Fuggono dalla Nordcorea per essere vendute in Cina come spose o prostitute

Migliaia di giovani donne, spinte dalla fame, si lasciano comprare per sposare cinesi o per andare a lavorare nei bordelli del sud. La nuova tratta delle schiave implica guardie di frontiera cinesi e nordcoreane, gruppi etnico-coreani e manager di hotel e divertimento.
Un fiorente traffico di donne, da usare come mogli o come prostitute, sta crescendo al confine fra la Corea del Nord e la Cina. Il commercio va intensificandosi a causa della cronica povertà e fame della popolazione dominata da Kim Jong-il.
Secondo i dati delle autorità cinesi nel 2009 sono entrati in Cina fuggendo dalla Corea del nord circa 25 – 30 mila nord-coreani. Del 40% che rimangono la maggioranza sono donne. Da un’ inchiesta condotta dal giapponese Daisuke Nishimura, giornalista dell’Asahi, le loro condizioni sono spesso umilianti.
Sposa per fame
Nell’aprile dell’anno scorso il governo di Pyongyang ha indetto una campagna di lavoro agricolo di 150 giorni. Una contadina di circa 30 anni, sola e indebolita dalla denutrizione, ha lavorato senza riposo il suo terreno improduttivo, nel terrore di essere rimproverata dai leaders del villaggio nei raduni di fine-settimana. L’ordine era di lavorare al massimo per aumentare la produttività.
All’inizio di luglio, ormai al limite delle forze, ha incontrato al mercato una donna straniera sui quarant’anni che le ha detto: “La Cina è meravigliosa. Là potrai sposare un uomo carino”. Quella donna era un’intermediaria (broker) di traffico umano che di recente è diventato un’industria fiorente a causa dell’aumento di nord-coreani che riparano in Cina per sfuggire la cronica penuria di cibo e le agitazioni del paese.
Una settimana dopo l’incontro, la donna, attraversando le montagne di notte, ha raggiunto il fiume Tumen, linea di. confine tra le due nazioni,  l’ha attraversato a nuoto tremando non tanto per il freddo, ma per il terrore di essere vista dalle guardie nord-coreane. Al di là del fiume l’attendevano altri brokers che l’hanno venduta come sposa a un contadino etnico-coreano della provincia cinese di Jilin, presso il confine con la Corea del nord, al prezzo di 6 mila yuan (878 dollari Usa).
“Mio marito è stato buono con me”, ha detto la profuga all’intervistatore giapponese. “Sono felice, perché posso mangiare ogni giorno quanto voglio”.
La giovane contadina può dirsi fortunata. È sposata, vive come una buona casalinga e aiuta il marito nel lavoro della campagna. Ma l’odissea non si può dire conclusa. “Benché non sia più ossessionata dalla fame”, scrive il giornalista giapponese, “ha sempre paura di essere arrestata dalla polizia cinese. La Cina non riconosce i ‘disertori’ nord-coreani come rifugiati e, se scoperti, li rimanda indietro. Quindi, legalmente significa che essa non può sposare formalmente l’uomo che chiama suo marito.”
Dalla miseria nord-coreana alla prostituzione cinese
Altre donne non sono così fortunate. Molte fuggitive vengono inviate nel sud della Cina, dove lavorano come prostitute nelle bathhouses.
Il confine tra la Cina e la Corea del nord e’ la via preferita per chi tenta la fuga dalla Corea del nord, perche, dati i rapporti di amicizia tra Pechino e Pyongyang, i controlli di polizia, qui, sono piuttosto blandi. Si calcola che, attualmente in Cina, vivono illegalmente da 300 a 400 mila nord-coreani. Tra di loro molte giovani donne, sono oggetto dell’ignobile traffico umano, realizzato da un’organizzazione non vasta, ma ben organizzata. Si tratta di circa 150 broker cinesi etnico-coreani con “cellule” nella Corea del nord. La loro padronanza della lingua conquista facilmente la fiducia delle fuggitive. Dai managers degli hotels e bathhouses del sud vengono le ordinazioni alle quali rispondono i broker con la collusione delle guardie di confine cinesi
Una di loro , intervistata, ha detto che ogni anno aiuta da 40 a 50 nord-coreani a passare il confine. Con riluttanza ha anche detto che nel mese di novembre ha visto un gruppo di giovani donne del nord attraversare il fiume. Vestivano abiti cenciosi e tremavano dal freddo. Un broker etnico-coreano le accolte dal lato cinese e ha offerto un semplice piatto di carne che esse hanno subito divorate. Le donne, alcune non ancora ventenni, hanno poi indossato abiti puliti che il broker aveva preparato per esse e sono state trasportate a una bathhouse nella Cina meridionale, dove avrebbero lavorato come prostitute.
Un mese prima lo stesso broker aveva chiesto la collaborazione di quella guardia per rispondere alla richiesta di un cliente di mandargli “parecchie donne di età tra i 18 e i 25 anni”. Le giovani donne furono presto reclutate nel Nord.
La tratta delle schiave
Se i broker nella patria di partenza sono zelanti nel reclutamento delle giovani donne, quelli etnico-coreani che le attendono al confine cinese sono abili nel  procurare loro carte di identità false e farle procedere per la destinazione fissata: il sud del Paese.
Secondo fonti di informazione il “cliente” paga il broker che è in Cina da 6 a 7 mila yuan per ogni giovane nord-coreana: di essi 4 mila yuan vanno nelle tasche della guardia (di confine) cinese e mille in quelle della guardia coreana.
I brokers, conclude l’analista dell’Asahi, non vedono segni di declino della loro attività commerciale. Uno di loro dice: “Quanto più la Corea del nord diventa povera e miserabile, tanto più denaro guadagniamo”.
Fonte: AsiaNews, 15 febbraio 2010

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.