Giro di vite della censura in Cina: vietati video su 100 argomenti

La Cina ha diffuso oggi nuove linee guida sulla censura dei video on line, vietando circa 100 tipi di contenuti.

Tra questi, ovviamente, le questioni politiche in cima alla lista, tra cui l’indipendenza di Taiwan, le critiche ai leader del Partito Comunista e la parodia dell’inno nazionale della Cina.

Ma anche “l’adorazione di denaro”, le opinioni malsane su matrimonio e amore e i filmati “non verificati” di proteste e raduni.

Nel corso dell’ultimo anno Pechino ha intensificato la sua repressione sui contenuti online “illegali”, per esempio il modo in cui la polizia cinese blocca pesantemente molti siti web stranieri come Google e Facebook.

Lo scorso anno le autorità cinesi hanno accusato WeChat e Twitter di diffondere informazioni e notizie “politicamente dannose e chiudendo di fatto tutti gli account che fossero di semplice opposizione. Vietato ovviamente il porno, i video ritenuti immorali e quelli feticistici.

Il governo cinese incoraggia gli operatori di partecipare a corsi di formazione su come impostare brevi filmati che riguardano il Paese che devono essere in sintonia con il PCC.


Fonti: Business Insider Italia, The Guardian, 10/01/2019

English article, The GuardianToe the line: China bans foot fetish videos and political spoofs as censorship tightens

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.