Giovane tibetano si da fuoco a Nagba, il bilancio delle vittime per auto immolazione sale a 165

Giovane tibetano di nome  Yonten mercoledi 27/11/2019 è morto per essersi dato fuoco  nella città di Ngaba situata nella contea omonima nella regione  di Amdo in Tibet nella cosiddetta provincia del Sichuan.

 

Secondo informazioni fornite dai monaci del monastero di Dharamshala Kirti Jhepa, Lobsang Yeshi e Kanyag Tsering, ieri Yonten si è auto immolato  intorno alle 16:00 ora locale per protestare contro le politiche repressive della Cina all’interno del Tibet occupato.

I monaci riferiscono che il giovane tibetano è morto per le gravi ustioni riportate.

Il 24enne proveniva dal comune di Meruma a Ngaba dove risiedono ancora suo padre Sodhon e sua madre Tsekho Kyi. Yonten era un ex monaco.

Negli ultimi anni, sono state ricevute diverse segnalazioni che le autorità cinesi in Tibet  hanno costretto i giovani monaci tibetani a uscire dai loro monasteri, a volte ordinando loro di unirsi alle scuole comuniste.

Dopo aver lasciato il suo monastero, Yonten condusse poi una vita da nomade nella zona.

Ngaba è una regione tibetana fortemente monitorata regolarmente, con intense misure di video sorveglianza. La polizia può raggiungere un sito di protesta in pochi minuti.  Attualmente, i dettagli sul fatto che il corpo di Yonten sia stato restituito ai suoi genitori e l’entità delle restrizioni a seguito della protesta di auto-immolazione nell’area non è noto al momento a causa del blocco delle comunicazioni dei telefoni e su Internet.

 

Una veduta aerea della città di Meruma a Ngaba, in Tibet. Per gentile concessione di Kanyag Tsering e Lobsang Yeshi / Kirti Monastery con sede a Dharamshala

 

Nel corso degli anni, il governo cinese ha attuato una repressione totale delle proteste di auto-immolazione tibetane, etichettando le proteste come un “atto di terrorismo” , i membri della famiglia degli auto-immolatori sono stati considerati dei criminali, vengono  rimproverati e arrestati con condanne pesanti. La protesta di auto-immolazione di Yonten è la prima registrata quest’anno.

 

L’ultima protesta di autoimmolazione tibetana a Meruma nella contea di Ngaba nella provincia tibetana di Amdo. Foto per gentile concessione di Kanyag Tsering e Lobsang Yeshi / Kirti Monastery con sede a Dharamshala

 

Il numero delle vittime in Tibet per auto immolazione sale a 165 da quando nel 2008  Thupten  Ngodup   e Tapey nel 2009 sono stati i primi tibetani a auto immolarsi.

Traduzione a cura di Arcipelago Laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: ,Central Tibet Administration,Phayul,28/11/2019

Articolo in inglese:

A Tibetan youth in Ngaba dies after setting himself on fire to protest against Chinese rule

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.