innanzi tutto egli spiega che, grazie a diverse convenzioni internazionali, gli Stati possono vantare giurisdizione penale nei confronti degli individui i cui presunti crimini sono considerati crimini contro l’umanità (come il genocidio), indipendentemente dalla competenza territoriale in cui detti crimini sono stati commessi. Grazie a questo principio, a suo tempo, Pinochet fu condannato e arrestato: le forze dell’ordine dipendono direttamente dall’autorità giudiziaria. Perciò, laddove i principi democratici dello Stato di diritto e della separazione dei poteri sono sostanzialmente applicati, indipendentemente dall’azione politica e diplomatica dei Governi, potrebbe essere spiccato e attuato un mandato di cattura internazionale anche nei confronti dei leader cinesi responsabili di sessant’anni di violenze, soprusi, torture e deportazioni forzate ai danni dei Tibetani.

In secondo luogo egli rileva come la giustizia non sia  da confondere con la vendetta: anche se all’atto pratico non sarà possibile punire i suddetti responsabili, sarebbe comunque una strepitosa vittoria della giustizia se questi fossero condannati a livello internazionale, per crimini contro l’umanità.

Inoltre è già un evento importante – che va a colmare la sete di giustizia insita nel cuore umano – che decine e decine di tibetani in esilio possano recarsi davanti a un giudice togato per testimoniare sui crimini subiti da loro stessi e dai loro familiari.

L’iter è lungo, laborioso e dispendioso. Già nel 2010 abbiamo riportato la delusione per una sentenza di rigetto pronunciata a suo tempo dalla Corte. Ma Cantos e i suoi hanno perseverato ed ora la questione è di nuovo nelle mani dei giudici spagnoli. La Corte già ha accettato come “prova storica” il fatto  che il Tibet  è uno Stato che subisce l’occupazione dell’invasore cinese dal ’50. Già questa è stata una vittoria.

Sarebbe veramente un grande passo avanti per la giustizia e per la verità se Cantos e i suoi ottenessero una sentenza di condanna. E chissà: potrebbe essere un precedente per altre Corti occidentali e un monito pesante per i dittatori di Pechino.

FRP

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.