Giovane uiguro condannato a 20 anni di carcere. Accusato di cospirazione per aver tentato di lasciare la Cina e essersi unito a gruppo separatista.

Un giovane teenager uiguro è stato condannato a 20 anni di carcere dopo essere stato accusato di cospirazione per aver preso parte ad un gruppo separatista militante  e per aver aiutato degli amici a lasciare la Cina, scrive l’RFA.

Abduraxman Rozi, 17 anni, è stato condannato da una corte della prefettura di Aksu sulla base delle parole delle autorità Cinesi che lo accusano di aver architettato il piano di unione ai separatisti del Turkestan Orientale e il piano di fuga illegale di quattro persone.

Secondo le autorità, anche altri quattro ragazzi sono stati trattenuti per aver tentato di lasciare il paese. Un giovane di 17 anni e un altro di 18 sono stati entrambi condannati a 9 anni di carcere, mentre altri due sono stati liberati.

Il Turkestan Orientale è uno dei nomi che gli uiguri separatisti e il loro sostenitori attribuiscono all’attuale Regione Autonoma uigura dello Xinjiang nella speranza di un futuro Stato indipendente.

Nel 1949, l’ostile regione dello Xinjiang fu temporaneamente dichiarata Turkestan Orientale indipendente, ma questa decisione fu di breve durata in quanto fu assorbita dalla Cina Comunista più tardi lo stesso anno sotto le sembianze di una “liberazione pacifica”.

Da allora, il governo ha soppresso  attivisti e dimostrazioni svolte a favore dell’indipendenza.

Cercare Lavoro

Mentre le autorità pensano che Abduraxman Rozi  voleva diventare un ribelle, la sua famiglia sostiene che il ragazzo stava semplicemente cercando lavoro.

“Mio figlio potrebbe aver anche pensato di andare all’estero vedendo alcuni Uiguri fare lo stesso, ma non credo che lui avesse alcun intento politico o religioso nel suo piano” disse suo padre Rozi Abliz a RFA. “Lui andò a Kunming per cercare lavoro, ecco perché potrebbe essere stato interessato ad andare in un altro paese, solo in cerca di una vita migliore”

Tursun Awut, capo della sicurezza del villaggio numero 17 della città di Aykol, ha rivelato a RFA che Abduraxman Rozi era stato arrestato e disse anche che l’arresto suoi amici si basava sulle sue stesse confessioni.

Abduraxman Rozi potrebbe aver prima attirato l’attenzione delle autorità quando lavorava come fornaio in Kunming, luogo di un violento attacco innescato da aggressori armati di coltello che uccise 29 civili e quattro perpetratori e ne ferì più di altri 140.

Nonostante nessun gruppo ne persona fece un passo avanti per dichiararsi colpevole dell’attacco,  i media cinesi accusarono i terroristi separatisti dello Xinjiang. Una donna fu condannata all’ergastolo e due uomini furono accusati di partecipare agli attacchi del 2014.

Rozi Abliz disse che suo figlio stava solo cercando il meglio per se stesso in Kunming. “Lui non è responsabile di nessuna azione per cui è stato accusato”, disse, “ non è stato catturato né al confine né nella via per il confine. Secondo l’ordine delle autorità, è stato catturato nella mia casa dopo essere rientrato da Kunming.”

Strike Hard (Colpo Duro)

Tursun Awut disse a RFA che Abduraxman Rozi fu deportato da Kunming a metà Marzo e ha vissuto normalmente nella sua città natale fino a Giugno quando fu arrestato sotto la cosiddetta campagna “strike hard”.

Dopo un mortale attentato suicida in Maggio 2014 ad Urumqi, capitale dello Xinjiang, le autorità Cinesi, che accusarono i separatisti uiguri dell’attacco, iniziarono una campagna per reprimere i membri della minoranza musulmana di lingua turca.

La campgana includeva incursioni della polizia nelle case Uigure, restrizioni nelle pratiche islamiche, limiti nella cultura e nella lingua del popolo uiguro inclusi video e altri materiali.

La Cina ha promesso di porre fine ai presunti “tre diavoli”: terrorismo, separatismo ed estremismo religioso nello Xinjiang dove vivono la maggior parte degli uiguri. Esperti esterni alla Cina credono che Pechino abbia troppo amplificato la minaccia separatista uigura e le politiche interne hanno provocato un aumento della violenza nella regione causando centinaia di morti dal 2012.

Abduraxman Rosi non fa parte di questi “diavoli” e le accuse contro di lui non hanno senso, dice suo padre.

“La documentazione che ha la corte dimostra che mio figlio andò a Kunming con l’intento di attraversare il confine illegalmente, ma qualsiasi cosa mio figlio ha pensato o pianificato, di sicuro non ha ancora passato il confine. Come può essere punito per un crimine che non ha commesso?” disse Rozi Abliz.

“Le prove della corte confermano anche che mio figlio ha incontrato trafficanti per ottenere un passaporto falso. Se questo fosse vero sicuramente non era una scelta di mio figlio. Perchè il governo non gli permette di prendere un passaporto per vie legali?” ha aggiunto.

Una tangente?

Rozi Abliz ha inoltre chiesto spiegazioni sul motivo che vede suo figlio e i suoi due amici in prigione ma permette i due altri amici di rimanere liberi.

“I parenti dei ragazzi rilasciati si sono lamentati con noi dicendo: ‘Abbiamo perso 50-60 mila yuan ($7.600-$9.200) a causa della falsa dichiarazione di tuo figlio ‘” ha detto. “A questo punto presumo che i loro figli sono stati rilasciati a seguito di una mazzetta alle autorità”.

Pagare una tangente è impossibile per lui ed è disperato, ha detto.

“Abbiamo un solo figlio, non abbiamo soldi né terra e né lavoro.” disse. “Ci aspettiamo solo che nostro figlio possa fare qualcosa per il suo futuro ma adesso non gli sarà possibile per decenni. Non abbiamo motivo di vivere senza di lui, quindi io e mia moglie siamo pronti ad affrontare qualsiasi rischio per far si che nostro figlio venga rilasciato.”

RFA raggiunse il padre di Mutellep Mamut, uno dei ragazzi condannato alla pena più breve, ma rifiutò di commentare. Il padre del terzo ragazzo condannato, Abdusalam Eziz, diede invece una risposta peculiare alle domande poste da RFA insinuando che ci sono persone nella città che non conosco neanche il destino dei loro figli.

“Io sono un padre fortunato” disse. “Ho solo un figlio in prigione nella mia famiglia e conosco il termine della condanna cosi come il luogo.”

Un insegnante in Aksu, che parlò sotto anonimato, disse a RFA che il caso di Abduraxman Rozi e dei suoi amici è un caso comune.

“Ci sono migliaia di persone come lui ad Aksu. Mi domando come le autorità possano creare una società armoniosa con questa generazione” disse l’insegnante. “E’ estremamente chiaro che il governo sta scegliendo la via sbagliata per creare stabilità nello Xinjiang.

Radio Free Asia, 20/05/2016

Tradotto da: R.E., Laogai Research Foundation Italia ONLUS.

English article, RFA:

Articoli correlati:

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.