Germania teme Cina e chiede barriere Ue su industrie strategiche

Berlino, 9 giu. (askanews) – Preoccupato dalle mire cinesi sull’industria tedesca, il ministro dell’Economia tedesco Sigmar Gabriel ha auspicato l’introduzione di barriere europee per frenare gli investimenti dei “predoni” stranieri nelle industrie strategiche.

In un intervento pubblicato oggi sul settimanale economico Wirtschaftswoche, il vicecancelliere socialdemocratico ha esortato i suoi colleghi europei a “riflettere se prendere o meno in considerazione gli interessi industriali dell’Ue da opporre a quelli di alcuni investitori in quei settori strategici per il futuro dell’economia europea”. In altre parole, il ministro vorrebbe poter porre dei limiti all’acquisto delle aziende europee da parte di attori non europei quando si tratta di industrie “che hanno in sé i semi della prosperità e della creazione della ricchezza di domani”, ha sostenuto Gabriel.

Il ministro si era già espresso nei giorni scorsi contro il progetto della cinese Midea di acquisire la fabbrica tedesca di robotica ed eletronica Kuka, preferendo a questa un altro acquirente tedesco o europeo. La Midea ha lanciato un’offerta il mese scorso per acquistare il 30% delle azioni della Kuka, di cui detiene già il 13,5%.

Gabriel ha criticato gli investimenti realizzati da “aziende che vengono da Paesi che non aprono i loro mercati”, ha detto senza citare la Cina. Negli ultimi anni in Germania diverse imprese di varia dimensione sono passate in mani cinesi. La legge tedesca permette al governo di opporsi a una presa di controllo straniera se sono in pericolo la sicurezza o l’ordine pubblico.

Merkel dal canto suo si è ben guardata finora dal pronunciarsi sul caso Kuka o dall’avanzare propositi protezionistici. La cancelliera cristiano democratica parte domenica per la Cina, accompagnata da numerosi ministri del governo.

Askanews,09/06/2016

Articoli correlati:

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.